Indice del post assegno emesso e poi richiamato e successiva iscrizione cai

Un assegno che ho emesso è stato richiamato su mia richiesta dal beneficiario che per restituirmelo in originale ha accettato altri titoli con scadenza superiore ai 60 gg. Quindi restituisce l'assegno, gli consegno gli altri titoli, ma non produce nel contempo la liberatoria. In un secondo tempo di fronte ad un notaio stila, omettendo volutamente il termine "pagato" o "quietanzato", una liberatoria citando però un importo di debito superiore all'importo dell'assegno richiamato e restituito in quanto includente altre fatture da pagare e cita inoltre gli altri titoli che hanno sostituito l'assegno che mi è stato restituito. L'ufficio legale della [ ... leggi tutto » ]

Non può fare nulla, perchè per evitare l'iscrizione alla CAI la liberatoria del creditore deve essere indicativa dell'avvenuto pagamento. Ed è anche normale che il creditore non apponga la clausola di rito a fronte di pagamento effettuato con nuovi titoli a scadenza e non in contanti o con assegni circolari. Anche io m [ ... leggi tutto » ]

14 novembre 2012 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Iscrizione in CAI - Illegittima se il pagamento tardivo dell'assegno viene comunicato oltre i termini di legge ma prima che sia stata attivata la procedura di segnalazione
Può accadere che il pagamento tardivo di un assegno scoperto avvenga entro i 60 giorni previsti e che la comunicazione dell'avvenuta regolarizzazione (quietanza liberatoria) giunga alla banca dopo tale termine, ma prima che sia stato dato avvio alla procedura di segnalazione in CAI (Centrale Rischi Interbancaria). In tale ipotesi, è ...
Assegno scoperto - Il preavviso di iscrizione in CAI va notificato anche al soggetto eventualmente delegato all'emissione
Nel caso di mancato pagamento, in tutto o in parte, di un assegno per difetto di provvista, la legge 386/1990 (articolo 9 bis) dispone che la banca comunichi al traente (il titolare del conto corrente da cui è stato emesso l'assegno) che, decorso il termine di sessanta giorni dalla data ...
Assegno emesso senza indicazione della ragione sociale
Quando l'assegno è tratto sul conto intestato alla società senza indicazione della ragione sociale, esso risulta irregolare perché in violazione della norma di cui all'articolo 11 del regio decreto numero 1736/1933, in base alla quale ogni sottoscrizione dell'assegno deve contenere l'indicazione del soggetto giuridico che si obbliga. Secondo l'insegnamento della ...
Assegno già emesso » Si può chiedere all'istituto di credito di non pagarlo più?
Una banca deve eseguire l'ordine impartito dal proprio cliente di non pagare più l'assegno già emesso. Purtroppo, però, dell'eventuale protesto resta unicamente responsabile il correntista. Chi ha già emesso un assegno può, in un momento seguente alla consegna, ordinare al proprio istituto di credito di non pagarlo più? Se si, ...
Assegni scoperti – niente revoca e iscrizione CAI se si paga entro 60 giorni
Se abbiamo emesso quello che si indica comunemente come assegno "a vuoto" o "scoperto", possiamo in parte rimediare attraverso il pagamento tardivo da effettuarsi entro 60 giorni dalla data di scadenza del termine di presentazione. Eviteremo così le sanzioni pecuniarie e la revoca di sistema, che consiste nell'ulteriore divieto di ...

Spunti di discussione dal forum

Iscrizione al cai – Il fornitore ha incautamente versato in banca un mio assegno scoperto ma era stato già saldato
Vorrei farvi una domanda per quanto riguarda l'iscrizione al CAi: la mia banca mi ha iscritto al cai per un assegno che è entrato e subito ritirato perchè il conto era chiuso. Io ho saldato il mio fornitore e mi sono fatta fare anche la liberatoria, in banca il direttore…
Assegno richiamato dal creditore – Perchè sono stato iscritto comunque in CAI ed è stata disposta la revoca di sistema ad emettere assegni?
Assegno datato 31/07/17 richiamato dal creditore in data 03/08/17 che contestualmente ha ricevuto nella stessa data un bonifico sul suo conto pari all'importo dell'assegno. La mia banca mi ha addebitato un importo di €25,00 e mi ha inviato via raccomandata la revoca ad emettere ulteriori titoli se non prima dimostravo…
Assegno emesso e poi richiamato con riaccredito dell’importo facciale – Ma l’assegno non compare fra quelli ancora disponibili
Ho un problema con un assegno: qualche mese fa, 4/5 per l'esattezza viene versato a mia insaputa un'assegno da me regolarmente emesso, chiedo la cortesia al mio fornitore di poterlo ritirare cosa che lui fa (credo molto di mala voglia) dopo circa 12 giorni dalla presentazione, e sul mio conto…
Quietanza liberatoria e debito rinunciato – A cosa serve?
Voi scrivete che il debitore dovrà tassativamente esigere l'integrazione del testo della quietanza liberatoria con esplicito riferimento all'articolo 1236 del codice civile, naturalmente prima di pagare, ma non capisco, visto che la quietanza liberatoria viene rilasciata una volta effettuato il pagamento.
Impossibilitato ad avere liberatoria e titolo – Come fare per cancellare il protesto?
Ho un problema con un azienda che è fallita: non ho possibilità di poter avere la liberatoria e l'assegno in originale per cancellare il protesto, ho effettuato il pagamento dell'assegno con bonifico bancario e vorrei sapere come posso fare per cancellare il protesto.

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su indice del post assegno emesso e poi richiamato e successiva iscrizione cai. Clicca qui.

Stai leggendo Indice del post Assegno emesso e poi richiamato e successiva iscrizione CAI Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 14 novembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria assegni cambiali e conti correnti - domande e risposte .

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca