Assegno di mantenimento » Ancora su tenore di vita matrimoniale

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

Ancora ribadito dalla giurisprudenza il concetto per cui lo scopo dell’assegno di mantenimento è quello di conservare il tenore di vita goduto dal beneficiario durante la convivenza matrimoniale.

Evidenti i sacrifici affrontati dalla moglie durante il matrimonio, sacrifici che sono destinati ad avere ripercussioni a livello economico, anche sul lungo periodo.

Ciò comporta il riconoscimento, a carico del marito, di un assegno mensile.

Questo, in sintesi, l’orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 21010714.

In una separazione personale, laddove sia constatata una disparità economica tra due coniugi (disparità data anche del fatto che la moglie abbia dedicato molti anni alla cura dei figli ed abbia collaborato con il lavoro del marito, abbandonando la propria professione) deve sussistere un assegno di mantenimento cospicuo. Non importa, in tale fattispecie, che il coniuge beneficiario dell’assegno di mantenimento abbia già usufruito della casa coniugale, di esclusiva proprietà del coniuge obbligato.

Inoltre, come già chiarito da giurisprudenza consolidata, il beneficiario ha diritto di mantenere lo stesso tenore di vita goduto durante il matrimonio.

Pertanto, è legittima la corresponsione, da parte del coniuge obbligato, essendo benestante, di un assegno di mantenimento particolarmente esoso.

7 Ottobre 2014 · Genny Manfredi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dopo l'esclusione del criterio relativo al tenore di vita goduto durante il matrimonio, il coniuge beneficiario farebbe bene a pensarci due volte prima di presentare istanza di revisione dell'assegno divorzile
Come è ampiamente noto, con la famosa sentenza 11504/2017, resa a sezioni unite dai giudici della Corte Suprema, con la quale è stato decretata l'esclusione del parametro relativo al tenore di vita goduto in costanza di matrimonio dai criteri adottati per stabilire la sussistenza del diritto a percepire l'assegno di divorzio e per determinarne l'importo, sono stati affermati due importanti principi giuridici. Il primo afferma che il diritto all'assegno di divorzio è condizionato dal suo preventivo riconoscimento in base ad una verifica giudiziale che si articola necessariamente in due fasi, tra loro nettamente distinte e poste in ordine progressivo dalla ...

Criterio del tenore di vita nel matrimonio per stabilire l'assegno di mantenimento post divorzio - Si o no?
Ho seguito con molta passione la vicenda della sentenza Grilli, con la quale era stata decretata la fine del criterio del mantenimento del tenore di vita durante il matrimonio per stabilire l'importo dell'assegno divorzile. Ho sentito dire, però, che negli ultimi giorni c'è stata una sorta di inversione di rotta, e si è aperto un dibattito dal quale potrebbe scaturire un ribaltamento del parere. Dunque, come andrà a finire? Dopo il divorzio, andrà tenuto conto del tenore di vita durante il matrimonio per stabilire l'importo dell'assegno di mantenimento all'ex coniuge? Sì o no? ...

Tenore di vita goduto durante il matrimonio - Criteri differenti nella quantificazione dell'assegno di separazione e di quello divorzile
In tema di separazione, l'obbligo di assistenza materiale trova di regola attuazione nel riconoscimento di un assegno di mantenimento in favore del coniuge che versa in una posizione economica deteriore e non é in grado, con i propri redditi, di mantenere un tenore di vita analogo a quello offerto dalle potenzialità economiche dei coniugi. Sotto tale profilo con l'espressione redditi adeguati la norma ha inteso riferirsi al tenore di vita consentito dalle possibilità economiche dei coniugi; tale dato, non ricorrendo la condizione ostativa dell'addebito della separazione, richiede un'ulteriore verifica per appurare se i mezzi economici di cui dispone il coniuge ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su assegno di mantenimento » ancora su tenore di vita matrimoniale. Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)