Indice del post i diritti del contribuente: il vademecum sull'istanza di autotutela

Tutto ciò che bisogna conoscere sull'istanza di autotutela per l'annullamento di una cartella esattoriale. Quando una cartella esattoriale è palesemente illegittima o viziata, come ad esempio può esserlo una cartella esattoriale per un tributo non dovuto o già pagato, è interesse anche della pubblica amministrazione evitare una causa che la vedrebbe sicuramente perdente. Nello stesso tempo, è anche interesse del cittadino evitare un contenzioso lungo e costoso. Così, la legge consente a chiunque, senza bisogno di difensori, di presentare un ricorso direttamente all'ufficio che ha emanato l’atto contestato o, in caso di grave inerzia, a quello gerarchicamente superiore. Si [ ... leggi tutto » ]

L'autotutela, come accennato, costituisce il potere/dovere dell'amministrazione finanziaria di correggere o annullare, su propria iniziativa o su richiesta del contribuente, tutti i propri atti che risultano illegittimi o infondati. Tale potere spetta all'ufficio che ha emanato l'atto o che e' competente per gli accertamenti d'ufficio, oppure -in via sostitutiva e in caso di grave inerzia- alla Direzione Regionale o compartimentale dalla quale l'ufficio stesso dipende. In linea generale, quindi, per le imposte dirette ci si deve rivolgere all'Agenzia delle entrate, mentre per i tributi locali all'ente locale che ha emesso gli atti. Per i tributi di competenza comunale (Tasi, [ ... leggi tutto » ]

Con l'istanza di autotutela l'Amministrazione finanziaria può correggere un proprio atto illegittimo o infondato. In sostanza, quando l'Amministrazione rileva che in un atto da essa emanato è contenuto un errore, in mancanza del quale lo stesso atto non sarebbe stato emanato o avrebbe assunto un contenuto diverso, ha la possibilità di annullarlo o correggerlo, evitando in tal modo di danneggiare ingiustamente il contribuente nei cui confronti è stato emesso. La correzione può avvenire a seguito di istanza presentata dal contribuente o essere conseguente ad iniziativa propria dell'ufficio competente. L’esercizio dell'autotutela è una facoltà discrezionale il cui mancato esercizio non [ ... leggi tutto » ]

L'amministrazione finanziaria, ovvero l'ufficio che ha emesso la cartella esattoriale, può agire di propria iniziativa, a seguito di riesame, per annullarla. Non vi e' a carico dell'amministrazione finanziaria un dovere giuridico in tal senso. Si tratta di una semplice facoltà discrezionale, il cui mancato esercizio non può essere in alcun modo contestato. Comunque, ciò è possibile quando sussistano: errori di persona; evidenti errore logici o di calcolo; errori sul presupposto dell'imposta; doppie imposizioni; mancata considerazione di pagamenti di imposta regolarmente eseguiti; mancanza di documentazione successivamente sanata (non oltre i termini di decadenza); requisiti per fruire di deduzioni, detrazioni o [ ... leggi tutto » ]

L'autotutela può avviarsi anche su richiesta del contribuente, che può presentare istanza in carta semplice. Su di essa deve specificare: l'atto di cui viene chiesto l'annullamento (totale o parziale); i motivi per cui si ritiene tale atto illegittimo e quindi annullabile, in tutto o in parte: errore di persona errore logico o di calcolo errore sul presupposto dell'imposta doppia imposizione mancata considerazione dei pagamenti gia' effettuati presenza di requisiti per fruire di agevolazioni o riduzioni errore materiale del contribuente La domanda dev'essere presentata all'ufficio di competenza che ha emesso l'atto. Nel caso si sbagli ufficio, quello che riceve l'istanza [ ... leggi tutto » ]

Sussiste inerzia dal momento in cui l'ufficio competente, sollecitato dalla stessa amministrazione o dall'istanza del contribuente, non proceda al riesame della cartella esattoriale oppure non comunichi l'esito del riesame al contribuente che ha inoltrato la richiesta. L'inerzia diventa inerzia grave quando: l'ammontare delle imposte, interessi e sanzioni supera i 516.456,90 euro; il lasso di tempo intercorso tra la presentazione dell'istanza e la grave inerzia sia irragionevolmente lungo; vi sia stato un errore di persona (o sul presupposto) oppure una duplicazione dell'importo, ovvero quando sull'atto vi sia un vizio rilevante e sostanziale Relativamente all'elemento temporale, inoltre, tra le ipotesi di [ ... leggi tutto » ]

29 dicembre 2014 · Andrea Ricciardi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Autotutela e accesso agli atti – guida pratica
La previsione dell'articolo 26, dpr 29 settembre 1973 numero 602 (L'esattore deve conservare per cinque anni la matrice o la copia della cartella con la relazione dell'avvenuta notifica o l'avviso di ricevimento ed ha l'obbligo di farne esibizione su richiesta del contribuente o dell'amministrazione - ndr) non legittima sicuramente Equitalia ...
L'istanza di sospensione della cartella esattoriale » Un'ottima difesa del contribuente contro le cartelle pazze
Continuiamo il nostro viaggio nel mondo delle cartelle esattoriali pazze di Equitalia: ecco come difendersi grazie all'istanza di sospensione. Dopo aver parlato, in un precedente articolo, dell'istanza di autotutela, nell'intervento che segue, vogliamo illustrare ai contribuenti italiani uno degli altri diritti previsti dalla legge nel caso della ricezione delle classiche ...
L'enciclopedia delle cartelle esattoriali di Equitalia » Guida semplificativa per il contribuente/debitore
Tutto ciò che il contribuente deve conoscere sulle cartelle esattoriali di equitalia. Nell'articolo che segue, istruiremo il contribuente/debitore su tutto ciò che riguarda le cartelle esattoriali di Equitalia. Forniremo chiare delucidazioni su come e dove pagare, cosa fare quando si riceve una cartella, come e quando chiedere l'annullamento. Istruiremo su ...
Autotutela e amministrazione tributaria
Se l'Amministrazione tributaria prende atto di aver commesso un errore, può annullare il proprio operato e correggerlo senza necessità di attendere la decisione di un giudice: questo potere di autocorrezione si chiama "autotutela". La competenza a effettuare la correzione è, generalmente, dello stesso ufficio che ha emanato l'atto. Un atto ...
Sgravio della cartella esattoriale – come si ottiene
Lo sgravio della cartella esattoriale è la richiesta che il debitore inoltra all'ufficio dell'ente creditore (impositore) che ha formato il ruolo della cartella esattoriale, quando ritiene infondato l'addebito riportato nella cartella esattoriale stessa. Lo sgravio della cartella esattoriale, quindi, è la procedura attraverso la quale l'Ufficio dell'ente creditore (impositore) che ha inviato ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su indice del post i diritti del contribuente: il vademecum sull'istanza di autotutela. Clicca qui.

Stai leggendo Indice del post I diritti del contribuente: Il vademecum sull'istanza di autotutela Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 29 dicembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 3 aprile 2018 Classificato nella categoria autotutela Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca