Assistenza al familiare portatore di handicap - La convivenza non presuppone la coabitazione

In tema di assistenza al familiare portatore di handicap, il concetto di convivenza non può essere ritenuto coincidente con quello di coabitazione poiché in tal modo si darebbe un'interpretazione restrittiva della disposizione che, oltre che arbitraria, sembra andare contro il fine perseguito dalla norma di agevolare l'assistenza degli handicappati, per cui sarebbe incomprensibile escludere dai benefici previsti dalla legge il lavoratore che conviva costantemente, ma limitatamente ad una fascia oraria della giornata, con il familiare handicappato al fine di prestargli assistenza in un periodo di tempo in cui, altrimenti, di tale assistenza rimarrebbe privo.

In altri termini, la prestazione di un'assistenza assidua e continuativa al familiare portatore di handicap determina senz'altro una convivenza fra quest'ultimo e colui che presta assistenza.

Questo il principio giuridico sancito dai giudici della sezione penale della Corte di cassazione, nella sentenza 24470/2017.

19 maggio 2017 · Giorgio Martini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Legge 104 - Indennità per madre che assiste figlio con grave handicap: va corrisposta anche nella tredicesima
La legge prevede il diritto della madre che presta assistenza al proprio bambino con handicap, in situazione di gravità, di fruire di tre giorni di permesso mensile retribuito coperti da contribuzione figurativa. I contributi figurativi, per chi non lo sapesse, sono contributi accreditati, senza onere a carico del lavoratore. Ad ...
Nulla la cartella esattoriale per prestazioni socio sanitarie erogate al disabile determinate sulla base del reddito dell'intero nucleo familiare, e non del solo assistito
La questione nasce dalla notifica effettuata da Equitalia Esatri di una cartella esattoriale intestata al padre quale contributo al pagamento delle rette concernenti il servizio di refezione praticato nei confronti del figlio disabile, del quale l'opponente è anche amministratore di sostegno. Va osservato che, in relazione alla determinazione della contribuzione ...
Il genitore o il familiare che assiste con continuità un parente o un affine disabile convivente ha diritto a scegliere la sede di lavoro più vicina al proprio domicilio
La legge dispone che il genitore o il familiare lavoratore, con rapporto di lavoro pubblico o privato, che assista con continuità un parente o un affine entro il terzo grado handicappato, con lui convivente, ha diritto a scegliere, ove possibile, la sede di lavoro più vicina al proprio domicilio e ...
Permessi per l'assistenza ai disabili anche per le coppie di fatto » Nuove regole in vigore per la domanda di applicazione dei benefici della legge 104
Nell'ambito della materia dell'assistenza agli affetti da grave disabilità, ovvero tutto ciò che ruota intorno alla famosa Legge 104, sono state approvate interessanti novità: vediamo di cosa si tratta. Con la circolare numero 38 del 27 febbraio 2017, l'INPS ha fornito le istruzioni operative relative alla concessione dei permessi ai ...
Prestazione di lavoro in favore del convivente more uxorio - Può essere considerata resa a titolo gratuito solo se effettuata nell'ambito di una famiglia di fatto
Ogni attività oggettivamente configurabile come prestazione di lavoro subordinato si presume effettuata a titolo oneroso, essa può tuttavia essere ricondotta ad un rapporto diverso caratterizzato dalla gratuità della prestazione, ove risulti dimostrata la sussistenza della finalità di solidarietà in luogo di quella lucrativa. E ciò perché l'attività lavorativa e di ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su assistenza al familiare portatore di handicap - la convivenza non presuppone la coabitazione. Clicca qui.

Stai leggendo Assistenza al familiare portatore di handicap - La convivenza non presuppone la coabitazione Autore Giorgio Martini Articolo pubblicato il giorno 19 maggio 2017 Ultima modifica effettuata il giorno 4 agosto 2017 Classificato nella categoria agevolazioni fiscali per i disabili ed agevolazioni ex legge 104 Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca