Assegno di mantenimento » va ridotto se il coniuge obbligato è in precarie condizioni di salute

L'assegno di mantenimento a carico dell'ex coniuge può essere ridotto se l'obbligato è anziano e in precarie condizioni di salute.

Ciò in quanto è prevedibile che lo stesso debba andare incontro a crescenti spese di carattere medico e assistenziale (Cassazione, sentenza numero 927/2014).

Secondo la Cassazione, infatti, l'importo dell'assegno di mantenimento non deve essere deciso esclusivamente sulla base della condizione reddituale dell'onerato ma anche in considerazione di prevedibili spese, collegate a eventi futuri e incerti, quali una malattia.

La Cassazione in particolare ha dato rilievo alla condizioni attuali di salute del coniuge onerato, documentalmente accertate, che già richiedevano una particolare attenzione sia sotto il profilo dell'assistenza sia delle terapie.

Tale situazione era inoltre destinata ad accrescersi nel tempo con il "progressivo degrado dello stato fisico" dell'uomo e gli inevitabili aumenti di spese sanitarie, che giustificano pienamente la riduzione dell'assegno di mantenimento.

22 gennaio 2014 · Antonella Pedone

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assegno di mantenimento » Non va corrisposto se non si può lavorare a causa della salute precaria
L'assegno di mantenimento non va corrisposto se è impossibile lavorare a causa di condizioni di salute precarie. Salute precaria, difficile lavorare: l'uomo può ancora evitare il mantenimento per i figli. Le condizioni fisiche precarie e la conseguente difficoltà a lavorare possono portare all'azzeramento dell'assegno di mantenimento previsto, dai giudici di ...
Mantenimento » Aumenta l'assegno se dopo la separazione ex coniuge obbligato riceve l'eredità
Aumenta il saldo dell'assegno di mantenimento per ex moglie e figli quando, dopo la separazione, l'ex coniuge obbligato riceve un'eredità. Ciò perchè i beni acquisiti, dal coniuge obbligato, per successione ereditaria dopo la separazione legittimano l'aumento dell'assegno di mantenimento a carico della ex moglie e dei figli. I redditi inadeguati ...
Separazione personale » Stop all'assegno di mantenimento se coniuge obbligato è disoccupato e coniuge beneficiario ha nuovo partner
In tema di separazione personale tra due coniugi, non deve essere corrisposto l'assegno di mantenimento, da parte del coniuge obbligato, se lo stesso è disoccupato e il coniuge beneficiario ha intrapreso una nuova convivenza. Alla moglie non può essere riconosciuto il mantenimento qualora il marito si trovi disoccupato e la ...
Separazione personale » Il licenziamento del coniuge obbligato è motivo valido per la riduzione dell'assegno di mantenimento
Separazione personale: il licenziamento del coniuge obbligato al mantenimento è un elemento sufficiente per la revisione dell'assegno. Un rilevante periodo di tempo tra il licenziamento di un coniuge (anche se avvenuto dopo la sottoscrizione dell'accordo di divorzio) e la richiesta di modifica delle condizioni economiche, in cui il patrimonio si ...
Assegno per il mantenimento della figlia minore - Il coniuge obbligato non può chiedere il rendiconto delle spese al coniuge affidatario
Quando, in sede di separazione personale dei coniugi, i figli siano stati affidati, con provvedimento presidenziale o con sentenza definitiva, ad uno dei coniugi, l'assegno posto a carico del coniuge non affidatario, quale suo concorso agli oneri economici derivanti dal mantenimento della prole, è determinato in misura forfettariamente proporzionata alle ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su assegno di mantenimento » va ridotto se il coniuge obbligato è in precarie condizioni di salute. Clicca qui.

Stai leggendo Assegno di mantenimento » va ridotto se il coniuge obbligato è in precarie condizioni di salute Autore Antonella Pedone Articolo pubblicato il giorno 22 gennaio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 4 agosto 2017 Classificato nella categoria famiglia monoparentale e di fatto - unioni civili - diritto separazione e divorzio Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca