Atto di donazione e rinuncia all'eredità

E' possibile ricevere un atto di donazione dalla nonna al nipote e successivamente chiedere una rinuncia all'eredità?

Gentilmente volevo sapere se è possibile ricevere un atto di donazione dalla nonna al nipote e successivamente chiedere una rinunzia all'eredità (per debiti ereditati dalla nonna causa nonno) da parte del genitore del nipote (quindi la figlia della nonna) senza perdere l'atto di donazione ricevuto.

L'atto di donazione sarà impugnato con successo dai creditori

Muore il nonno e la nonna eredita dei debiti insieme alla figlia. La figlia rinuncia all'eredità. La nonna dona un bene alla nipote.

Se il bene fa parte dell'eredità, l'atto di donazione sarà impugnata con successo dai creditori. Non solo perchè la nonna pone in essere un atto evidentemente finalizzato a sottrarre ai creditori la possibilità di rimborsare il credito vantato nei confronti del nonno, ma, soprattutto, perchè la nipote, in qualità di rappresentante della madre, deve anch'ella rinunciare all'eredità se non vuole rispondere, come erede, dei debiti del nonno.

25 settembre 2012 · Chiara Nicolai

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

   Seguici su Facebook

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su atto di donazione e rinuncia all'eredità. Clicca qui.

Stai leggendo Atto di donazione e rinuncia all'eredità Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 25 settembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte ..

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)
  • Anonimo 7 novembre 2019 at 17:00

    Buongiorno, i miei genitori erano proprietari di un immobile in una situazione economica priva di debiti. Quando erano ancora in vita mio padre ha fatto una donazione a me dell’immobile con usufrutto su mia mamma. Noi siamo 3 figli i miei fratelli invece hanno avuto da mio padre in vita la corrispettiva somma in denaro. Dopo la morte di mio padre mia mamma è stata nell’immobile fino a qualche mese fa poi è venuta a mancare. Io sono adesso il proprietario di questo immobile per donazione diretta se fossero contratti debiti importanti da parte dei miei genitori in un momento successivo alla donazione,e in un momento successivo alla morte di entrambi potrei avvalermi della rinuncia dell eredità, oppure avendo accettato la donazione non sarebbe piu possibile? I creditori potrebbero avvalersi della casa? I miei 2 fratelli hanno fatto rinuncia dell’eredità visto che la badante ha fatto causa a mia mamma dopo la morte. Io accettando la donazione quando i miei genitori erano ancora in vita è adesso venendo a mancare mia madre che aveva usufrutto io sono l’unico proprietario dell’immobile se la badante che ha fatto causa a mia madre, e i miei fratelli hanno rinunciato a eredità io come proprietario che problemi potrei avere? Io posso rinunciare a eredità essendo unico donatario dell’immobile? Se non rinuncio avrò problemi con la badante essendo unico proprietario dell’immobile? Grazie

    • Simone di Saintjust 7 novembre 2019 at 18:48

      Accettando l’eredità di sua madre, lei risponde di eventuali debiti di sua madre. I creditori di suo madre, oggi suoi creditori, possono aggredire qualsiasi proprietà del debitore.

      Accettare la donazione ed accettare l’eredità sono due cose ben diverse, non correlate. L’accettazione di una donazione da parte del donante debitore espone il donatario solo all’azione di revocazione promossa dai creditori del donante entro cinque anni dall’atto notarile.

      Una volta accettata l’eredità non si può più rinunciare (Semel heres, semper heres). Altro non si può dire, atteso il tenore dei quesiti posti che sono molti, ma mancano di informazioni basilari per poter formulare pareri affidabili.

  • luca 16 aprile 2019 at 09:30

    Buongiorno, i miei genitori sono proprietari in un immobile e vivono in una situazione economica priva di debiti. Vorrebbero fare una donazione verso di me e di mio fratello dell’immobile in parti uguali. Se fossero contratti debiti importanti da parte dei miei genitori in un momento successivo alla donazione, potrei avvalermi della rinuncia dell eredità, oppure avendo accettato la donazione non sarebbe piu possibile? I creditori potrebbero avvalersi della casa? Grazie

    • Annapaola Ferri 16 aprile 2019 at 11:14

      L’accettazione della donazione e la rinuncia all’eredità nella situazione descritta sono compatibili. Tuttavia, qualora i debiti del donante intervenissero entro cinque anni dalla donazione, i creditori potrebbero chiedere al giudice la revocatoria della donazione.

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca