Autovelox e Tutor per l'accertamento dell'eccesso di velocità » Accertamento diretto con fermo del veicolo e contestazione immediata - Contestazione differita della violazione

Con l'utilizzazione dei dispositivi o mezzi tecnici di controllo del traffico finalizzati al rilevamento a distanza delle violazioni ai limiti si velocità, si esclude tout court l'obbligo della contestazione immediata.

La legge 214/2003 ha introdotto il comma 1 ter dell'art 201 del CdS, prevedendo che la contestazione immediata della violazione non sia necessaria qualora vengano utilizzati dispositivi debitamente omologati o approvati e che la violazione possa essere accertata anche senza la presenza materiale dell'operatore di polizia stradale, cioè attraverso le risultanze fotografiche o video degli apparecchi omologati o approvati installati ed utilizzati dall'organo di polizia stradale. Pertanto, l'accertamento delle violazioni ai limiti di velocità commesse sulle autostrade e sulle strade extraurbane principali è ammesso senza la necessità di una preventiva verifica della possibilità di procedere alla contestazione immediata e senza particolari limitazioni circa eventuali accertamenti da remoto cioè senza la presenza dell'operatore, purché avvenga con apparecchiature omologate o approvate a tale scopo.

E' legittimo l'utilizzo di apparecchiature che consentono di rilevare la velocità senza procedere alla contestazione immediata della violazione quando, per la tutela degli operatori addetti al servizio e degli altri utenti della strada, sia obiettivamente impossibile o comunque molto pericoloso, da parte di una sola unità operativa, il fermo immediato del veicolo.

Tale difficoltà può derivare sia dalle modalità di effettuazione del servizio di controllo che dalle caratteristiche strutturali o plano-altimetriche della strada. Salvo particolari situazioni contingenti, ed a titolo meramente esemplificativo. la situazione sopraindicata può dirsi sempre esistente sulle strade extraurbane a carreggiate separate prive di barriere o restringimenti che consentono la contestazione immediata; sulle strade a più corsie per senso di marcia, urbane ed extraurbane, prive di spazi adatti per effettuare il fermo dei veicoli; in tutte le situazioni in cui sia obiettivamente pericoloso procedere a fermare il trasgressore per l'incolumità degli utenti, degli operatori e per la sicurezza della circolazione.

Senza procedere alla contestazione immediata dalla violazione può ritenersi legittimo pure l'utilizzo di apparecchiature che consentono di rilevare la velocità solo dopo che il veicolo controllato è passato davanti alla postazione di controllo. In tali casi non é necessario dimostrare anche l'obiettiva impossibilita o comunque l'elevata pericolosità del fermo immediato dal veicolo. Né può essere richiesto all'organo di polizia procedente di operare con la presenza di più unila operative,

La contestazione immediata dell'eccesso di velocità al conducente del veicolo appena fermato non richiede che l'agente accertatore disponga di prove fotografiche o video o altro a supporto della rilevazione effettuata con lo strumento di misurazione. Sulla base delle disposizioni dell'articolo 142, comma 6 del CdS) e conformemente ad un consolidato orientamento giurisprudenziale, in caso di accertamento con contestazione immediata la fotografia o la ripresa rappresenta una documentazione ulteriore, ma non indispensabile, ai fini del raggiungimento della piena prova della violazione stessa.

Infatti, le disposizioni dell'articolo 142, comma 6, del CdS stabiliscono che per la determinazione dell'osservanza dei limiti di velocità sono considerale fonti di prova le risultanze di apparecchiature debitamente omologate., e non dispongono, invece, obblighi di documentazione. In proposito, la Corta di Cassazione, con la sentenza di 21360/2004, ha ritenuto legittima la misurazione effettuata mediante apparecchio telelaser omologato, secondo il disposto dell'articolo 142, comma 6 del CdS, anche se privo di dispositivi che forniscano una documentazione fotografica dell'accertamento dell'infrazione, Con la citata sentenza è stato ribadito il principio in base al quale le risultanze di apparecchiature debitamente omologate o approvate costituiscono fonti di prova per la determinazione dell'osservanza dei limiti di velocità.

Pertanto, poiché le risultanze fornite dagli apparecchi omologati o approvati coincidono con la visualizzazione della velocità sul display degli apparecchi stessi, la piena efficacia e la validità della contestazione si realizzano con l'accertamento diretto da parte dell'operatore addetto al controllo.

In particolare, il personale, posto a valle del punto di rilevazione, direttamente oppure ricevuta notizia via radio dall'accertatore della velocità desunta dal monitor dell'apparecchiatura nonché del tipo, della targa o di altri elementi di riconoscimento del veicolo che ha superato il limite di velocità, procede al fermo dello stesso ed alla contestazione dell'infrazione.

Peraltro, l'accertamento della violazione é effettuato dal personale che presidia l'apparecchio ed ha rilevato la velocità e, quindi, nel corpo del verbale di contestazione dovrà essere espressamente indicato il nominativo degli agenti accertatori e che la rilevazione dell'eccesso di velocità é stata compiuta dagli stessi.

Il presente articolo rappresenta un estratto della direttiva, di cui al protocollo 300/A/5620/17/144/5/20/3, del Dipartimento di Pubblica Sicurezza (Servizio Polizia Stradale) del Ministero dell'Interno, di cui si riporta, appresso, copia del documento integrale nel formato pdf.

Direttiva di cui al protocollo 300/A/5620/17/144/5/20/3 del Dipartimento di Pubblica Sicurezza (Servizio Polizia Stradale) del Ministero dell'Interno

31 agosto 2017 · Giuseppe Pennuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca