Tracciabilità e antiriciclaggio » Disposizioni su prelievi e versamenti

Tracciabilità del denaro: è possibile effettuare prelievi e versamenti sul conto corrente bancario, anche se di importi pari o superiori a tremila euro, secondo la normativa antiriciclaggio vigente? Facciamo chiarezza all'interno dell'articolo.

Una delle domande più frequenti che ci si pone e quella sulla possibilità del prelievo dal conto corrente di una somma superiore pari o superiore a tremila euro.

In questo senso, è bene chiarire che non vi è alcun divieto di legge a prelevare, dal proprio conto corrente, somme pari o superiori a tremila euro.

Dopo l'entrata in vigore delle nuove norme sulla tracciabilità (legge di stabilità 2016), che impongono l'obbligo di utilizzare assegni non trasferibili, carte di credito, bonifici bancari ecc., per tutti i trasferimenti di denaro pari o superiori a tremila euro, si è diffusa la convinzione che il medesimo tetto riguardi anche i prelievi dal conto in banca.

Ma non è così. Si tratta di un convincimento errato. Le disposizioni vietano esclusivamente il trasferimento di denaro in contanti tra soggetti diversi per importi a partire da tremila euro.

I trasferimenti, dunque, devono essere necessariamente fatti con sistemi tracciabili come la carta di credito, gli assegni non trasferibili, ecc.

Questo vale a prescindere dalla causa del trasferimento.

Al contrario, per quanto riguarda le operazioni allo sportello della banca o delle Poste, come i prelievi o i versamenti, esse non sono soggette a questa normativa.

Pertanto, il correntista può prelevare somme anche di svariate migliaia di euro, senza incorrere in responsabilità, salva comunque la disciplina in materia di antiriciclaggio.

Per quanto riguarda il versamento, la musica non cambia.

Anche in questo caso, infatti, il versamento di somme in contanti presso la propria banca non è soggetto ad alcun limite di importo.

Ciò vale anche nell'ipotesi in cui il beneficiario dell'operazione sia una società.

Al massimo, in questi casi, la banca è tenuta a segnalare all'Unione Informazione Finanziaria (UIF) eventuali operazioni che possano sembrare sospette.

La segnalazione non è obbligatoria per legge, ma è rimessa alla valutazione dell'istituto di credito.

Se comunque si vuole evitare che questo tipo di avviso venga diramato, è opportuno giustificare le operazioni di versamento e prelievo di contanti, indicando le relative causali, anche per una propria futura memoria.

Veniamo ora al frazionamento del pagamento, espediente che può essere necessario in ben precise circostanze.

Quando si è debitori di un importo pari superiore a tremila euro, infatti, è possibile aggirare l'obbligo della tracciabilità del pagamento effettuando tanti versamenti in contanti di acconti rateali singolarmente inferiori a tremila euro euro, ma complessivamente pari o superiori a tale importo.

La possibilità di frazionamento, però, è subordinata ad alcune condizioni:

  1. il frazionamento deve essere previsto dalla natura stessa dell'operazione;
  2. il frazionamento deve derivare da un preventivo accordo tra le parti;
  3. per ogni singolo pagamento, deve essere conservata la disposizione scritta dei contraenti circa la corresponsione e l'accettazione del versamento.

Solo in questi casi, non si commette alcuna violazione alla normativa sulla tracciabilità in quanto è ammesso che, nella prassi commerciale, il pagamento di determinati importi venga rateizzato.

In parole povere, qualora si vogliano evitare guai con il fisco, è necessaria l'esistenza di un atto o un documento scritto dal quale si desuma che acquirente e venditore si siano accordati sin dall'inizio in relazione alla possibilità di effettuare un pagamento dilazionato in più rate.

19 maggio 2014 · Andrea Ricciardi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Antiriciclaggio e tracciabilità del denaro » Come pagare in contanti
Riguardo le norme antiriciclaggio, è bene notare che è possible effettuare pagamenti in più rate attraverso denaro contante, senza violare le leggi, ed è anche lecito pagare una rata per contanti e la residua parte attraverso sistemi che garantiscano la tracciabilità. L'aggiramento del limite di euro 3000 euro al trasferimento ...
Tracciabilità del denaro » Regole generali sanzioni e casi particolari: il prontuario
Tracciabilità del denaro: cosa si rischia pagando in contanti importi pari o superiori ai tremila euro, eludendo la normativa vigente? Ecco una guida esaustiva: dalle locazioni alle operazioni in banca, dal versamento delle tasse agli acquisti al supermercato, dal bollo auto ai pagamenti dilazionati in più rate. Tracciabilità dei pagamenti: ...
Pagamenti frazionati e normativa antiriciclaggio
La normativa antiriciclaggio, secondo cui non possono essere effettuati pagamenti in contanti oltre determinate soglie, non può essere elusa tramite il frazionamento del pagamento. I limiti previsti dall'articolo 1, primo comma, del d.l. numero 143 del 1991, infatti, devono essere interpretati nel senso che deve farsi riferimento al “valore dell'intera ...
Sanzioni per violazione delle norme antiriciclaggio
Le violazioni delle norme antiriciclaggio relative all'utilizzo del denaro contante, nonché quelle in materia di assegni liberi e libretti al portatore, devono essere comunicate dagli intermediari finanziari e dai professionisti che ne vengono a conoscenza, entro 30 giorni: al Ministero dell'Economia e delle Finanze (ovvero, più precisamente, alle competenti Ragionerie territoriali ...
Prezzo valore – disciplina antiriciclaggio
Il prezzo valore interferisce anche con la normativa antiriciclaggio, la quale prevede sanzioni per pagamenti in contanti superiori a mille euro. La segnalazione di operazioni sospette da parte dei notai La stessa normativa prevede, oltre agli obblighi di identificazione e registrazione, la segnalazione di operazioni sospette anche da parte dei ...

Spunti di discussione dal forum

Due domande sulla segnalazione al mef dei prelievi in contanti dal conto corrente
La prima domanda è se è legittima una segnalazione al Mef da parte del direttore di Banca, per la chiusura di un conto corrente con il ritiro in contanti di una somma di circa 60 mila euro. Capisco se li portassi li per depositarli, ma dal momento che i soldi…
Versamento in contanti – La segnalazione della banca all’Agenzia delle Entrate viene effettuata solo per importi superiori ai quindicimila euro?
In riferimento a questa domanda, chiedo: la segnalazione all'agenzia delle entrate avviene solo se verso più di 15 mila euro sul mio conto in contanti?
Versamento in conto corrente di una somma rilevante in contanti – Quali problematiche fiscali, e non, potrebbero essere chiamato ad affrontare?
Una somma risparmiata negli anni, circa 30 mila euro, in contanti, che ora si volesse versare in banca per poterne fare un utilizzo d'investimento, come si può versare? Ho letto che i versamenti cash sono a rischio d accertamenti fiscali. Naturalmente non posso provare la provenienza, sono semplicemente risparmi di…
Versamento in contanti di grossa somma – Come procedere e quali rischi si corrono?
In riferimento a questa discussione e pure a quest'altra che l'aveva preceduta, volevo aggiungere che dalla vendita del fabbricato rimarranno circa 70 mila euro: vorrei toglierli in blocco dal conto corrente per evitare possibili futuri pignoramenti, e darli ad una persona fidata, in contanti, dal momento che ogni transazione tracciabile,…
Libretto postale non collegato ad un conto corrente – E’ pignorabile?
Vorrei approfondire la questione del pignoramento del conto corrente: oltre al conto corrente possiedo un libretto di risparmio postale dematerializzato, nel senso che ho una carta tipo bancomat per poter prelevare ma il libretto è sprovvisto di conto corrente (i versamenti devono essere fatti allo sportello in contanti). Vi chiedo…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su tracciabilità e antiriciclaggio » disposizioni su prelievi e versamenti. Clicca qui.

Stai leggendo Tracciabilità e antiriciclaggio » Disposizioni su prelievi e versamenti Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 19 maggio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria normativa antiriciclaggio - termini di presentazione data valuta data disponibilità Inserito nella sezione assegni cambiali e conti correnti.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca

Domande?