Assegno - Cosa comporta la clausola di non trasferibilità

Indice dei contenuti dell'articolo



L’assegno bancario con la clausola “non trasferibile” può esser pagato soltanto al prenditore (colui al quale è stato emesso l’assegno) o essere accreditato sul suo conto corrente.

Può essere girato solo ad una Banca per l’incasso. La clausola “non trasferibile” può essere apposta dal traente (chi ha emesso l’assegno bancario) o da un girante.

La Banca che paga a persona diversa dal prenditore o dal Banchiere giratario per l’incasso risponde del pagamento. Al fine di rendere più difficile il riciclaggio di denaro proveniente dal compimento di reati, gli assegni bancari e circolari per importi pari o superiori a mille euro devono essere emessi con clausola “non trasferibile”.

25 Agosto 2013 · Simonetta Folliero

Indice dei contenuti dell'articolo


Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su assegno - cosa comporta la clausola di non trasferibilità. Clicca qui.

Stai leggendo Assegno - Cosa comporta la clausola di non trasferibilità Autore Simonetta Folliero Articolo pubblicato il giorno 25 Agosto 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 14 Aprile 2018 Classificato nella categoria assegno - clausole e situazioni particolari Inserito nella sezione assegni cambiali e conti correnti

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • cocco bill 12 Gennaio 2010 at 11:43

    Un assegno anche se non protestabile, perchè il traente ne ha disposto la revoca per la presentazione fuori termine, resta comunque un titolo esecutivo.

    Non essendo protestato non può essere esercitata azione di regresso nei riguardi dei giranti, ma resta sempre proponibile l’azione diretta nei confronti del traente.

    In questa sezione trova ulteriori informazioni al riguardo.

  • Alfredo 12 Gennaio 2010 at 11:08

    Complimenti per le informazioni che si trovono su questo sito ma non i parla mai di quando un assegno non e piu protestabile ad esempio se il cliente da alla banca un assegno ricevuto dal estero e lo versa al dopo incasso quando realmente il cliente deve considerare il titolo pagato perche a me e sucesso che anche dopo aver avuto dalla banca
    Acredito
    conferma messagio cifrato
    disponibilita
    il tutto dopo 30 giorni
    ad oggio mi ritrovo con il conto in perdita e la segnalazione alla centrale rischi cosa devo fare.
    Grazie