l'assegno – salvo che non venga urgentemente richiamato dal creditore e non è il Suo caso – deve essere pagato a vista

Buonasera ho una domanda da porvi, sono una cliente unicredit negoziante.

Il giorno 16 marzo 2010 mi è arrivato un assegno in banca datato 28 febbraio 2010 di euro 5000,00. Impossibilitata a pagarlo mi reco in banca per sapere a cosa andavo incontro non pagandolo premetto che sono gia diversi giorni che chiedo ,da parte loro solo vari accenni sulla certezza che non è protestabile da parte mia chiedo anche notizie sulla cai non sono informati cosi mi vedo costretta a rivolgermi in un'altra banca.

Qui mi viene spiegato che esiste una camera di compensazione a cui fa fede il giorno riportato dietro l'assegno e che da quella data si puo essere iscritti o no in cai.

Come posso fare x informarmi e soprattutto x portarlo dal mio direttore?

C’è poco da inventarsi purtroppo, l'assegno - salvo che non venga urgentemente richiamato dal creditore e non è il Suo caso - deve essere pagato a vista.

In caso di mancanza di fondi viene levato (può essere levato per essere precisi) il protesto, entro 48 ore dalla presentazione, e da quel momento decorrono 60 giorni di tempo per regolarizzare il pagamento dell'assegno direttamente presso il creditore (con il pagamento in più del 10% del valore facciale + interessi e spese) onde evitare l'iscrizione in CAI (che oggigiorno è forse peggio del protesto); il creditore dovrà rilasciare una dichiarazione con firma autenticata attestante il saldo del dovuto.

Per fare una domanda sul come difendersi dalle società di recupero crediti e dagli agenti esattoriali, sui debiti in generale e su tutti gli argomenti correlati clicca qui.

21 marzo 2010 · Tullio Solinas

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Condominio: assegno non pagato » A chi deve essere elevato il protesto?
In caso di mancato pagamento di un assegno del condominio, a chi va elevato il protesto: all'amministratore condominiale, al condominio in se per se o ai singoli inquilini? Chiariamo la questione. Come chiarito in nostri precedenti interventi, la riforma del condominio ha obbligato l'amministratore condominiale a far transitare tutte le ...
Il pagamento del debito con assegno non circolare spedito al creditore estingue l'obbligazione salvo buon fine
L'assegno bancario o postale inviato tempestivamente al creditore e avente ad oggetto un importo corrispondente alle somme capitali e ai relativi interessi come dovute all'epoca del pagamento, costituisce, secondo la più recente giurisprudenza di legittimità, idoneo modo di estinguere l'obbligazione, senza che occorra un preventivo accordo tra le parti. Peraltro, ...
Assegno circolare - deve essere incassato entro 30 giorni dalla data di emissione
L'assegno circolare è un titolo di credito emesso da una banca autorizzata per somme che siano presso di essa disponibili al momento dell'emissione. Esso é pagabile a vista e non può essere emesso senza il nome del beneficiario. L'assegno circolare deve essere presentato al pagamento entro 30 giorni dalla data ...
Protesto di un assegno – come il creditore può recuperare il credito e il debitore limitare il danno
A chiunque può capitare di emettere un assegno parzialmente o totalmente a vuoto, e c'è sempre il malcapitato che lo riceve in pagamento. In questi casi, il più delle volte, non si sa cosa fare. E' utile e conveniente per il creditore procedere al protesto dell'assegno? E quali sono le ...
Assegni scoperti, protesto, segnalazione in CAI, pagamento tardivo, riabilitazione - Tips and tricks
A proposito di assegni scoperti, protesto di un assegno privo di copertura, iscrizione in Centrale di Allarme Interbancaria (CAI), pagamento tardivo e riabilitazione dal protesto, non tutti sanno che: L'assegno bancario o postale deve essere presentato al pagamento in tempo utile, ovvero nel termine di otto giorni, decorrenti dalla data ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su l'assegno – salvo che non venga urgentemente richiamato dal creditore e non è il suo caso – deve essere pagato a vista. Clicca qui.

Stai leggendo l'assegno – salvo che non venga urgentemente richiamato dal creditore e non è il Suo caso – deve essere pagato a vista Autore Tullio Solinas Articolo pubblicato il giorno 21 marzo 2010 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca