Vendi auto a prezzo maggiorato dopo aver manomesso contachilometri? » E' truffa

Si commette il reato di truffa se si vende l'auto a prezzo maggiorato dopo aver manomesso contachilometri

Rischia una condanna per truffa chi vende un'auto a un prezzo superiore facendo risultare il chilometraggio più basso.

Questo importante principio è stato stabilito dalla Corte di Cassazione, sezione penale, la quale, con la pronuncia 38085 del 17.09.13, ha sancito che: E' responsabile del reato di truffa, ai sensi dell'ex articolo 640 del c.p., chi vende un'automobile a un prezzo più alto rispetto a quello reale, dopo aver manomesso il chilometraggio facendolo risultare più basse le distanze realmente percorse, inducendo così in errore l'acquirente e procurandosi un indebito profitto.

A parere dei giudici della Suprema Corte, l'acquirente può chiedere al giudice la risoluzione del contratto (ossia lo scioglimento) e, di conseguenza, pretendere la restituzione del prezzo versato.

Oltre a ciò, se riesce a dimostrare di aver subito anche ulteriori danni, egli può chiedere anche il conseguente risarcimento.

Vendi auto a prezzo maggiorato dopo aver manomesso contachilometri? » La vicenda

La corte di legittimità rigetta il ricorso di un imputato, accusato del reato di truffa (ex articolo 640 c.p.) ai danni di un acquirente.

Mentre il tribunale di Cosenza assolveva il ricorrente, la corte d'appello di Catanzaro lo condannava a scontare quattro mesi di reclusione e a pagare 200 euro di multa, oltre al rimborso delle spese processuali.

L'imputato ricorre a quel punto in Cassazione fornendo una prova da cui, secondo lui, emergeva la sua buona fede.

Il ricorrente aveva personalmente proposto all'acquirente di andare insieme a ritirare la vettura, circostanza che la corte territoriale non ha considerato.

Prova che viene smontata dal giudice di secondo grado, in quanto il chilometraggio, dopo l'acquisto, era risultato il doppio di quello riportato sul contachilometri.

L'acquirente era perciò stato indotto ad acquistare l'auto a un prezzo più alto perché vittima del raggiro del truffatore.

Non depone a favore del ricorrente anche il fatto di non aver mai rivelato all'acquirente il nome del precedente proprietario, impedendo così al cliente di verificare le condizioni della vettura.

Tutte motivazioni corrette per la Cassazione.

30 settembre 2013 · Giovanni Napoletano


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Condannato per truffa soggetto che vendeva prodotti su subito.it chiedendo pagamento anticipato senza poi consegnare il bene acquistato
Un soggetto aveva realizzato numerose truffe attraverso la pubblicazione di annunci di vendita su appositi siti on line (prevalentemente subito.it; aveva quindi dato seguito ai contatti iniziali sul sito con i soggetti dichiaratisi interessati agli acquisti rassicurandoli sulla propria affidabilità con interlocuzioni via mail o telefoniche e inducendoli così ad ...
Autovelox » Può rispondere di truffa la società che lo occulta
Può rispondere di truffa la società fornitrice di autovelox che ne occulta il posizionamento. Inoltre è ritenuto legittimo il sequestro della strumentazione, nonostante la regolarità della stessa. Lo ha sancito la Corte di Cassazione la quale, con la sentenza 22158 del 23 maggio 2013, ha sancito che: Può essere perseguita ...
Conto corrente cointestato con genitore deceduto - Truffa aggravata per il figlio che dichiara all'INPS l'esistenza in vita del pensionato defunto
Commette il reato di indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato, e non quello più grave di truffa, chi percepisce la pensione di pertinenza di una persona deceduta, essendo cointestatario del medesimo conto corrente su cui confluivano i ratei della pensione, ed omette di comunicare all'INPS il decesso del ...
Risarcimento danni » Legittimo dopo acquisto auto con motore difettoso
Nel caso si acquisti un'autovettura con il motore difettoso è valido il risarcimento del danno e/o la risoluzione del contratto. Infatti, in caso di vendita di prodotti difettosi, il risarcimento comprende tutti i danni subiti dall'acquirente, anche quelli inerenti la mancata o parziale utilizzazione della cosa o il lucro cessante. ...
Dipendente pubblico timbra anche il cartellino del collega assente - Per entrambi il reato è quello di truffa
La falsa attestazione del pubblico dipendente, circa la presenza in ufficio riportata sui cartellini marcatempo o nei fogli di presenza, è condotta fraudolenta, idonea oggettivamente ad indurre in errore l'amministrazione di appartenenza circa la presenza su luogo di lavoro, ed è dunque suscettibile di integrare il reato di truffa aggravata, ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su vendi auto a prezzo maggiorato dopo aver manomesso contachilometri? » e' truffa. Clicca qui.

Stai leggendo Vendi auto a prezzo maggiorato dopo aver manomesso contachilometri? » E' truffa Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 30 settembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 18 maggio 2017 Classificato nella categoria sentenze e ordinanze della Corte di cassazione in tema di tutela dei consumatori Inserito nella sezione tutela consumatori.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca