La constatazione equivalente consente al beneficiario di agire in via esecutiva nei confronti del traente

La constatazione equivalente della stanza di compensazione o l'annotazione sull'assegno effettuata dalla banca, consentono comunque al beneficiario di agire in via esecutiva con precetto e pignoramento dei beni del debitore traente, senza passare per un decreto ingiuntivo.

Il protesto svolge funzioni di pubblicità, dando modo a chiunque di sapere che quel soggetto emette assegni a vuoto attraverso la consultazione del RIP, Registro Informatico dei Protesti.

Il protesto, inoltre, rende possibile l'azione di regresso, nel caso vi siano state girate dell'assegno. In parole semplici, con il protesto dell'assegno il beneficiario può agire, per il recupero delle somme, anche contro gli eventuali giranti.

9 novembre 2012 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca