Assegno per il nucleo familiare » Requisiti ed aggiornamenti

Assegno familiare » Requisiti ed aggiornamenti

L’assegno familiare è un contributo versato dall'INPS ai lavoratori dipendenti o ai pensionati, quando il reddito complessivo delle famiglia non supera determinati limiti stabiliti dalla legge.

Vediamo come accedere a questo beneficio e quali sono i limiti reddituali.

La domanda dell'assegno familiare

Innanzitutto, la domanda per ottenere l'assegno deve essere presentata:

Da notare bene che qualsiasi variazione intervenuta nel reddito e/o nella composizione del nucleo familiare, durante il periodo di richiesta dell'ANF, deve essere comunicata entro 30 giorni.

Qualora la domanda venga presentata per un periodo pregresso, gli arretrati spettanti vengono corrisposti nel limite massimo di 5 anni (prescrizione quinquennale).

La decorrenza e la variazione dell'assegno familiare

Il diritto all'assegno decorre dal primo giorno del periodo di paga o di pagamento della prestazione previdenziale, per la quale è prevista l’erogazione accessoria degli assegni familiari, nel corso del quale si verificano le condizioni prescritte per il riconoscimento del diritto (ad es.: celebrazione del matrimonio, nascita di figli) e cessa alla fine del periodo in corso alla data in cui le condizioni stesse vengono a mancare (ad es.: separazione legale del coniuge, conseguimento della maggiore età da parte del figlio).

Qualora spettino assegni giornalieri, il diritto decorre e ha termine dal giorno in cui si verificano o vengono a mancare le condizioni prescritte.

Non possono essere erogati complessivamente più di 6 assegni giornalieri per ciascuna settimana e 26 per ogni mese.

Per i pagamenti subordinati ad autorizzazione da parte dell'INPS la data iniziale dell'erogazione e quella finale di scadenza della relativa validità risultano dalle indicazioni contenute nell'autorizzazione stessa

L'autorizzazione al pagamento dell'assegno familiare

L’autorizzazione va richiesta, attraverso la modalità di presentazione telematica utilizzando uno dei seguenti canali (quando l’ANF è erogato dal datore di lavoro):

Oppure, in alternativa, tramite presentazione della necessaria documentazione indicata nei modelli di domanda (nei casi di pagamento diretto da parte dell'INPS), nei casi in cui debbano essere inclusi nel nucleo familiare:



Il pagamento dell'assegno familiare

L'assegno familiare viene pagato:

Il pagamento effettuato direttamente dall'INPS è disposto tramite bonifico presso ufficio postale o, a richiesta, mediante accredito su conto corrente bancario o postale, indicando nella domanda il codice IBAN.

A decorrere dall'1/1/05 il coniuge dell'avente diritto alla corresponsione dell'assegno familiare può chiedere l’erogazione della predetta prestazione purché non sia, a sua volta, titolare di un proprio diritto all'ANF determinato da un rapporto di lavoro dipendente oppure da una prestazione previdenziale derivante da lavoro dipendente.

Redditi del nucleo familiare

Il reddito del nucleo familiare, rilevante ai fini del riconoscimento dell'assegno, è costituito dalla somma dei redditi del lavoratore e dei componenti della famiglia assoggettati all'Irpef, conseguito nell'anno solare precedente il 1° luglio dell'anno della richiesta, ed ha valore per la corresponsione dell'assegno fino al 30 giugno dell'anno successivo.

Ad esempio, con riferimento al periodo che va dal 1° luglio 2013 al 30 giugno 2014, il richiedente dovrà dichiarare i redditi del nucleo familiare dell'anno 2012

Sono compresi tra i redditi rilevanti per aver diritto all'assegno familiare:

L’importo da erogare viene stabilito sulla base della fascia di reddito a cui appartiene il contribuente, al numero dei componenti della famiglia e a specifiche tabelle (ve ne sono circa 15) legate alle varie tipologie di nucleo familiare (ad esempio, la tabella 21A si riferisce al caso in cui al nucleo appartengano i soli coniugi).

Sono esclusi dal calcolo del reddito:

L’assegno familiare non spetta quando la somma dei redditi da lavoro dipendente, da pensione o da altra prestazione previdenziale derivante da lavoro dipendente è inferiore al 70% del reddito complessivo del nucleo familiare.

5 marzo 2014 · Gennaro Andele

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su assegno per il nucleo familiare » requisiti ed aggiornamenti. Clicca qui.

Stai leggendo Assegno per il nucleo familiare » Requisiti ed aggiornamenti Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 5 marzo 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 4 agosto 2017 Classificato nella categoria sostegno al reddito - contributi incentivi pensione di inabilità e assegno di invalidità - assegno familiare e per il nucleo familiare - indennità di disoccupazione Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca