Evitare il pignoramento del conto corrente su cui accreditano stipendio o pensione giocando a ping pong

Per debitori lavoratori dipendenti e pensionati: mai lasciare, per troppo tempo, lo stipendio nel proprio conto corrente, bancario o postale. Se non si riesce a lavorare in nero e lo stipendio supera i mille euro, visto che lo stato costringe il datore di lavoro a versare lo stipendio in conto corrente (legge di stabilità 2013) bisogna prelevare i soldi in contanti ancora caldi di bonifico e metterli a casa sotto al classico materasso (sempre se si disponga di una casa e di un materasso - in realtà basta riversarli sul conto corrente intestato a persona di fiducia, mantenendo per sé stessi delega ad operare e disporre). Tutto questo si rende necessario perchè i creditori hanno imparato ad aggirare il limite di pignorabilità del 20% previsto per stipendi e pensioni, aggredendo direttamente il conto corrente del debitore. E la Corte di Cassazione, anche recentemente, ha sancito che possono legittimamente farlo, dal momento che gli stipendi o le pensioni, una volta versati in conto corrente, non sono più stipendi o pensioni ma si trasformano immediatamente in risparmi. Mah ... le stranezze della giurisprudenza: i soldi che servono per mangiare, pagare l'affitto, mandare i figli a scuola, comprare l'abbonamento per mezzi pubblici che non passano mai o pagare (quasi sempre in nero) il dentista per farsi riparare la dentiera, diventano magicamente risparmi una volta transitati sul conto corrente!

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca