Attestato di rischio digitale - Cosa è e a cosa serve

Dal 1° luglio 2015 non viene più inviato a casa l'attestato di rischio cartaceo, vale a dire il documento che rappresenta la nostra storia di assicurati, il nostro curriculum di automobilisti: infatti l'attestato di rischio è adesso consultabile online. Si tratta di una rivoluzione che coinvolge oltre 40 milioni di assicurati.

L'attestato di rischio descrive, come accennato in apertura di articolo, la nostra storia assicurativa: indica se l'intestatario della polizza assicurativa RC Auto è incorso in sinistri negli ultimi cinque anni e la classe bonus malus di appartenenza.

Possiamo dire che si tratta di una sorta di "pagella dell'automobilista" ed è fondamentale per stabilire il costo dell'assicurazione e premiare chi guida con prudenza. Fino al 1° luglio scorso, l'attestato di rischio veniva inviato dalla compagnia di assicurazione al contraente della polizza, in formato cartaceo, trenta giorni prima della scadenza contrattuale.

Quando l'assicurato decideva di cambiare compagnia di assicurazione aveva l'obbligo di consegnare l'attestato di rischio alla nuova impresa, in modo che questa potesse valutare il rischio e sottoscrivere il contratto esigendo una tariffa adeguata. Adesso l'attestato non è più cartaceo e le informazioni vengono inserite in una banca dati gestita dall'IVASS, l'istituto di vigilanza del settore assicurativo. L'IVASS ha deciso di servirsi, come previsto dalla legge, di una banca dati degli attestati di rischio già esistente: quella creata in via volontaria dall'ANIA, l'Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici.

Da 1° luglio 2015 questa banca dati da volontaria è divenuta obbligatoria e continua ad essere gestita da ANIA sotto il controllo dell'IVASS. Sempre dal 1° luglio è scattato per le compagnie di assicurazione un duplice obbligo: quello di trasmettere i dati degli attestati di rischio nella banca dati e l'obbligo di consultarla e acquisire l'attestato telematico prima di emettere la polizza RC auto. Le compagnie di assicurazione devono trasmettere obbligatoriamente gli attestati digitali alla banca dati almeno 30 giorni prima della scadenza della polizza RC auto al quale l'attestato di rischio si riferisce. All'IVASS spetta il controllo del rispetto dei termini nell'invio e della qualità del flusso informativo trasmesso ed il potere sanzionatorio verso le compagnie assicuratrici colpevoli di ritardi e/o errori nell'adempimento.

In questo modo l'assicurato non deve più consegnare l'attestato di rischio cartaceo alla nuova compagnia assicuratrice, la quale può apprendere la storia assicurativa del contraente direttamente attraverso la consultazione della banca dati. Così è più facile valorizzare il costo di una polizza sottoscritta con l'ausilio di una "pagella assicurativa" certificata e contrastare, allo stesso tempo, il cosiddetto mercato degli attestati di rischio falsificati.

Anche gli assicurati possono consultare l'attestato di rischio accedendo al sito web della propria compagnia di assicurazione, nell'area riservata alle posizioni assicurative dei clienti. Per accedere basta inserire delle semplici credenziali fornite dalla compagnia stessa. Le informazioni generali per l'accesso all'area riservata e per la consultazione dei dati personali (compreso l'attestato di rischio) sono, infatti, pubblicate sull'home page dello stesso sito web e fornite dalla compagnia di assicurazione anche in occasione della stipula del contratto RC Auto. Inoltre, gli assicurati possono scegliere se ricevere l'attestato di rischio anche tramite modalità telematiche alternative quali posta elettronica, app per smartphone o tablet e social network.

E' anche possibile richiedere al proprio agente una copia cartacea dell'attestato di rischio. Questo documento ha il solo scopo di informare, chi lo richiede, sulla propria situazione assicurativa e non è valido per la stipula del contratto RC Auto: la polizza, infatti, viene comunque sottoscritta solo sulla base dell'attestato digitale memorizzato nella banca dati. In ogni caso, la compagnia assicuratrice deve sempre garantire l'accesso ai dati di polizza tramite l'area web riservata e la possibilità di stampare l'attestato di rischio in formato cartaceo (sempre e solo per finalità esclusivamente informative, come memorandum della propria posizione assicurativa).

Riassumendo:

  1. L'unico strumento per determinare il costo della polizza RC auto è l'acquisizione, da parte della compagnia assicuratrice, delle informazioni necessarie (classe di merito ed eventuali sinistri negli ultimi cinque anni) contenute nell'attestato di rischio digitale memorizzato nella banca dati IVASS.
  2. Chi decide di cambiare assicurazione non deve più presentare l'attestato di rischio cartaceo alla nuova compagnia: grazie al sistema dell'attestato di rischio digitale sono le compagnie e gli agenti ad occuparsi di tutto.
  3. Il passaggio al nuovo sistema dell'attestato di rischio digitale permette di velocizzare le procedure di emissione delle polizze auto, di risparmiare carta, di contrastare la contraffazione degli attestati di rischio cartacei con benefici, in prospettiva, anche sulle tariffe RC Auto.

23 settembre 2015 · Giovanni Napoletano

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assicurazioni rc auto » Addio all'attestato di rischio cartaceo: solo online
In materia di assicurazioni rc auto, a partire dallo scorso 1 luglio 2015, l'attestato di rischio cartaceo è diventato obsoleto: è, infatti, disponibile e contraibile solo online. Prosegue senza sosta il processo di dematerializzazione dell'assicurazione rc auto. Superata, infatti, la scadenza dello scorso 18 aprile 2015, quando le compagnie assicurative [ ... leggi tutto » ]
Rc auto: attestato di rischio digitale (o telematico) » Cosa cambia ( e non) per gli automobilisti italiani
A partire dallo scorso 1 luglio 2015 è entrato in vigore il Regolamento dell'IVASS che corona le modifiche legislative degli ultimi anni legate alla scadenza delle polizze (non più con rinnovo automatico) e al rilascio degli attestati di rischio contenenti, tra le altre, informazioni sulla classe di merito maturata. Per [ ... leggi tutto » ]
Assicurazioni » Come utilizzare la classe di merito di un convivente
Come disposto grazie alla legge Bersani, decreto Legge 7/2007, il quale ha integrato l'articolo 134 del codice delle assicurazioni, è possibile usufruire della migliore classe di merito di un qualsiasi convivente del nucleo familiare per assicurare un altro veicolo della stessa tipologia. Per intenderci: auto-auto, moto-moto. La condizione fondamentale per [ ... leggi tutto » ]
Rc auto » Economizzare ereditando classi di merito inferiori
Se avete appena acquistato una quattro ruote e non volete sprecare soldi con un'assicurazione rc auto poco conveniente, c'è un modo per ottenere una classe di merito più bassa di quella d'ingresso, risparmiando così centinaia di euro sulla polizza. La Legge 2 aprile 2007, numero 40 (volgarmente chiamata Legge Bersani), [ ... leggi tutto » ]
Assicurazione auto con polizza furto e incendio » Per l'indennizzo è valida la quotazione online o quella di Quattroruote?
Assicurazione furto e incendio: per l'indennizzo quale quotazione è valida tra quella online e quella della rivista Quattroruote? Integrare la rivista cartacea di Quattroruote con le quotazioni online, per la valutazione del veicolo, è possibile, ma soltanto se previsto espressamente dalle condizioni generali della polizza di assicurazione. Questo in sintesi, [ ... leggi tutto » ]

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su attestato di rischio digitale - cosa è e a cosa serve. Clicca qui.

Stai leggendo Attestato di rischio digitale - Cosa è e a cosa serve Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 23 settembre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 23 settembre 2015 Classificato nella categoria tutela consumatori - polizze assicurative RC auto, vita, infortuni e danni Inserito nella sezione tutela consumatori del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca