Separazione personale » Nella quantificazione dell'assegno di mantenimento va considerato il salto professionale e reddituale del marito

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento, oppure qui o consultando questa sezione.

Dopo una separazione personale, nella quantificazione degli oneri da corrispondere nell'assegno di mantenimento, va considerato il salto professionale e reddituale del coniuge.

Per quantificare l'assegno di mantenimento, bisogna tener presente anche le aspettative maturate nel corso del matrimonio, ossia le prospettive di miglioramenti economici maturate nel corso dell'unione matrimoniale e che si configurano come ragionevole sviluppo di situazioni presenti al momento del divorzio.

Questo l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione, con sentenza 19529/14.

A parere degli Ermellini, dunque, è valido il principio in base al quale il diritto del coniuge all'assegno di mantenimento deve essere accertato verificando la disponibilità da parte del richiedente dei mezzi economici adeguati a consentirgli il mantenimento di un tenore di vita analogo a quello goduto in costanza di matrimonio.

Inoltre, la liquidazione dell'importo,deve essere compiuta valutando in concreto, anche in rapporto alla durata del matrimonio, le condizioni dei coniugi, le ragioni della decisione, il contributo personale ed economico dato da ciascuno alla conduzione familiare ed alla formazione del patrimonio di ognuno e di quello comune, il reddito di entrambi.

Per quantificare l'assegno di mantenimento, conclude piazza Cavour, bisogna, quindi, tener presente anche le aspettative maturate nel corso del matrimonio, ossia le prospettive di miglioramenti economici maturate nel corso dell'unione matrimoniale che trovino origine nell'attività svolta all'epoca.

In sintesi, si devono tener presenti solo gli incrementi delle condizioni patrimoniali del marito, che si configurano come ragionevole sviluppo di situazioni e aspettative presenti al momento del divorzio.

19 settembre 2014 · Genny Manfredi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

Approfondimenti e integrazioni

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare qui. Per accedere con credenziali Facebook puoi cliccare qui.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca