Atti tributari notificati attraverso agenzie private di recapito

Atti tributari notificati attraverso agenzie private di recapito

E’ inesistente la notifica a mezzo posta effettuata mediante un soggetto privato diverso da Poste italiane.

Come è noto, Poste Italiane ha finora gestito in esclusiva il servizio di notificazione degli atti giudiziari a mezzo posta. Questo in base all’articolo 4, comma 1, lettera a), del Decreto Legislativo n. 261/1999, che, nel liberalizzare i servizi postali, aveva tuttavia riservato a Poste Italiane, per esigenze di ordine pubblico, le notificazioni a mezzo posta degli atti giudiziari di cui alla Legge n. 890/1982, ivi incluse quelle degli atti tributari sostanziali e processuali. (Cassazione, ordinanza n. 19467/16).

Oggi non è più così.

E infatti, a partire dal 10 settembre 2017, l’articolo 4 sopra citato è stato abrogato dalla Legge 4 agosto 2017, n. 124.

Tale abrogazione comporta, quindi, la soppressione dell’esclusiva a Poste Italiane, quale fornitore del servizio postale universale, in relazione ai servizi inerenti le notificazioni e comunicazioni di atti giudiziari, ai sensi della Legge n. 890/1982, nonché ai servizi inerenti le notificazioni delle violazioni al Codice della strada ai sensi dell’articolo 201 del Decreto Legislativo n. 285/1992.
Ci si è chiesti, dunque, quale sia la sorte delle notifiche effettuate a mezzo posta tramite società private diverse da Poste Italiane, prima dell’entrata in vigore della Legge n. 124/2017, e se la nuova normativa possa in qualche modo produrre un effetto “sanante” sulle precedenti notifiche.

La giurisprudenza è univoca nell’affermare che tali notifiche, effettuate a mezzo soggetti privati diversi da Poste italiane, devono ritenersi inesistenti e senza possibilità di sanatoria (Cassazione, sentenza n. 13887/17; Cassazione, Sezioni Unite, sentenza n. 13452/17, 15347/15, 27021/14; Cassazione, ordinanza n. 2262/13, 3932/11, 11095/08, 20440/06).

La Legge n. 124/2017, infatti, prevede espressamente la decorrenza dal 10 settembre 2017.

Ciò comporta che nessuna efficacia retroattiva “sanante” possa essere riconosciuta, anche in base al principio generale di cui all’articolo 11, comma 1, delle disposizioni preliminari al Codice civile.

Non solo.

La Cassazione ha ulteriormente precisato che fino a quando non saranno rilasciate le nuove licenze individuali relative allo svolgimento dei servizi in questione, sulla base delle regole da predisporsi da parte dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (AGCOM), dovranno continuare a considerarsi inesistenti le notifiche effettuate da soggetti privati privi dell’apposita licenza (Cassazione, ordinanza dell’8 gennaio 2018, n. 234; Cassazione, sentenza n. 28887/17).

Ciò in quanto il comma 57 dell’articolo 1 della Legge n. 124/2017 prevede: “il rilascio della licenza individuale per i servizi riguardanti le notificazioni di atti a mezzo della posta connesse con la notificazione di atti giudiziari di cui alla legge 20 novembre 1982, n. 890 […], deve essere subordinato a specifici obblighi del servizio universale con riguardo alla sicurezza, alla qualità, alla continuità, alla disponibilità e all’esecuzione dei servizi medesimi”, stabilendo ancora il successivo comma 58 che “Entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge (cioè dal 29 agosto 2017) l’autorità nazionale di regolamentazione di cui all’articolo 1, comma 2, lettera u-quater) del decreto legislativo 22 luglio 1999, n. 261 determina, ai sensi dell’articolo 5, comma 4, del predetto decreto legislativo 22 luglio 1999, n. 261 e successive modificazioni, sentito il Ministero della giustizia, gli specifici requisiti e obblighi per il rilascio delle licenze individuali relative ai servizi di cui all’articolo 5, comma 2, secondo periodo, del medesimo decreto legislativo 22 luglio 1999, n. 26 (ndr articolo 5, comma 2, secondo periodo, del medesimo decreto legislativo 22 luglio 1999, n. 261), introdotto dal comma 57 del presente articolo; con la stessa modalità l’Autorità determina i requisiti relativi all’affidabilità, alla professionalità e all’onorabilità di coloro che richiedono la licenza individuale per la fornitura dei medesimi servizi”.

I principi sopra detti trovano applicazione sia per gli atti giudiziari, sia per gli atti tributari sostanziali.

Per tali motivi, la Cassazione ha in più occasioni annullato gli avvisi d’accertamento notificati tramite agenzia privata e, quindi, con modalità non contemplate dall’ordinamento, in ragione dell’inesistenza giuridica della notifica (Cassazione, Sezioni Unite, sentenza n. 14916/16).

Antonella Pedone www.antonellapedone.com

27 Maggio 2018 · Antonella Pedone

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Argomenti correlati: 

Approfondimenti

Atto trasmesso tramite servizio di posta privata - La notifica è nulla ed in ogni caso si perfeziona con la data di consegna del plico al destinatario
Il decreto legislativo 261/1999 (articoli 1 e 4) esclude che i servizi inerenti le notifiche postali di verbali di infrazione al Codice della strada, di cartelle esattoriali e, in genere, di atti giudiziari e sanzioni amministrative, possano essere affidati a soggetti diversi da Poste Italiane. Qualora l'atto venga trasmesso al destinatario tramite un servizio di posta privata, la notifica è da ritenersi affetta da vizio di nullità, dal momento che le attestazioni redatte dagli incaricati di un servizio di posta privata non sono assistite dalla funzione probatoria che la normativa vigente ricollega alla nozione di invii raccomandati. In ogni caso, ...

Legittima la notifica diretta della cartella esattoriale se effettuata da agenzia di recapito privata incaricata da Poste Italiane
La notifica diretta a mezzo posta, è validamente eseguita anche se il plico è consegnato al destinatario da un'agenzia privata di recapito, qualora il notificante si sia rivolto all'ufficio postale, e l'affidamento del plico all'agenzia privata sia avvenuto per autonoma determinazione dell'Ente Poste, al quale la normativa vigente continua a riservare in via esclusiva gli invii raccomandati attinenti alle procedure amministrative e giudiziarie, perché in tal caso l'attività di recapito rimane all'interno del rapporto tra l'Ente Poste e l'agenzia di recapito, e permane in capo al primo la piena responsabilità per l'espletamento del servizio. Questa la decisione assunta dai giudici ...

La sospensione cautelare nel processo tributario
Nel processo tributario è ammessa la sospensione cautelare dell'atto impugnato, eventualmente subordinata ad una fideiussione, salvo il diritto del ricorrente al rimborso delle spese L'articolo 47 del Decreto Legislativo numero 546/92, ha introdotto nel rito tributario l'istituto della sospensione cautelare. In particolare la norma prevede che: "Il ricorrente, se dall'atto impugnato può derivargli un danno grave ed irreparabile, può chiedere alla commissione provinciale competente la sospensione dell'esecuzione dell'atto con istanza motivata proposta nel ricorso o con atto separato ...". Il provvedimento di sospensione cautelare ai sensi dell'articolo 47 del Decreto Legislativo numero 546/92, può essere parziale e può imporre al ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su atti tributari notificati attraverso agenzie private di recapito. Clicca qui.

Stai leggendo Atti tributari notificati attraverso agenzie private di recapito Autore Antonella Pedone Articolo pubblicato il giorno 27 Maggio 2018 Ultima modifica effettuata il giorno 30 Settembre 2020 Classificato nella categoria Article schema org Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)