Anche i ricchi piangono ....

L'11 febbraio 2008 sarà il 25mo anniversario dell'uscita di Thriller, l'album di Michael Jackson che è tuttora in testa alla classifica dei dischi più venduti della storia, con oltre 104 milioni di copie diffuse in tutto il mondo. Ma l'ex re del pop ha poco da festeggiare. Incalzato dai debiti, lontanto dagli Usa dopo il processo per pedofilia, Jackson vive nel Bahrein e rimette sporadicamente piede nel suo Paese d'origine. Proprio durante una sua recente sortita, il cantante è stato fotografato a Las Vegas, in condizioni davvero pietose.

Bende e cerotti - Intabarrato in un soprabito verde, cappello sulla testa e libro sotto il braccio, Michael Jackson si nasconde al pubblico con l'ennesimo paio di vistosi occhiali da sole. Ma non sfugge ai paparazzi che immortalano il suo viso, provato da ripetuti interventi di chirurgia estetica radicale. Una faccia che cade a pezzi, tenuta su da bende e cerotti, forse anche per evitare infezioni alla pelle snaturata delle sue difese naturali.

Tour mondiale - Viste le immagini, c'è da chiedersi come il cantante potrà unirsi ai suoi fratelli nella riunione dei Jackson Five in programma il prossimo anno. La sua presenza è stata già confermata, la tournée è più che mai necessaria per Michael, gravato da debiti al punto da meditare di vendere i diritti sull'archivio di 251 canzoni dei Beatles in suo possesso. La cessione gli frutterebbe 325 milioni di dollari per ripianare una parte dei debiti, il resto lo farebbe il tour, sempre che "Jacko" riesca davvero a parteciparvi.

19 dicembre 2007 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Link a ritroso

Stai leggendo Anche i ricchi piangono .... Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 19 dicembre 2007 Ultima modifica effettuata il giorno 22 gennaio 2017 Classificato nella categoria attualità gossip politica del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca