Automobile difettosa? » Nessun rimborso se la si guida per un anno

Non si può annullare la vendita dell’automobile dopo un anno dall’acquisto, anche se la stessa è difettosa.

L’acquirente di un’automobile non può chiedere la risoluzione della contratto stipulato con il concessionario per malfunzionamenti del mezzo se l’ha guidata per un anno percorrendo svariate migliaia di chilometri.

Questo, in sintesi, l’orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 20842/14.

Da quanto si evince dalla pronuncia esaminata, non può esserci il rimborso del prezzo ne la restituzione del mezzo difettoso per il consumatore che, dopo aver acquistato l’auto, vi ha fatto numerosi chilometri: l’uso regolare dell’automobile, infatti, dimostra che la vettura è comunque idonea all’uso promesso dal venditore.

A parere degli Ermellini, il consumatore, per ottenere la risoluzione del contratto, deve dimostrare che il bene non è idoneo all’uso cui è destinato, come disposto dal codice civile.

Da ciò ne deriva che non può essere risolto il contratto di vendita dell’automobile, risultata difettosa dopo la consegna, se il proprietario vi ha percorso migliaia di Km e dalle fatture relative ai tagliandi periodici, risultano eseguiti dall’officina solo interventi di manutenzione ordinaria.

In conclusione, qualora si acquistasse un veicolo difettoso è bene restituirlo immediatamente al venditore: in caso contrario, anche se si riscontrassero evidenti difetti di fabbricazione, non sarà rimborsato alcun prezzo di vendita.

3 Ottobre 2014 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Prescrizione per la risoluzione del contratto di vendita di un bene affetto da vizi
Il diritto di chiedere la risoluzione del contratto di vendita si prescrive comunque, per il compratore di un bene affetto da vizi, nel termine di un anno dalla consegna del bene. La prescrizione di tale diritto può essere interrotta soltanto dalla proposizione di domanda giudiziale e non anche mediante atti di costituzione in mora. E vale anche per i vizi occulti, quelli, cioè, che si manifestano dopo un certo periodo di uso. Così si è espressa la Corte di Cassazione nella sentenza numero numero 10965 del 19 maggio 2014. ...

Ipoteca non dichiarata » Si a risoluzione del preliminare di vendita
Si alla risoluzione del preliminare di vendita se l'ipoteca sull'immobile non è dichiarata » Sentenza Cassazione Ipoteca sull'immobile taciuta? Sì alla risoluzione del preliminare di vendita Lo ha stabilito la Corte di Cassazione la quale, con la sentenza 13208/13, ha sancito che: Il promissario acquirente di un immobile, garantito libero da ipoteche, ma, in realtà, da esse gravato, ha la facoltà, non l'obbligo, ai sensi dell'articolo 1482, comma 1, del codice civile, applicabile al contratto preliminare, di chiedere al giudice la fissazione di un termine per la liberazione dal vincolo da parte del promittente venditore, ma se ha chiesto la ...

Credito al consumo e inadempimento del venditore - Il consumatore ha diritto alla risoluzione del contratto di credito anche se non c'è rapporto di esclusiva fra creditore e fornitore del bene
La Corte di Giustizia, con la sentenza del 23 aprile 2009 (emessa nella causa C-509/07) ha stabilito che l'esistenza di una clausola di esclusiva tra fornitore del bene e finanziatore, non è presupposto necessario del diritto del consumatore di procedere contro il creditore in caso di inadempimento delle obbligazioni da parte del fornitore, al fine di ottenere la risoluzione del contratto di credito e la conseguente restituzione delle somme corrisposte al finanziatore. Peraltro, la giurisprudenza di legittimità, partendo dalla direttiva comunitaria e dalla interpretazione della stessa da parte della Corte di giustizia ha individuato, nella successiva evoluzione legislativa attualmente in ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su automobile difettosa? » nessun rimborso se la si guida per un anno. Clicca qui.

Stai leggendo Automobile difettosa? » Nessun rimborso se la si guida per un anno Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 3 Ottobre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 18 Maggio 2017 Classificato nella categoria sentenze e ordinanze della Corte di cassazione in tema di tutela dei consumatori Inserito nella sezione tutela consumatori

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)