Alcoltest senza invito ad assistenza legale » Palla alle Sezioni Unite

Sospetta guida in stato di ebbrezza: nullità del test dell’etilometro senza la presenza del proprio legale? Sulla questione la decisione finale è rimandata alle Sezioni Unite della Corte di Cassazione.

Ne avevamo parlato in un precedente articolo: se in caso di alcoltest per una persona in sospetta guida in stato di ebbrezza la polizia dimentica di avvertire l’automobilista della facoltà di farsi assistere, nell’immediatezza, da un legale di fiducia, la prova dell’etilometro è nulla.

La Corte di Cassazione, infatti, si era espressa in questo senso con la sentenza 29262/14.

Oggi, però, finisce davanti alle Sezioni unite la questione del diritto di difesa di chi viene sottoposto all’alcoltest.

Ciò perché, l’ordinanza 43847/14 della Suprema Corte solleva dubbi sul momento entro il quale l’automobilista può far valere la nullità dell’esame effettuato senza prima avvertirlo della possibilità di farsi assistere da un difensore.

Dunque, ad essere messo in discussione è solo l’accertamento condotto da agenti che hanno omesso di dare all’interessato questa informazione, che è resa obbligatoria dall’articolo 114 delle disposizioni attuative del Codice di procedura penale e di fatto è l’unica garanzia effettiva alla quale il conducente ha diritto.

In mancanza dell’avviso, infatti, come accennato, scatta la nullità della sanzione: ma, la stessa, può essere sanata se l’interessato non la deduce immediatamente.

Il nodo della questione è capire esattamente fino a quando questa nullità può essere fatta valere.

Finora, secondo giurisprudenza di legittimità, si sono contrapposti due diversi orientamenti.

La prima linea di pensiero afferma che l’eccezione di nullità può essere sollevata solo immediatamente dopo l’atto nullo, e cioè senza attendere che si arrivi al successivo atto del procedimento.

Una sentenza precisa che l’espressione immediatamente dopo fa riferimento al momento della nomina del difensore, per cui ci sarebbe tempo fino a cinque giorni dopo di essa.

L’ipotesi più garantista, invece, sostiene che si possa invece arrivare fino all’atto successivo all’alcoltest, che, di solito, è il decreto penale di condanna: in tale fattispecie proprio l’opposizione al decreto potrebbe sollevare la questione della nullità del test.

Ebbene, proprio su questo forte contrasto, gli Ermellini lasciano intendere che la prima interpretazione è la più aderente al Codice, chiarendo, però, che la seconda è più idonea a garantire un effettivo diritto di difesa come previsto dalla Costituzione.

Di qui la decisione di far intervenire le Sezioni unite per dirimere il conflitto tra Codice e Costituzione.

22 Ottobre 2014 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Guida in stato di ebbrezza » Per rendere valido alcoltest è sufficiente l'invito a farsi assistere da un legale: non va aspettato l'avvocato per eseguire l'accertamento
In tema di guida in stato di ebbrezza, per rendere valido l'alcoltest, è sufficiente l'invito, da parte della polizia giudiziaria, a farsi assistere da un legale: per eseguire l'accertamento, infatti, gli agenti non devono attendere l'arrivo, sul posto, dell'avvocato del trasgressore. La polizia giudiziaria ha l'obbligo di avvisare l'automobilista di poter essere assistito da un legale nel caso di alcoltest, ma trattandosi di un accertamento non differibile può procedere anche quando l'interessato ha chiamato un avvocato che si trova a pochi chilometri di distanza. E' quanto emerge dalla sentenza 50053/2014 della Corte di Cassazione. Da ciò che si evince dalla ...

Guida in stato di ebbrezza – sequestro e confisca del veicolo
In caso di guida in stato di ebbrezza, a seguito della Legge numero 120/2010, il sequestro e la confisca del veicolo possono essere disposti dal Prefetto, e non più dal Giudice penale. La Corte di Cassazione, con la sentenza del  16 novembre 2010, numero 40523,  ha ritenuto che, per effetto delle modifiche apportate all'articolo 186 del Codice della strada dalla Legge numero 120/2010, la confisca del veicolo, che consegue alla guida in stato di ebbrezza, ha assunto natura di sanzione amministrativa accessoria (in precedenza, le Sezioni Unite, con sentenza numero 23428 del 2010, avevano ritenuto che si trattasse di una ...

Guida in stato di ebbrezza » L'alcol test non è valido se la polizia omette di avvisare che si può effettuare in presenza di un legale di fiducia
Guida in stato d'ebbrezza: in caso di alcol test, la Polizia deve informare l'automobilista che ha il diritto preciso di effettuare l'alcol test solo in presenza di un proprio avvocato. Se la polizia sottopone all'alcol test l'automobilista, senza avvisarlo che durante la prova può essere assistito da un avvocato, l'omesso avviso va dedotto con memoria subito dopo la prova. Dunque, la mancata comunicazione determina una nullità a regime intermedio da ritenersi sanata se non eccepita nell'immediatezza. Ciò è quanto stabilito dalla Corte di Cassazione con sentenza 29262/14. La Suprema Corte mette i puntini sulle i, ribadendo un concetto fondamentale: se ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su alcoltest senza invito ad assistenza legale » palla alle sezioni unite. Clicca qui.

Stai leggendo Alcoltest senza invito ad assistenza legale » Palla alle Sezioni Unite Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 22 Ottobre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 7 Aprile 2018 Classificato nella categoria multe e sinistri - giurisprudenza di legittimità e di merito - circolari del ministero dei trasporti Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)