Condannato per truffa soggetto che vendeva prodotti su subito.it

Un soggetto aveva realizzato numerose truffe attraverso la pubblicazione di annunci di vendita su appositi siti on line (prevalentemente subito.it; aveva quindi dato seguito ai contatti iniziali sul sito con i soggetti dichiaratisi interessati agli acquisti rassicurandoli sulla propria affidabilità con interlocuzioni via mail o telefoniche e inducendoli così ad effettuare anticipatamente i pagamenti con ricariche su poste pay di volta in volta attivate allo scopo; ricevuti i pagamenti, non aveva mai consegnato la merce offerta in vendita.

La condanna di custodia in carcere è stata pertanto confermata dalla Corte di cassazione, sezione penale, con la sentenza 40045/2018.

La difesa del truffatore invocava la nullità dell’aggravante di minorata difesa rilevata dal Pubblico Ministero, ovvero l’avere profittato di circostanze di tempo, di luogo o di persona, anche in riferimento all’età dei truffati, tali da ostacolare la pubblica o privata difesa.

Secondo i giudici di legittimità, invece, secondo consolidata giurisprudenza sussiste l’aggravante delle minorata difesa, con riferimento alle circostanze di luogo note all’autore del reato e dalle quali egli abbia approfittato, quando la truffa è commessa attraverso la vendita di prodotto online, poiché in tal caso, la distanza tra il luogo ove si trova la vittima, che di norma paga in anticipo il prezzo del bene venduto, e quello in cui, invece, si trova il truffatore, determina una posizione di maggior favore di quest’ultimo, consentendogli di schermare la sua identità, di non sottoporre il prodotto venduto ad alcun efficace controllo preventivo da parte dell’acquirente e di sottrarsi agevolmente alle conseguenze della propria condotta.

9 Settembre 2018 · Ornella De Bellis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Argomenti correlati: 

Approfondimenti

Vendi auto a prezzo maggiorato dopo aver manomesso contachilometri? » E' truffa
Rischia una condanna per truffa chi vende un'auto a un prezzo superiore facendo risultare il chilometraggio più basso. Questo importante principio è stato stabilito dalla Corte di Cassazione, sezione penale, la quale, con la pronuncia 38085 del 17.09.13, ha sancito che: E' responsabile del reato di truffa, ai sensi dell'ex articolo 640 del c.p., chi vende un'automobile a un prezzo più alto rispetto a quello reale, dopo aver manomesso il chilometraggio facendolo risultare più basse le distanze realmente percorse, inducendo così in errore l'acquirente e procurandosi un indebito profitto. A parere dei giudici della Suprema Corte, l'acquirente può chiedere al ...

Ingiunzione di pagamento da parte del curatore fallimentare della ditta ove avevo acquistato un divano
Ho ricevuto un'ingiunzione di pagamento (tramite raccomandara A/R) da parte del curatore fallimentare nominato in seguito al fallimento della ditta che aveva in precedenza inglobato quella presso cui avevo acquistato un divano (Fallimento 33/3011, sentenza del 25-28/03/2011). Il pagamento dei 2500 euro totali richiesti è avvenuto nel modo seguente: 200 euro alla firma del contratto, altri 1300 euro alla consegna del divano e successive 10 rate da 100 euro ciascuna. Il pagamento doveva iniziare nel mese di Agosto del 2010, ma i bollettini non arrivarono in tempo così contattai il venditore che era venuto a casa a farmi firmare ...

False recensioni su acquisto prodotti online - Come possono difendersi i consumatori?
Mi è capitato più di una volta di acquistare un prodotto online, fidandomi delle recensioni positive che descrivevano l'acquisto: al contrario, però, la mia esperienza è stata tutt'altro che positiva. Ciò, dunque, mi ha fatto pensare alla malafede di chi ha sottoscritto il feedback. La mia domanda è se è possibile accorgersi di una o più recensioni fasulle ed in che modo. ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su condannato per truffa soggetto che vendeva prodotti su subito.it. Clicca qui.

Stai leggendo Condannato per truffa soggetto che vendeva prodotti su subito.it Autore Ornella De Bellis Articolo pubblicato il giorno 9 Settembre 2018 Ultima modifica effettuata il giorno 9 Settembre 2018 Classificato nella categoria sentenze e ordinanze della Corte di cassazione in tema di tutela dei consumatori Inserito nella sezione tutela consumatori

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)