Assegno scoperto - La banca può pagarlo e rifarsi sui futuri accrediti

Può accadere che la banca provveda al pagamento di un assegno parzialmente privo di fondi e che successivamente, per assicurarsi l’immediato rientro dall’esposizione debitoria così formatasi, la banca incameri i ratei del trattamento pensionistico o dello stipendio del traente, unici suoi redditi percepiti e mensilmente accreditati sul proprio conto corrente.

La domanda che ci si pone è questa: può il cliente lamentarsi delle gravi difficoltà finanziarie e della situazione di indigenza conseguenti all’indisponibilità del reddito stipendiale o previdenziale, sostenendo che la banca avrebbe invece dovuto avviare le normali procedure di protesto dell’assegno e di segnalazione al CAI?

Le istruzioni di vigilanza per le banche non escludono univocamente la possibilità che si possa procedere al pagamento nonostante l’incapienza del traente: Gli assegni tratti sulla banca possono essere pagati soltanto se emessi nei limiti delle disponibilità di conto ovvero nell’ambito del fido accordato al cliente o del margine di sconfinamento concedibile in base alle disposizioni interne. Gli assegni privi di copertura non vanno tenuti in sospeso. Le banche, ricorrendone i presupposti, inviano tali assegni al protesto senza indugio. I titoli che vengono onorati sono immediatamente addebitati nei rispettivi conti di modo che i saldi evidenzino le eventuali nuove facilitazioni di credito concesse. La contabilità deve rappresentare esattamente nella natura e nell’entità l’effettivo stato dei rapporti tra banca e cliente, rendendo altresì possibili i controlli aziendali, anche al fine di assicurare un corretto flusso segnaletico nei confronti della Centrale dei rischi.

E dunque, è da ritenersi che la banca, in una circostanza come quella appena ipotizzata, non solo non abbia tenuto alcun comportamento illecito, ma può riconoscersi addirittura un’utile gestione di affari del cliente.

Così ha argomentato l’Arbitro Bancario Finanziario nella decisione numero 1536 del 15 maggio 2012, respingendo il ricorso di un cliente che, emesso un assegno scoperto pagato comunque dalla banca, si era visto poi imputare a copertura del debito i successivi ratei di pensione accreditati sul proprio conto corrente.

1 Aprile 2014 · Lilla De Angelis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Procedura di richiamo di un assegno bancario o postale privo di copertura - Come evitare il protesto e la segnalazione alla Centrale di Allarme Interbancaria (CAI)
Prima di passare alla trattazione del richiamo di un assegno bancario o postale privo di copertura, ci sembra utile ricordare che per traente si intende il soggetto che emette l'assegno; la banca trattaria è la banca presso la quale è intrattenuto il rapporto di conto corrente da cui devono essere prelevati i fondi per il pagamento dell'assegno al beneficiario (o portatore, in caso di assegni trasferibili); la banca negoziatrice è la banca alla quale il beneficiario consegna l'assegno con delega all'incasso conferita con la girata per incasso o per procura, così come previsto dall'articolo 26 del regio decreto 1736/1933 (legge ...

Assegno protestato per difetto di autorizzazione - Se il carnet è stato rilasciato dopo la revoca di sistema la banca è solidalmente responsabile nei confronti del beneficiario
Se un assegno viene protestato per difetto di autorizzazione, allora vuol dire che chi lo ha emesso (il traente) è correntemente oggetto di un provvedimento di revoca di sistema che gli vieterebbe, appunto, la sottoscrizione di titoli di pagamento. Qualora il carnet, da cui è stato tratto l'assegno protestato, fosse stato consegnato dalla banca (trattaria) al cliente, in epoca successiva a quella in cui era già operante la revoca di sistema, allora l'istituto di credito risulterebbe aver contravvenuto ad una regola di diligenza su di esso indiscutibilmente gravante, che caratterizza obiettivamente l'esercizio della propria attività: appunto verificare la perdurante legittimazione ...

Assegno già emesso » Si può chiedere all'istituto di credito di non pagarlo più?
Una banca deve eseguire l'ordine impartito dal proprio cliente di non pagare più l'assegno già emesso. Purtroppo, però, dell'eventuale protesto resta unicamente responsabile il correntista. Chi ha già emesso un assegno può, in un momento seguente alla consegna, ordinare al proprio istituto di credito di non pagarlo più? Se si, quali sono le conseguenze? Cosa succede nell'eventualità di un protesto? Scopriamolo nel prosieguo dell'articolo. Si può chiedere alla banca di non pagare un assegno già emesso? Partiamo da un piccolo esempio: il signor Rossi ha dato al signor Bianchi un assegno, a titolo di pagamento per una prestazione che questi ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su assegno scoperto - la banca può pagarlo e rifarsi sui futuri accrediti. Clicca qui.

Stai leggendo Assegno scoperto - La banca può pagarlo e rifarsi sui futuri accrediti Autore Lilla De Angelis Articolo pubblicato il giorno 1 Aprile 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 1 Maggio 2017 Classificato nella categoria assegno - clausole e situazioni particolari Inserito nella sezione assegni cambiali e conti correnti

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)