Assegno scaduto da due anni e il traente è deceduto – C’è qualche modo per incassarlo?

Ho un assegno postale scaduto da due anni, il redattore è morto, ma i soldi sono ancora sul conto esiste una procedura per incassarlo?

Il Regio Decreto 1736/1933 (legge assegni) dispone, all’articolo 32, che l’assegno bancario deve essere presentato al pagamento nel termine di otto giorni se è pagabile nello stesso comune in cui fu emesso; di quindici giorni se è pagabile in un altro comune dello Stato e che I termini suddetti decorrono dal giorno indicato nell’assegno bancario come data di emissione.

Tuttavia l’articolo 35, sempre della legge assegni, dispone che l’eventuale ordine del traente di non pagare la somma dell’assegno bancario non ha effetto che dopo spirato il termine di presentazione. In mancanza di tale ordine, il trattario può pagare anche dopo spirato detto termine.

Ma attenzione: l’articolo 35 della legge assegni deve essere letto nel senso che, scaduto il termine di presentazione, ove non sia stato revocato l’assegno, la banca può anche rifiutare, indipendentemente dall’esistenza della provvista, il pagamento del titolo. Peraltro, se la banca è a conoscenza della morte del titolare del conto corrente, è del tutto giustificato e improntato a principi di sana prudenza il rifiuto al pagamento di un assegno presentato ben oltre (due anni nella specie) i termini stabiliti dalla normativa vigente (Arbitro Bancario Finanziario, decisione 7407/2016).

Ed allora, il beneficiario può senz’altro presentare l’assegno all’incasso (non si tratta di azione illegittima, vietata o fraudolenta e non integra reato, se l’assegno non è contraffatto). Ma il beneficiario deve essere consapevole che la banca può, altrettanto legittimamente, opporre un rifiuto al pagamento sulla base dei motivi che seguono:

  1. il conto corrente risulta bloccato dagli eredi, in attesa che sia completata la procedura di scioglimento della comunione ereditaria;
  2. prima del decesso il traente può avere revocato il pagamento dell’assegno emesso (a partire, naturalmente, dalla scadenza del termine di presentazione);
  3. la banca autonomamente decide, per prudenza, di non dover procedere al pagamento di un assegno dopo il decorso dei termini di presentazione e il decesso del traente.

Nell’ipotesi di diniego del pagamento, il beneficiario può solo esperire un’azione giudiziale finalizzata ad accertare la esigibilità del credito portato dall’assegno, sulla base della prova di un rapporto contrattuale sottostante intercorso con il traente deceduto, che possa giustificare l’emissione, al tempo, dell’assegno a suo favore. Solo successivamente, il beneficiario potrà rivolgersi agli eredi del defunto (caso numero 1 e 2) o alla banca (caso numero 3) per riscuotere il credito.

24 Febbraio 2020 · Simonetta Folliero

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su assegno scaduto da due anni e il traente è deceduto – c’è qualche modo per incassarlo?. Clicca qui.

Stai leggendo Assegno scaduto da due anni e il traente è deceduto – C’è qualche modo per incassarlo? Autore Simonetta Folliero Articolo pubblicato il giorno 24 Febbraio 2020 Ultima modifica effettuata il giorno 22 Marzo 2020 Classificato nella categoria assegni cambiali conti correnti » mini guide ..

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso rapido anonimo (test antispam)