Assegno per il nucleo familiare - Regole in caso di separazione personale dei coniugi

Assegno per il nucleo familiare - finalità e tutele

L’assegno per il nucleo familiare è finalizzato ad assicurare una tutela in favore di quelle famiglie che mostrano di essere effettivamente bisognose sul piano economico.

L'assegno per il nucleo familiare è attribuito in modo differenziato in rapporto al numero dei componenti ed al reddito del nucleo familiare, tenendo altresì conto dell'eventuale esistenza di soggetti colpiti da infermità o difetti fisici o mentali e che pertanto si trovino nell'assoluta e permanente impossibilità di dedicarsi ad un proficuo lavoro, ovvero di minorenni che abbiano difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni proprie della loro età - ha natura assistenziale.

Ne consegue che il reddito rilevante ai fini dell'ammontare dell'assegno è quello del nucleo familiare composto dal coniuge affidatario e dai figli, con esclusione del coniuge legalmente separato, anche se titolare del diritto alla corresponsione, rilevando il reddito di quest'ultimo solo ai fini del diritto all'erogazione della provvidenza.

Nel periodo in cui era in vigore l'istituto degli assegni familiari sono state emanate due norme per regolare le situazioni di conflitto fra coniugi separati e favorire in ogni caso il coniuge cui erano affidati i figli, indipendentemente dalla titolarità del diritto alla corresponsione degli assegni.

La prima prevede che il coniuge cui i figli sono affidati ha diritto in ogni caso a percepire gli assegni familiari per i figli, sia che ad essi abbia diritto per un suo rapporto di lavoro, sia che di essi sia titolare l'altro coniuge; la seconda, sulla parità di trattamento tra uomini e donne, dopo avere previsto che tutte le prestazioni in favore della famiglia possono essere corrisposte, in alternativa, alla donna lavoratrice, con gli stessi limiti previsti per il lavoratore, stabilisce che nel caso di richiesta di entrambi i genitori (le prestazioni) debbono essere corrisposte al genitore con il quale il figlio convive.

Assegno per il nucleo familiare in caso di separazione personale dei coniugi

Abolito l'istituto degli assegni familiari queste due norme sono rimaste in vigore (perché non abrogate esplicitamente o implicitamente da norme successive). La prima, ai fini della scissione fra titolarità del diritto alla corresponsione del trattamento di famiglia e diritto alla percezione dello stesso e la seconda per regolare le situazioni di conflitto fra coniugi separati che abbiano entrambi diritto alla corresponsione.

La finalità assistenziale del nuovo istituto e le norme di legge vigenti inducono a ritenere che il reddito da tenere presente ai fini dell'ammontare dell'assegno è quello del nucleo familiare composto dal coniuge affidatario e dai figli, con esclusione del coniuge legalmente ed effettivamente separato, anche, se titolare del diritto alla corresponsione. Il reddito di quest'ultimo viene tuttavia preso in considerazione per stabilire il diritto alla erogazione della provvidenza assistenziale. Una volta stabilita la spettanza dell'assegno, l'ammontare viene determinato sulla base del reddito del nucleo familiare del affidatario.

Pertanto l'eventuale pretesa dell'INPS di voler considerare il requisito reddituale del coniuge affidatario ai fini della spettanza della prestazione e non solo per la determinazione dell'ammontare dell'assegno è palesemente infondata.

In pratica: in caso di separazione personale dei coniugi, per fruire del diritto a percepire l’assegno per il nucleo familiare deve essere preso in considerazione il reddito del coniuge legalmente ed effettivamente separato, non affidatario dei figli e titolare del diritto alla corresponsione. Una volta stabilito tale diritto, l’ammontare dell’assegno verrà determinato sulla base del reddito del nucleo familiare composto dal coniuge affidatario e dai figli, con esclusione del coniuge legalmente ed effettivamente separato.

Così si sono espressi i giudici della Corte di cassazione nella sentenza numero 6351/15.

1 aprile 2015 · Ornella De Bellis


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Separazione dei coniugi - genitore non affidatario e spese straordinarie dei figli
In tema di separazione e divorzio, il genitore non affidatario non decide sulle spese straordinarie dei figli, anche se è tenuto a pagarle. Con la recentissima sentenza numero 8676 del 12 aprile 2010 la Corte di Cassazione ha stabilito che il genitore non affidatario, tenuto al mantenimento, non può contestare ...
Assegno per il nucleo familiare – sussiste anche per la famiglia di fatto
Il genitore di figli naturali riconosciuti ha diritto all'assegno familiare. In tal senso si è espressa la Corte di Cassazione, con la sentenza del 18 giugno 2010, numero 14783. Nel caso di specie, il ricorrente era coniugato con una persona, ma conviveva da anni con altra persona. Dalla convivente aveva ...
Separazione e divorzio - Se la casa familiare non è assegnata al coniuge affidatario il canone ricavabile dalla locazione dell'immobile deve integrare l'assegno di mantenimento
Nel giudizio di separazione e divorzio, i provvedimenti necessari alla tutela degli interessi morali e materiali della prole, tra i quali rientrano anche quelli di attribuzione e determinazione di un assegno di mantenimento a carico del genitore non affidatario, possono essere adottati d'ufficio. In particolare, in materia di assegno di ...
Assegno per il nucleo familiare » Requisiti ed aggiornamenti
L'assegno familiare è un contributo versato dall'INPS ai lavoratori dipendenti o ai pensionati, quando il reddito complessivo delle famiglia non supera determinati limiti stabiliti dalla legge. Vediamo come accedere a questo beneficio e quali sono i limiti reddituali. La domanda dell'assegno familiare Innanzitutto, la domanda per ottenere l'assegno deve essere ...
Assegno nucleo familiare » Il prontuario
Nell'articolo che segue parleremo di sostegno al reddito e, più precisamente, dell'assegno familiare. Vedremo chi può accedere all'agevolazione, come si costituisce il nucleo familiare e come presentare la domanda. Buona lettura. L'assegno familiare (ANF) costituisce un sostegno per le famiglie dei lavoratori dipendenti e dei pensionati da lavoro dipendente, i ...

Spunti di discussione dal forum

ISEE 2016 Altre informazioni del nucleo familiare
Sto compilando on line la richiesta per l'ISEE 2016: sono separata legalmente con due figli, uno maggiorenne e uno minorenne, che vivono con me, entrambi studenti. Io lavoro come dipendente a tempo indeterminato e il giudice ha stabilito, nella sentenza di separazione, un assegno di mantenimento per i figli che…
Assegni familiari – Io madre lavoratrice dipendente ne ho ancora diritto se mio figlio minorenne acquisisce residenza presso il padre?
Ho un dubbio: se mio figlio minore cambia residenza e va dal padre, ma continua a vivere con me (quindi mantenendo il vecchio domicilio) non farà comunque più parte del mio nucleo familiare? e io, madre, continuerei a tirare gli assegni familiari o spetterebbero al padre? -genitori separati legalmente -il…
Assegni familiari e nucleo familiare allargato
La mia famiglia composta da 4 componenti marito, moglie e due figli si è trasferita per motivi lavorativi e abbiamo preso residenza nell'abitazione dove già risiede mio suocero. Ovviamente siamo quindi diventati un unico nucleo familiare: mio suocero è pensionato, ai fini degli assegni familiari che percepisco come dipendente e…
Padre separato con figli minori conviventi con la madre – Quali sono i nuclei familiari ai fini ISEE?
In caso di separazione legale omologata, in presenza di figli minori collocati prevalentemente presso la madre nella casa coniugale, il padre ai fini ISEE può inserirli nel suo nucleo familiare? Il padre è convivente con la nuova compagna con la quale non è sposato ed hanno un figlio. In questo…
Diritto alla maggiorazione scala equivalenza nucleo familiare con almeno tre figli
Due soggetti, ciascuno con due figli avuti da precedente matrimonio, decidono di convivere: ora il nucleo familiare ai fini ISEE è composto dai conviventi e da quattro figli che però non sono in comune. Ho diritto alla maggiorazione della scale di equivalenza per almeno tre figli?

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su assegno per il nucleo familiare - regole in caso di separazione personale dei coniugi. Clicca qui.

Stai leggendo Assegno per il nucleo familiare - Regole in caso di separazione personale dei coniugi Autore Ornella De Bellis Articolo pubblicato il giorno 1 aprile 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 4 agosto 2017 Classificato nella categoria famiglia separazione e divorzio - assegnazione casa e assegno di mantenimento coniuge separato o divorziato Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca

Domande?