Quando la distanza minima fra dispositivo di rilevamento della velocità e segnale di preavviso della presenza di una postazione di controllo può essere inferiore al chilometro anche fuori dai centri abitati e laddove il limite di velocità consentito sia diverso da quello fissato dalla normativa per quella categoria di strada

La distanza minima di un chilometro fra dispositivo di rilevamento della velocità e segnale di preavviso della presenza di una postazione di controllo, non si applica nei centri abitati, come abbiamo già visto, ma anche fuori dai centri abitati quando la postazione è presidiata dagli organi di polizia stradale.

Sempre fuori dai centri abitati, la distanza minima di un chilometro fra dispositivo di rilevamento della velocità e segnale di preavviso della presenza di una postazione di controllo, non si applica nemmeno rispetto al segnale che costituisce mera ripetizione del precedente, quando non vi sono incroci e quando il limite di velocità imposto, pur essendo diverso da quello fissato dalla normativa vigente per la categoria di strada, è tuttavia uniforme lungo tutto il tratto.

Ancora in riferimento a strade ubicate fuori dai centri abitati, la distanza minima di un chilometro fra dispositivo di rilevamento della velocità e segnale di preavviso della presenza di una postazione di controllo, non si applica rispetto al segnale ripetuto dopo un'intersezione, quando la velocità massima consentita è identica su tutti i rami dell'incrocio e la (prima) segnaletica di limite massimo di velocità su tali rami è comunque ad una distanza di almeno un chilometro dalla postazione di rilevamento, in modo da garantire tale distanza a tutti gli utenti della strada che si avvicinano alla postazione, quale che sia il ramo percorso.

Argomenti correlati

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su quando la distanza minima fra dispositivo di rilevamento della velocità e segnale di preavviso della presenza di una postazione di controllo può essere inferiore al chilometro anche fuori dai centri abitati e laddove il limite di velocità consentito sia diverso da quello fissato dalla normativa per quella categoria di strada. Clicca qui.

Stai leggendo Quando la distanza minima fra dispositivo di rilevamento della velocità e segnale di preavviso della presenza di una postazione di controllo può essere inferiore al chilometro anche fuori dai centri abitati e laddove il limite di velocità consentito sia diverso da quello fissato dalla normativa per quella categoria di strada Autore Giuseppe Pennuto Articolo pubblicato il giorno 30 luglio 2017 Ultima modifica effettuata il giorno 27 settembre 2017 Classificato nella categoria multe da autovelox t-red tutor photored telelaser scout speed Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)
  • Leonardo Pizzighello 17 gennaio 2019 at 16:14

    Vorrei sapere se vi è una distanza minima da un incrocio per istallare un autovelox fisso.

    • Ludmilla Karadzic 17 gennaio 2019 at 18:21

      E’ necessario che non vi sia tra il segnale e il luogo di effettivo rilevamento autovelox una distanza superiore a quattro chilometri, mentre non è stabilita una distanza minima. E’ quanto ha sancito, fra le altre, la sentenza della Corte di cassazione 7949/2017. Non ci risultano invece norme o giurisprudenza che fissiano una distanza minima fra intersezione e posizionamento del dispositivo elettronico di rilevamento della velocità.



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca