Pubblicità ingannevole » Agcm multa 7 società di valutazione auto

Pubblicità ingannevole: l'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Antitrust o Agcm) ha sanzionato per pratiche commerciali aggressive e scorrette sette diverse società di valutazione auto.

Sanzioni per complessivi 735mila euro a 7 società che pubblicizzavano sul web un servizio apparentemente gratuito di valutazione delle auto, salvo chiedere successivamente il pagamento di una fattura di circa 60 euro, destinata a salire fino a oltre 250 euro in caso di ritardi nei versamenti da parte dei consumatori.

Lo ha deciso l'Antitrust al termine di un'istruttoria.

Il fenomeno ha coinvolto migliaia di cittadini che tra gennaio e luglio del 2013 si sono collegati a Internet per trovare una valutazione del valore della loro automobile, digitando le parole chiave ‘gratuitò o ‘gratis’ insieme a “valutazione” e “automobile”.

Dalle prove raccolte dall'Autorità, alla quale sono arrivate oltre 2000 segnalazioni, risulta che le sette società (Pronto Value LLC, Atlantic Car Value LLC e United Auto Corporation LLC, con sede nel Delaware, Meedium Marketing OÜ, con sede in Estonia, Pascutti Invest & Factoring Spa, Pascutti Invest & Factoring Inc, e Media Solution Service di Ballariano Antonino con sede in Patti-Me) hanno messo in atto un complesso meccanismo ingannevole per attrarre i consumatori sui siti web www.auto-prezzo.net e www.auto-valutazione.com, offrendo un servizio apparentemente gratuito che risultava invece essere a pagamento.

Ai consumatori venivano dati appena 20 minuti per esercitare, peraltro esclusivamente on-line, il diritto di recesso.

Trascorso questo brevissimo tempo, durante il quale era comunque molto difficile inviare la comunicazione del recesso, ai cittadini veniva inviata una mail di conferma con una fattura allegata (in una prima fase 59,60 euro, aumentati successivamente a 69,50) e l'avvertenza che, in caso di ritardi, sarebbero state applicate elevate penalità.

Infatti al primo sollecito il conto ‘lievitavà a 101 euro per salire fino a 259,50 euro con la lettera di messa in mora inviata dal Dipartimento Recupero Crediti di uno studio legale estone.

Secondo l'Antitrust le società hanno violato le norme del Codice del Consumo attraverso due distinte pratiche.

La prima consiste nell'avere messo in atto il meccanismo ingannevole per indurre i consumatori a fruire dei servizi di valutazione dell'autovettura, sulla base del falso presupposto della loro gratuità.

la seconda pratica, caratterizzata da aggressività, riguarda gli ostacoli al diritto di recesso e l'indebito condizionamento della libertà di scelta del consumatore, esercitato attraverso la pretesa ingiustificata di pagamento per un servizio non richiesto nonché mediante la minaccia, in caso di mancato pagamento, del ricorso ad azioni legali, con conseguenti maggiori oneri economici.

Di seguito le sanzioni alle singole società:

  • Pronto Value LLC: 50.000 euro per la prima pratica, 100.000 per la seconda;
  • Atlantic Car Value LLC: 50.000 euro per la prima pratica, 100.000 per la seconda;
  • United Auto Corporation LLC: 50.000 euro per la prima pratica, 100.000 per la seconda;
  • Pascutti Invest & Factoring Spa Inc e Pascutti Invest & Factoring Inc: in solido 100.000 euro per la prima pratica, 150.000 per la seconda
  • Meedium Marketing OÜ: 30.000 euro solo relativamente alla prima pratica;
  • Media Solution Service di Ballariano Antonino: 5.000 euro in relazione alla seconda pratica.

5 giugno 2014 · Gennaro Andele

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pubblicità ingannevole comparativa » Multata la società che produce Dixan
L'Autorità Garante della Concorrenza ed il Mercato (Agcm) ha inflitto una pesante multa alla Henkel, società produttrice del noto marchio Dixan, per pubblicità ingannevole comparativa. A parere dell'antitrust, infatti, Dixan non lava meglio di Dash. Prima di descrivere i dettagli della vicenda, è bene definire cosa significa pubblicità ingannevole e ...
La piastrina magnetica non protegge dalle radiazioni » Antitrust sanziona Auracell per pubblicità ingannevole
L'Antitrust (Agcm) ha sanzionato la società che produce il noto marchio Auracell per pubblicità ingannevole: in realtà il prodotto non protegge dalle radiazioni del telefonino. Come ci si può difendere dalle radiazioni elettromagnetiche emesse da cellulari e cordless? Come tutelarsi dal rischio di contrarre gravi malattie con l'uso prolungato dei ...
Pubblicità ingannevole » Agcm sanziona Gruppo Index
Servizi alle microimprese: l'Antitrust sanziona le società del gruppo index per pubblicità ingannevole e pratiche commerciali scorrette. Multe per complessivi 324 mila euro. Con una strategia coordinata, e ciascuno con un suo ruolo, pubblicizzavano la possibilità di aderire a una rete informatica grazie alla quale piccoli e piccolissimi esercenti avrebbero ...
E' pubblicità ingannevole se si induce il cliente ad entrare in negozio ma poi manca merce in offerta » Sentenza Corte di Giustizia Europea
Infatti, una pratica commerciale dev'essere qualificata come «ingannevole», ai sensi dell'articolo 6, paragrafo 1, della direttiva 2005/29/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, dell'11 maggio 2005, relativa alle pratiche commerciali sleali delle imprese nei confronti dei consumatori nel mercato interno e che modifica la direttiva 84/450/CEE del Consiglio e le ...
Pubblicità ingannevole » Lo spot fraudolento di Enel Energia
L'Antitrust (Agcm) con il bollettino del 23 Settembre 2013 ha dichiarato di aver inflitto alla società di Enel Energia una sanzione di centomila euro: il motivo è rappresentato dalla pubblicità dell'offerta Tutto compreso gas, ritenuta ingannevole. Le pratiche commerciali scorrette sono un brutto vizio da cui non si salva proprio ...

Spunti di discussione dal forum

Pretese assurde da parte di societa’ di recupero crediti
Sono disoccupato in mobilità e possiedo un auto di scarso valore e uno scooter usato: avevo contratto un debito verso una finanziaria per complessivi 16000 euro su due carte revolving e un prestito personale. Lo scorso dicembre la finanziaria cede il debito ad una società di recupero crediti. Il sottoscritto…
Contenzioso con fastweb per addebito dovuto a recesso anticipato
Nei primi giorni di dicembre 2013 ho sottoscritto, via telefono, un contratto adsl + fisso con fastweb, migrando da telecom: in data 24/12/13 parte la fornitura del servizio. L'operatore, all'atto della sottoscrizione, mi aveva detto che la promozione sarebbe durata un anno e che prima della scadenza avrei dovuto chiamare…
Fermo amministrativo veicolo per multa di 341 euro
Volevo capire se il fermo amministrativo, iscritto il giorno 25 maggio 2015 sulla mia autovettura è legittimo. Riguarda una multa di importo pari a 324 euro relativa al 2013. Nel prospetto riepilogativo di comunicazione del fermo si parla di un'ingiunzione del 15/10 2013 notificata il 03/11/2013 e successivamente di un'ingiunzione…
Il mio creditore ha ceduto tutto ad una società di recupero
Ho ricevuto tre lettere dalla finanziaria che mi aveva concesso due revolving da 7000 euro ed erogato un prestito personale che mi comunica di avere ceduto il mio debito ad una società di recupero crediti. Sono disoccupato ed in mobilita', non possiedo immobili, solo un'auto del 2007 valore 2000 euro.…
Contattato da recupero crediti per debito con telecom ma sono disoccupato – Mi conviene parlare con l’addetto alla mia pratica o li ignoro?
Oggi ho ricevuto una lettera (non una raccomandata a/r) da parte di un agenzia di recupero crediti per conto della tim che mi intima mi pagare 450 euro e di contattarli al più presto per bloccare la loro imminente azione giudiziale nei miei confronti dato le mia non risposta alla…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pubblicità ingannevole » agcm multa 7 società di valutazione auto. Clicca qui.

Stai leggendo Pubblicità ingannevole » Agcm multa 7 società di valutazione auto Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 5 giugno 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria tutela consumatori - pratiche commerciali scorrette, clausole vessatorie e pubblicità ingannevole, servizi non richiesti Inserito nella sezione tutela consumatori.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca