I principi affermati dalla sentenza della Cassazione sul mantenimento in parole semplici

Spieghiamo ai non addetti ai lavori i principi affermati dalla sentenza della Cassazione sul mantenimento in parole semplici.

Secondo quando affermato dalla sentenza evidenziata nel paragrafo precedente, per avere l'assegno di mantenimento non conterà più la sproporzione di reddito rispetto al tenore di vita goduto durante il matrimonio ma l'impossibilità per il coniuge economicamente più debole a procurarsi da solo un reddito.

Da oggi in poi non conterà più la differenza di reddito tra moglie e marito al momento del divorzio, ma il fatto che il richiedente non sia oggettivamente in grado di mantenersi da solo.

E se l'assenza di redditi dipende da inerzia o da mancanza di volontà a trovare un lavoro, il giudice dovrà negare l'assegno di mantenimento.

È questa la rivoluzione epocale varata dalla Cassazione: un cambiamento storico perché da oggi in poi il sussidio a favore del coniuge più debole economicamente non verrà più accordato con la facilità e l'automatismo del passato, ma richiederà prove più convincenti del proprio stato di oggettiva difficoltà economica.

Cosa significa in concreto? Significa un definitivo addio al mantenimento per chi può mantenersi da solo.

Dunque, la Corte ha portato a compimento l'iter interpretativo varato qualche anno fa: un inter con cui ha messo alle strette il diritto ad ottenere, sempre e comunque, l'assegno di mantenimento solo per il fatto di avere un reddito più basso rispetto all'ex coniuge.

A contare non è più la semplice sussistenza di una differenza economica tra i due ex coniugi, ma l'assenza di redditi o l'incapacità a procurarseli.

Infatti, la Corte dà peso anche ad altre circostanze come la possibilità di reimpiegarsi nel mondo del lavoro alla luce dell'età del richiedente (tanto più giovane, tanto più facilmente potrà trovare un'occupazione), della formazione scolastica, delle precedenti esperienze formative e/o lavorative.

Detto in termini pratici, l'assegno di mantenimento resterà ad appannaggio ancora delle casalinghe che, per scelta condivisa da entrambi i coniugi, hanno rinunciato a una carriera per occuparsi del ménage familiare e consentire all'uomo di concentrarsi a tempo pieno nella propria attività professionale, imprenditoriale e/o lavorativa.

Senza contare che, oramai da qualche anno, è stato messo nero su bianco il principio secondo cui, nel momento in cui il coniuge beneficiario del mantenimento va a convivere stabilmente con un'altra persona, perde il diritto all'assegno.

Ora, tutto questo, viene chiarito e formalizzato in un'unica sentenza che costituirà, forse, il punto di svolta della futura giurisprudenza.

Dopo ventisette anni, la Cassazione supera l'orientamento consolidato in materia di famiglia che collegava la misura del contributo in favore del coniuge debole al parametro del tenore di vita matrimoniale.

Ora il trattamento, che ha «natura assistenziale», spetta in una misura che va ragguagliata «all'indipendenza o autosufficienza economica» dell'ex coniuge che lo richiede.

In altri termini, la posizione dell'ex moglie (o, anche se più raramente dell'ex marito) senza reddito o con il reddito più basso viene equiparata a quella dei figli: finché questi non hanno la possibilità di procurarsi da soli un reddito, vanno mantenuti, ma nel momento in cui raggiungono l'indipendenza economica oppure sono nelle condizioni di raggiungerla (per formazione, età ed esperienza) e ciò nonostante non vogliono introdursi nel mercato del lavoro, viene meno il diritto a ottenere il contributo assistenziale.

Addio quindi a quelle sentenze di alcuni giudici che, per anni, hanno trasformato l'assegno di mantenimento in una forma di assicurazione a vita in favore dell'ex coniuge.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca