Attribuzioni e competenze dell'amministratore del condominio

Le attribuzioni dell'amministratore del condominio come organo esecutivo sono elencate dall'articolo 1130 del codice civile. A queste si aggiungono i compiti demandati dal regolamento condominiale, dalle delibere assembleari, da leggi particolari o da provvedimenti in genere. In particolare provvede a:

  • eseguire le deliberazioni dell'assemblea dei condomini e curare l'osservanza del regolamento di condominio;
  • disciplinare l'uso delle cose comuni e la prestazione dei servizi nell'interesse comune: in esecuzione del regolamento condominiale l'amministratore deve provvedere affinchè ogni proprietario possa disporre liberamente delle parti comuni e può in questo ambito assumere i necessari provvedimenti;
  • riscuotere i contributi ed erogare le spese occorrenti: l'amministratore è il tesoriere del condominio e deve presentare all'assemblea dei condomini annualmente il conto consuntivo, il bilancio preventivo per l'esercizio successivo e il riparto spese. In questo contesto è importante ricordare che la deliberazione sul conto consuntivo autorizza l'amministratore, a norma dell'articolo 63 delle disposizioni di attuazione del codice civile, di ottenere il decreto di ingiunzione immediatamente esecutivo. Inoltre è bene ricordare che i crediti condominiali non sono privilegiati e che in caso di istanza fallimentare di un condomino gli altri condomini devono rispondere delle spese non versate dal condomino moroso; se si verificano uscite (spese) non previste dal bilancio preventivo, l'amministratore è autorizzato (senza delibera assembleare) a richiedere una rata straordinaria delle spese condominiali;
  • compiere gli atti conservativi dei diritti inerenti alle parti comuni dell'edificio: l'amministratore è espressamente autorizzato ad agire per via legale in merito e cioè in prima linea contro terze persone che ledono i diritti inerenti alle cose comuni (mancato rispetto delle distanze prescritte - danni all'edificio condominiale per lavori eseguiti in adiacenza - rumorosità o fumi nocivi - uso illegittimo di cose comuni) e specificatamente:
    - contro fornitori che non rispettano gli accordi contrattuali;
    - contro il costruttore per vizi di costruzione delle parti comuni;
    - contro condomini che non pagano le spese condominiali;
    - contro un condomino che esegue lavori non autorizzati;
    - contro condomini che violano le norme del regolamento condominiale;
    - contro l'occupazione abusiva delle aree comuni.

Altri compiti si trovano nella conservazione del patrimonio edilizio e nella esecuzione dei necessari lavori di manutenzione, e nella assunzione di responsabilità per il regolare funzionamento e la sicurezza dei servizi comuni (energia elettrica, riscaldamento, ascensore, fognature ecc.).
Come già notato, all'amministratore spetta, a norma dell'articolo 1131 del codice civile, la rappresentanza legale in casi di contenziosi che riguardano le parti comuni.
Il compenso dell'amministratore è trattabile liberamente. Per servizi aggiuntivi spetta all'amministratore un compenso particolare (per es. lavori edili di una certa consistenza, azioni giudiziarie, assemblee straordinarie, lettere di sollecito ecc.).
L'Amministratore risponde di norma dei danni provocati per errori od omissioni nello svolgimento del mandato. Sarebbe utile stipulare una polizza assicurativa a carico del condominio.

———-
Articolo 1130 - codice civile - Attribuzioni dell'amministratore
L'amministratore deve:
eseguire le deliberazioni dell'assemblea dei condomini e curare l'osservanza del regolamento di condominio;
disciplinare l'uso delle cose comuni e la prestazione dei servizi nell'interesse comune, in modo che ne sia assicurato il miglior godimento a tutti i condomini;
riscuotere i contributi ed erogare le spese occorrenti per la manutenzione ordinaria delle parti comuni dell'edificio e per l'esercizio dei servizi comuni;
compiere gli atti conservativi dei diritti inerenti alle parti comuni dell'edificio.
Egli alla fine di ciascun anno, deve rendere il conto della sua gestione.

Articolo 1131 - codice civile - Rappresentanza
Nei limiti delle attribuzioni stabilite dall'articolo precedente o dei maggiori poteri conferitigli dal regolamento di condominio o dall'assemblea, l'amministratore ha la rappresentanza dei partecipanti e può agire in giudizio sia contro i condomini sia contro i terzi.
Può essere convenuto in giudizio per qualunque azione concernente le parti comuni dell'edificio, a lui sono notificati i provvedimenti dell'autorità giudiziaria che si riferiscono allo stesso oggetto.
Qualora la citazione o il provvedimento abbia un contenuto che esorbita dalle attribuzioni dell'amministratore, questi è tenuto a darne senza indugio notizia all'assemblea dei condomini.

2 luglio 2008 · Antonio Scognamiglio

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Sospensione fornitura idrica al condominio - Per la morosità di alcuni tutti i condomini restano senza acqua
Ponendosi il condominio, nei confronti dei terzi, come soggetto di gestione dei diritti e degli obblighi dei singoli condomini, attinenti alle parti comuni, l'amministratore assume la qualità di necessario rappresentante della collettività dei condomini sia nella fase di assunzione di obblighi verso terzi, per la conservazione delle cose comuni sia, ...
Foro competente per controversie fra condomini - Non deve necessariamente identificarsi con il giudice del luogo in cui si trova l'immobile condominiale
L'articolo 23 del codice di procedura civile introduce un foro speciale esclusivo per le controversie tra condomini, stabilendo che per esse è competente il giudice del luogo in cui si trova l'immobile condominiale. Tuttavia, il carattere esclusivo del foro non significa che lo stesso sia anche inderogabile; le ipotesi di ...
Condominio » Recupero crediti dai morosi
Condominio e morosi: a causa della crisi economica sta aumentando il numero di persone che non riesce a pagare le rate. Con la riforma del condominio, la famosa legge 220/2012, è stato introdotto il principio di solidarietà sussidiaria del debito del condominio, ma è stato anche previsto un meccanismo per ...
La proprietà esclusiva delle parti comuni di un edificio condominiale può essere provata solo dal contratto di compravendita stipulato con il costruttore
Per vincere la presunzione legale di proprietà comune delle parti dell'edificio condominiale non sono sufficienti il frazionamento, accatastamento, e la relativa trascrizione, eseguiti a domanda del venditore costruttore, della parte dell'edificio in questione, trattandosi di atto unilaterale di per sé inidoneo a sottrarre il bene alla comunione condominiale, dovendosi riconoscere ...
I compiti dell'amministratore del condominio
I seguenti compiti amministrativi spettano all'amministratore: A) Redazione del bilancio preventivo Si tratta di un calcolo approssimativo e prudente delle spese di gestione condominiale occorrenti durante l'anno, che deve essere approvato dall'assemblea insieme con il conto consuntivo; B) Redazione del conto consuntivo e del riparto spese Il conto consuntivo (rendiconto) ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su attribuzioni e competenze dell'amministratore del condominio. Clicca qui.

Stai leggendo Attribuzioni e competenze dell'amministratore del condominio Autore Antonio Scognamiglio Articolo pubblicato il giorno 2 luglio 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria il condominio .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)
  • roble74 21 febbraio 2015 at 11:59

    Sulla base della riforma (legge 220 del 2012) l’amm.re di condominio deve tra l’altro eseguire gli obblighi fiscali del condominio rappresentato:

    Si chiede se per tale compito l’amm.re possa avvalersi dell’opera di un dottore commercialista esterno, se ciò deve essere evidenziato nel verbale di nomina dell’amm.re e se sempre nello stesso verbale può essere fatto presente che pur ricadendo l’attività fiscale in quella di ordinaria amministrazione, l’amm.re delega ad un terzo il quale poi fatturerà la sua prestazione al condominio e quindi in definitiva escludere dal preventivo dell’amm.re il compenso per gli adempimenti fiscali che invece verrà percepito da un terzo

    • Ludmilla Karadzic 21 febbraio 2015 at 12:58

      La legge di riforma del condominio prevede che l’amministratore debba eseguire gli adempimenti fiscali. Naturalmente, l’amministratore di condominio, può a tale scopo, avvalersi di un consulente di fiducia.

      Tuttavia, trattandosi d’adempimenti strettamente connessi allo svolgimento del mandato, l’amministratore non potrà chiedere un compenso professionale extra per gli adempimenti fiscali, dovendosi lo stesso ritenere incluso in quello concordato al momento dell’assunzione dell’incarico.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca