Gli escamotage adottati per rientrare nelle agevolazioni prima casa

Proprio per godere di tali vantaggi, molti cittadini, spesso mal consigliati, sono indotti a crearne artificialmente le condizioni.

Uno degli escamotage spesso utilizzati dai soggetti coniugati è quello della modificazione del regime patrimoniale familiare, mediante l'adozione del regime di “separazione dei beni” e la separazione del luogo di residenza di ciascuno di essi.

In tal modo, entrambi i coniugi vantano dal punto di vista formale il diritto di di poter godere delle connesse agevolazioni prima casa, anche se, di fatto, vivono entrambi nel medesimo immobile: ciò molto spesso accade con riferimento alle “case al mare” dove l'abitazione vera e propria della famiglia è intestata a un coniuge mentre il secondo immobile è intestato all'altro.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

  • robyangela 9 aprile 2012 at 09:07

    buongiorno.
    io vorrei un chiarimento.
    io adeso vivo con mia moglie e mia madre in un appartamento che era dimio padre, morto e lasciato in eredità, siamo in 3 fratelli e mia madre tutti proprietari( divisione in noni io possiedo 2 noni)
    a dicembre ho comperato un appartamento con mutuo prima casa.
    tuttora risiredo ancora con mia madre perche devo rirstrutturare un po il mio nuovo acquisto.

    ai fini di imu come mi devo comportare e come li devo dichiarare?

    • Carla Benvenuto 9 aprile 2012 at 10:22

      E’ ancora un pò presto per saperlo. Siamo in attesa di conoscere le disposizioni per casi particolari come il suo, per i separati proprietari la cui casa è stata assegnata all’altro coniuge e per i proprietari costretti a risiedere in case di riposo. Comunque c’è ancora tempo fino al 18 giugno.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca