Assegni ed altri strumenti di pagamento: nuove regole a decorrere dal 1 luglio 2008

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

Indice dei contenuti dell'articolo



A partire dal 1° luglio 2008 con la nuova disciplina in tema di antiriciclaggio  per milioni di cittadini sono entrate in gioco nuove regole nell’uso di assegni bancari, postali e circolari, libretti di risparmio e titoli al portatore, contanti.

Sono cambiate tante cose: l’importo massimo consentito per i trasferimenti in contanti, le modalità di compilazione degli assegni, i limiti di importo per i libretti di risparmio al portatore. L’obiettivo di questi cambiamenti è stato quello di rafforzare l’efficacia dell’azione di contrasto al riciclaggio dei proventi di attività criminose e al finanziamento del terrorismo. E più in generale, quello di garantire una maggiore trasparenza dei flussi di pagamento ostacolando attività illecite e prassi irregolari.

In questa prospettiva, le nuove regole contribuiscono ad aumentare la tutela dei cittadini garantendo loro una maggiore protezione rispetto a possibili fenomeni criminosi e rendendo più sicure le operazioni di pagamento.

Per tali motivi è fondamentale conoscere nel dettaglio cosa è cambiato e come adeguarsi alle nuove disposizioni (per chi ancora non lo avesse fatto) anche per non incorrere nelle sanzioni previste per chi non si attiene ad esse.

Le novità più rilevanti sugli assegni

A partire dal 1° luglio 2008 non è più possibile emettere un assegno bancario o postale per un importo pari o superiore a 12 mila e 500 euro senza la clausola “Non trasferibile” e senza aver indicato il nome o la ragione sociale del beneficiario.

Le stesse regole valgono anche per gli assegni circolari, i vaglia postali e cambiari.

19 Aprile 2008 · Simonetta Folliero

Indice dei contenuti dell'articolo


Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su assegni ed altri strumenti di pagamento: nuove regole a decorrere dal 1 luglio 2008. Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • redazione fiscaleweb 15 Luglio 2008 at 00:10

    ATTENZIONE

    A quasi un mese dall’introduzione della “Manovra d’Estate” (Decreto Legge 112/2008), 25/07/2008, che ha fatto cadere alcuni vincoli imposti dal precedente decreto legislativo 231/2007 sull’antiriciclaggio c’è bisogno di fare un po di chiarezza su cosa è stato eliminato e cosa no nella circolabilità di assegni e contanti.

    Ma vediamo nel particolare cosa ha portato di nuovo questo decreto legge 112/08 in tema di assegni e contanti:

    1. Contanti
    I pagamenti cash sono possibili solo per somme sotto € 12.500, prima il limite era € 5.000.
    I trasferimenti per importi pari o superiori a € 12.500 possono essere comunque fatti tramite banche o Poste

    2. Assegni trasferibili
    Sono ammessi per pagamenti sotto € 12.500 euro e rilasciati presentando una richiesta scritta e pagando un’imposta di € 1,5 euro per ogni Assegno.
    Non è più necessario inserire il codice fiscale nella girata.
    Attenzione però che chi ne beneficia è soggetto a “VERIFICA”.

    3. Assegni non trasferibili
    Sono ammessi per qualsiasi , l’unico vincolo è l’esattezza del beneficiario.

    4. Libretti al portatore
    Anche qui il limite è stato portato da € 5.000 ad € 12.500 euro. La soglia vale anche per i libretti già esistenti, c’è tempo fino al 30 giugno 2009 per sistemarli.

    Quindi in linea di massima è stato alzato il precedente limite di € 5.000 a € 12.500 per assegni e contanti.

  • Promotore mutui 13 Luglio 2008 at 09:59

    ATTENZIONE

    Dopo il 30 aprile 2008 erano entrate in vigore alcune norme antiriciclaggio (contenute nel d.leg. 231/07) che fissavano a 5000 euro il limite oltre il quale i pagamenti dovevano essere completamente tracciati. Con il d.leg. 112/08 (detto anche “manovra d’estate”) una parte di queste norme vengono riportate alla soglia precedente.

    Torna quindi da 5000 a 12.500 Euro il limite al di sotto del quale possono essere effettuati pagamenti in contanti o tramite titoli liberamente trasferibili, e il saldo massimo consentito dei libretti bancari o postali “al portatore”; e chi gira un assegno “libero” non ha più l’obbligo di inserire il proprio codice fiscale nella girata.

    Resta invece in vigore per le banche l’indicazione di emettere carnet di assegni contenenti già la calusola “non trasferibile”. Gli assegni “liberi”, emessi solo su richiesta scritta del correntista, comporteranno comunque tuttora l’applicazione dell’imposta di bollo da 1,50 per ogni modulo.

  • Nicoletta Cottone 30 Giugno 2008 at 17:07

    ATTENZIONE

    Di tutto un po’ nel D.L. 25 giugno 2008, n. 112 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, n. 147 del 25 giugno 2008

    Strumenti di pagamento (articolo 32). Elevato da 5mila a 12.500 euro il tetto per i trasferimenti di contante, di libretti di deposito bancari o postali o di titoli al portatore. Gli assegni bancari e circolari al di sopra dei 12.500 euro (e non più 5mila) dovranno indicare la clausola della non trasferibilità.

    Il saldo dei libretti bancari o postali al portatori non può essere superiore a 12.500 euro (prima 5mila euro).

    Eliminata la disposizione che prevedeva che i compensi in denaro per l’esercizio di arti e professioni fossero riscossi, oltre un tetto, esclusivamente tramite assegni o bonifici bancari.

  • karalis 30 Giugno 2008 at 15:44

    ATTENZIONE

    D.L. 25 giugno 2008, n. 112 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, n. 147 del 25 giugno 2008

    La norma impatta in modo significativo sui contenuti dell’art. 49 D.Lgs. 21 novembre 2007, n. 231 che, come noto, ha recepito la terza direttiva comunitaria in materia di antiriciclaggio.

    In particolare, il limite di 5.000 euro imposto dal citato D.Lgs — e in vigore solo dallo scorso 30 aprile – viene riportato a 12.500 euro. La nuova soglia riguarda:

    – il divieto di trasferimento di contanti o di libretti al portatore o di titoli al portatore effettuato a qualsiasi titolo tra soggetti diversi (art. 49, comma 1);

    – l’obbligo di indicare il nome e la ragione sociale del beneficiario, nonché di apporre la clausola di non trasferibilità sugli assegni bancari e postali (art. 49, comma 5);

    – la possibilità di rilasciare assegni circolari e vaglia cambiari senza la clausola di non trasferibilità (art. 49, comma 8);

    – il saldo dei libretti di deposito bancari o postali al portatore (art. 49, comma 12);

    – l’obbligo di estinguere i libretti con saldo superiore, ovvero di ridurre il loro saldo a una somma non eccedente l’importo di 12.500 entro il 30 giugno 2009 (art. 49, comma 13).

    É poi abrogato l’ultimo periodo del decimo comma dell’art. 49; di conseguenza, viene meno l’obbligo di apporre il codice fiscale del girante sulla girata, obbligo imposto in relazione agli assegni bancari o postali in forma libera e vigente anch’esso dallo scorso 30 aprile.

    La nuova norma precisa infine che per il Ministero dell’economia e delle finanze resta ferma la possibilità, prevista dall’art. 66, comma 7, del D.Lgs. n. 231 del 2007, di modificare con proprio decreto i limiti di importo posti dall’art. 49.

  • karalis 3 Maggio 2008 at 18:42

    Giuseppe 3 maggio 2008 at 18:16
    Posso chiedere se il comportamento seguente è lecito?:
    un cliente deve pagare ad un commerciante un conto di 250 euro, emette un assegno di euro 350… riceve un resto di euro 100!

    Giuseppe, se il commerciante si fida del tuo assegno non dovrebbero esserci problemi legali. ;-)

    L’unico effetto indesiderato è quello che il commerciante, teoricamente, si trova ad aver percepito un incasso di 350 euro per vendita di beni (a fronte di un importo effettivo di 250 euro).
    Ma se a lui sta bene … e poi 100 euro sono una cifra irrisoria.

  • karalis 29 Aprile 2008 at 18:35

    Chiaro e completo. Complimenti.

    I suoi graditi complimenti li trasmettiamo all’ABI, sig. Del Bello.
    Che ha redatto la mini guida su “Assegni ed altri strumenti di pagamento”.

    Noi, invece, la ringraziamo per la cortese attenzione.