Indice del post tarsu » illegittime le aliquote determinate dal consiglio comunale

Occorre fare una premessa: l'attuale normativa prevede che la deliberazione degli atti regolamentari spetta esclusivamente e inderogabilmente al Consiglio comunale, ad eccezione di ciò che attiene all'ordinamento degli uffici e dei servizi. Questo è quanto stabilisce l'articolo 42, comma 2, lettera a), in combinato con il disposto dell'articolo 48, comma 3, del Decreto Legislativo numero 267/00 - Testo Unico Enti Locali (d'ora in avanti TUEL). La potestà regolamentare del Consiglio comunale comprende anche l'istituzione e l'ordinamento dei tributi, ai sensi dell'articolo 42, comma 2, lettera f). Va però evidenziato che la stessa norma esclude espressamente dalla potestà regolamentare del [ ... leggi tutto » ]

Successivamente, però, a seguito dell'entrata in vigore del TUEL (il 13 ottobre 2000), è stata introdotta una limitazione al potere del consiglio comunale, proprio con riferimento alla determinazione delle aliquote. Oggi, quindi, alla luce del vigente articolo 42, comma 2, lettera f) del TUEL, il Consiglio comunale, pur avendo il potere di emanare regolamenti generali in materia di tributi locali (nella specie, TARSU), non ha però il potere di stabilirne le aliquote. In proposito occorre fare alcune precisazioni riguardo la sentenza della Cassazione del 15 giugno 2010, numero 14376, spesso richiamata dalle Amministrazioni per fondare la competenza consiliare anche [ ... leggi tutto » ]

La Cassazione, peraltro, precisa espressamente questo aspetto, affermando che trattandosi dell'anno 2000, deve farsi applicazione della normativa allora vigente, ossia, appunto, la Legge numero 142/90. E' quindi utile riportate testualmene quanto affermato nella citata sentenza della Cassazione: "Questa Corte ha infatti ripetutamente affermato che 'in tema di tassa per la raccolta ed il trasporto dei rifiuti solidi urbani, nel vigore della legge 8 giugno 1990, numero 142, di riforma del sistema delle autonomie locali, il cui articolo 32, lettera g), demandava alla competenza dei consigli comunali "l'istituzione e l'ordinamento dei tributi", competente in via esclusiva ad adottare i provvedimenti [ ... leggi tutto » ]

Escluso quindi il potere del Consiglio comunale circa la determinazione delle aliquote TARSU, deve riconosceri che tale potere spetta alla Giunta comunale, alla quale competono tutti gli atti rientranti, ai sensi dell'articolo 107, commi 1 e 2, del TUEL, nelle funzioni degli organi di governo, che non siano riservati dalla legge al Consiglio e che non ricadano nelle competenze, previste dalle leggi o dallo statuto, del Sindaco o del Presidente della provincia o degli organi di decentramento (articolo 48, comma 2, del TUEL). Alla luce dei principi sopra esposti, qualora il contribuente riceva un avviso di accertamento ove si [ ... leggi tutto » ]

11 gennaio 2014 · Giorgio Valli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

La notifica della cartella esattoriale per TARSU deve avvenire nel termine di prescrizione di cinque anni
In tema di riscossione della tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani (TARSU), la notifica della cartella esattoriale non è sottoposta ad alcun termine di decadenza, posto che quello fissato dall'art. 72, comma primo, del d.lgs. 15 novembre 1993, n. 507, si riferisce esclusivamente alla formazione e alla notifica ...
Modifica d'ufficio della superficie dell'immobile per conguaglio TARSU - illegittima la notifica per affissione pubblica
L'articolo 70, comma 3, del decreto legislativo 15 novembre 1993, numero 507, prevede che a decorrere dal 1 gennaio 2005, per le unità immobiliari di proprietà privata a destinazione ordinaria censite nel catasto edilizio urbano, la superficie di riferimento non può in ogni caso essere inferiore all'80% della superficie catastale. ...
Tributi locali - Decadenza dell'avviso di accertamento
L'articolo 1, comma 161, della legge 296/2006 (legge finanziaria 2007) dispone che gli enti locali, relativamente ai tributi di propria competenza, procedono alla rettifica delle dichiarazioni incomplete o infedeli o dei parziali o ritardati versamenti, nonchè all'accertamento d'ufficio delle omesse dichiarazioni o degli omessi versamenti, notificando al contribuente, anche a ...
TARSU E RIFIUTO DEL SERVIZIO DA PARTE DEL CONTRIBUENTE
La Corte di Cassazione ribadendo la natura tributaria della TARSU ha affermato che è irrilevante la dichiarazione con cui il contribuente rinuncia ad avvalersi del pubblico servizio di raccolta e smaltimento rifiuti. Infatti “i comuni esercitano in regime di privativa la raccolta e la gestione dei rifiuti solidi urbani e ...
Non assoggettabilità TARSU e inidoneità a produrre rifiuti? La prova spetta al contribuente
La Corte di Cassazione ha respinto il ricorso di un contribuente che sosteneva la non soggettività TARSU di propri locali adibiti a uso autorimessa perché inidonei a produrre rifiuti. I giudici hanno argomentato che “il presupposto della tassa di smaltimento dei rifiuti ordinari solidi urbani, secondo il decreto legislativo 15 ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su indice del post tarsu » illegittime le aliquote determinate dal consiglio comunale. Clicca qui.

Stai leggendo Indice del post Tarsu » illegittime le aliquote determinate dal Consiglio Comunale Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 11 gennaio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 2 agosto 2017 Classificato nella categoria iuc tarsu tia imu tasi service tax e altri tributi locali Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca