Alienazione infraquinquennale dell'immobile acquistato con agevolazioni fiscali prima casa e mancato riacquisto entro un anno - Un esempio di causa di forza maggiore

Come è noto, la decadenza dall'agevolazione prima casa, per non avere stabilito la residenza nel comune ove è ubicato l'immobile entro il termine di 18 mesi dall'acquisto, resta impedita dal sopravvenire di una causa di forza maggiore, da intendersi quale impedimento oggettivo caratterizzato dalla non imputabilità (anche a titolo di colpa), inevitabilità ed imprevedibilità dell'evento. Così come dal sopravvenire di una causa di forza maggiore può essere impedita la decadenza dell'agevolazione prima casa qualora il contribuente alieni l'immobile acquistato con il bonus fiscale e non proceda, entro un anno, al riacquisto di una nuova casa da adibire ad abitazione principale per se stesso o per i propri familiari.

I giudici della Corte di cassazione, con la sentenza 6076/2017, hanno respinto il ricorso dell'Agenzia delle entrate (condannandola al pagamento delle spese di giudizio) che chiedeva la revoca dell'agevolazione prima casa, per avere il contribuente alienato in data 29/06/2010 l'immobile acquistato con detta agevolazione in data 13/06/2006, senza però procedere ad un nuovo acquisto entro un anno dall'alienazione.

Gli ermellini hanno preso atto, invece, della circostanza che il contribuente si era reso aggiudicatario all'asta di un nuovo immobile in data 18/01/2011 ed aveva provveduto a versare il relativo prezzo in data 15/02/2011: quindi ampiamente entro l'anno prescritto dalla legge, ottenendo, tuttavia, il decreto giudiziale di trasferimento ex articolo 586 del codice di procedura civile, solo in data 6/07/2011, con un ritardo di sette giorni rispetto alla scadenza dell'anno, ritardo però a lui certamente non imputabile, né prevedibile.

In pratica, il giudice di legittimità adito non ha condiviso le motivazioni dall'Agenzia delle entrate per la richiesta di decadenza del beneficio prima casa concesso al contribuente in occasione dell'acquisto di un appartamento, successivamente venduto senza reinvestire il ricavato della vendita nella compera di altra abitazione entro l'anno, così come tassativamente previsto nelle disposizioni di legge vigenti.

Infatti, i giudici di legittimità hanno ritenuto che, in realtà, il riacquisto fosse stato tempestivo ed effettuato entro i termini di legge (almeno con riguardo agli adempimenti che potevano essere pretesi dal contribuente) mentre il (lieve) ritardo (certamente non imputabile al contribuente) era riconducibile esclusivamente alle lungaggini burocratiche necessarie per la emissione del decreto di trasferimento ex articolo 586 del codice di procedura civile, documento indispensabile per conseguire l'effetto traslativo della vendita forzata, ma ottenuto a distanza di circa cinque mesi dall'avvenuto pagamento del prezzo.

22 aprile 2017 · Giorgio Valli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Agevolazioni prima casa - Il beneficio resta se il mancato trasferimento di residenza nel comune dove è ubicato l'immobile acquistato è imputabile a causa di forza maggiore
Va innanzitutto ricordato che, in tema di agevolazioni fiscali prima casa, la legge fa riferimento non al trasferimento della residenza nell'immobile acquistato con il beneficio fiscale, ma al trasferimento della residenza nel comune ove tale immobile è ubicato, cosicché, pur quando l'immobile acquistato con il beneficio fiscale non possa venire ...
Agevolazioni prima casa - Il mancato trasferimento della residenza entro 18 mesi in seguito a separazione consensuale non è causa di forza maggiore
I benefici fiscali per l'acquisto della prima casa spettano alla sola condizione che, entro il termine di decadenza di diciotto mesi dall'atto, il contribuente stabilisca, entro il Comune dov'è situato l'immobile, la propria residenza. Se il contribuente non vi trasferisce la residenza nel termine appena indicato, non può essere riconosciuta ...
Agevolazioni prima casa » Si se residenza è trasferita oltre limite causa forza maggiore
Si alle agevolazioni fiscali prima casa se la residenza non viene trasferita entro diciotto mesi per causa di forza maggiore » Sentenza Cassazione Il contribuente ha diritto a usufruire delle agevolazioni fiscali per la prima casa qualora il trasferimento della residenza entro i diciotto mesi previsti dalle norme non sia ...
Agevolazioni prima casa - Le condizioni di salute dell'acquirente possono non costituire causa di forza maggiore per il mancato trasferimento della residenza
La fruizione dell'agevolazione fiscale connessa all'acquisto della prima casa postula che l'acquirente abbia la residenza (o presti attività lavorativa) nel comune in cui è ubicato l'immobile ovvero che si impegni, all'atto d'acquisto, a stabilirla in detto comune entro il termine di diciotto mesi. La realizzazione dell'impegno di trasferire la residenza ...
Agevolazione fiscale prima casa - permane in caso di vendita infraquinquennale e riacquisto a titolo gratuito
Com'è noto, in caso di trasferimento a titolo oneroso o gratuito degli immobili acquistati con le agevolazioni fiscali prima casa, quando non sia ancora decorso il termine di cinque anni dalla data del loro acquisto, il contribuente è tenuto a versare le imposte di registro, ipotecaria e catastale nella misura ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su alienazione infraquinquennale dell'immobile acquistato con agevolazioni fiscali prima casa e mancato riacquisto entro un anno - un esempio di causa di forza maggiore. Clicca qui.

Stai leggendo Alienazione infraquinquennale dell'immobile acquistato con agevolazioni fiscali prima casa e mancato riacquisto entro un anno - Un esempio di causa di forza maggiore Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 22 aprile 2017 Ultima modifica effettuata il giorno 2 agosto 2017 Classificato nella categoria agevolazioni fiscali prima casa o per acquisto immobili destinati a locazione Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca