Assegno già emesso » Si può chiedere all'istituto di credito di non pagarlo più?

Una banca deve eseguire l'ordine impartito dal proprio cliente di non pagare più l'assegno già emesso. Purtroppo, però, dell'eventuale protesto resta unicamente responsabile il correntista.

Chi ha già emesso un assegno può, in un momento seguente alla consegna, ordinare al proprio istituto di credito di non pagarlo più? Se si, quali sono le conseguenze? Cosa succede nell'eventualità di un protesto? Scopriamolo nel prosieguo dell'articolo.

Si può chiedere alla banca di non pagare un assegno già emesso?

Partiamo da un piccolo esempio: il signor Rossi ha dato al signor Bianchi un assegno, a titolo di pagamento per una prestazione che questi avrebbe dovuto compiere, ma poi, resosi conto dell'inadempimento di quest’ultimo, ha ordinato al direttore della propria banca di non pagare più il titolo. È fattibile questa pratica?

Certamente si, ma con alcune riserve.

Per cominciare, bisogna fare una distinzione a seconda del momento in cui il cliente chiede al proprio istituto di non pagare l'assegno.

Infatti, se l'ordine del correntista di non pagare l'assegno interviene dopo 8 giorni dalla data dell'emissione del titolo, la banca è tenuta ad adempiere a tale richiesta, essendo un sacrosanto diritto del debitore, che ha emesso l'assegno, revocarlo una volta decorso il termine.

Ciò perché la normativa vigente stabilisce che una banca debba pagare i titoli entro 8 giorni, 15 se il pagamento deve avvenire in un Comune diverso, dalla data di emissione.

Se, invece, vengono presentati in un momento successivo, il cliente può legittimamente ordinare alla banca di non pagare.

Nel caso la banca disobbedisca all'ordine del cliente pagando il titolo, la stessa è considerata responsabile e deve restituire la somma illegittimamente prelevata dal conto.

Ovviamente, non è detto che il correntista revochi l'assegno.

Perciò, se non lo fa, nonostante la scadenza del termine degli otto giorni, la banca è obbligata regolarmente a pagare l'assegno a vista.

Al contrario, nella fattispecie in cui il correntista intervenga prima degli 8 giorni la banca resta comunque tenuta a rispettare la richiesta del proprio cliente.

Tuttavia quest’ultimo si assume ogni responsabilità, nei confronti del creditore, nel caso di protesto e, in caso di estinzione anticipata del conto, della sanzione amministrativa conseguente, prevista dalla legge.

17 aprile 2014 · Gennaro Andele

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assegno con firma falsa? » L'istituto di credito deve risarcire cliente
La banca deve risarcire il proprio cliente nel caso in cui abbia pagato a vista un assegno, ad un truffatore, con la firma del correntista perfettamente contraffatta. Ai fini della valutazione della responsabilità della banca nel mancato riconoscimento di un assegno falso, infatti, è compito del giudice chiamato in causa ...
Traente impone all'istituto di credito di non pagare l'assegno » Sussiste rischio di protesto
Nel caso in cui il traente imponga al proprio istituto di credito di non pagare un assegno bancario, esiste il pericolo di protesto. Pensateci due volte prima di ordinare alla vostra banca di non pagare un assegno già emesso. In questa fattispecie si rischia, infatti, di subire un protesto. Il ...
Protesto illegittimo - Assegno rubato con firma di traenza recante generalità diverse da quella del correntista
Il caso è quello, un pò particolare, di un carnet di assegni rubato al correntista e regolarmente denunciato. Successivamente uno di questi assegni veniva presentato all'incasso con firma di traenza non solo diversa da quella depositata dal correntista (specimen), ma addirittura recante generalità diverse da quelle del correntista. In pratica, ...
Assegno scoperto - La banca può pagarlo concedendo un fido e imputando a copertura i successivi ratei di pensione o stipendio accreditati
Può accadere che la banca provveda al pagamento di un assegno parzialmente privo di fondi e che successivamente, per assicurarsi l'immediato rientro dall'esposizione debitoria così formatasi, la banca incameri i ratei del trattamento pensionistico o dello stipendio del traente, unici suoi redditi percepiti e mensilmente accreditati sul proprio conto corrente. ...
Assegno protestato » Nessun risarcimento danni al correntista
Nessun risarcimento danni al correntista che cita la banca per il protesto di un assegno Nessun risarcimento del danno per il correntista che emette un assegno, il quale viene successivamente protestato a causa dell'incapienza del conto corrente. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, la quale, con la sentenza 3286/13, ...

Spunti di discussione dal forum

Assegno circolare falso – responsabilità della banca
Ho effettuato una vendita ricevendo un assegno circolare falso. prima di consegnare il bene oggetto della transazione, mi sono recato in banca per fare verificare la validità dell'assegno ricevuto. La mia banca ha effettuato la verifica dicendomi che l'assegno era stato emesso regolarmente. Tutto questo per le vie brevi, senza…
Assegno emesso e poi richiamato con riaccredito dell’importo facciale – Ma l’assegno non compare fra quelli ancora disponibili
Ho un problema con un assegno: qualche mese fa, 4/5 per l'esattezza viene versato a mia insaputa un'assegno da me regolarmente emesso, chiedo la cortesia al mio fornitore di poterlo ritirare cosa che lui fa (credo molto di mala voglia) dopo circa 12 giorni dalla presentazione, e sul mio conto…
Incasso di un assegno presentato allo sportello dopo la scadenza dei termini
Buonasera a tutti, ho un grosso problema: ho in mano un assegno bancario non trasferibile a mio nome che è datato 2011. Non l'ho mai incassato per accordi con chi l'ha emesso, ed ora che questi accordi sono stati disattesi mi sono presentato per versarlo. Il cassiere ha subito detto…
Assegno non pagato per mancanza fondi
Oggi scade un assegno che non ho potuto pagare per mancanza fondi e non posso pagare perché in questo momento ho grandi difficoltà: inoltre ci sono altri due assegni depositati che non hanno ancora raggiunto i termini di 60 giorni per il pagamento tardivo. La mia domanda è ora assegno…
Conseguenze del pignoramento del saldo di conto corrente sul pagamento degli assegni già emessi – Rischio protesto e segnalazione in CAI?
Volevo chiedervi cosa accade ad un assegno già emesso ed in corso di incasso in caso di pignoramento del conto di colui che lo ha emesso: ad esempio, ho 1000 euro sul conto corrente, il giorno 01/01 emetto un assegno per 1000 euro, il giorno 02/01 il conto viene pignorato.…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su assegno già emesso » si può chiedere all'istituto di credito di non pagarlo più?. Clicca qui.

Stai leggendo Assegno già emesso » Si può chiedere all'istituto di credito di non pagarlo più? Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 17 aprile 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria assegno - clausole e situazioni particolari Inserito nella sezione assegni cambiali e conti correnti.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info