Agevolazioni fiscali per ristrutturazioni e bonus mobili - Post it


Ricordiamoci che:

Di seguito la guida dell’Agenzia delle Entrate aggiornata a settembre 2017.

4 Febbraio 2015 · Giorgio Martini



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su agevolazioni fiscali per ristrutturazioni e bonus mobili - post it. Clicca qui.

Stai leggendo Agevolazioni fiscali per ristrutturazioni e bonus mobili - Post it Autore Giorgio Martini Articolo pubblicato il giorno 4 Febbraio 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 1 Ottobre 2017 Classificato nella categoria agevolazioni fiscali per ristrutturazioni edilizie e per il risparmio energetico Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Anonimo 5 Febbraio 2019 at 17:57

    Nel 2017 ho sostenuto una serie di spese relative a ristrutturazioni e acquisto mobili per una casa di proprieta’ del mio compagno. Attualmente stiamo usufruendo delle detrazioni relative al 50% per ristrutturazioni edilizie e riqualificazione energetica, e del bonus mobili al 50% per gli immobili oggetto di ristrutturazione agevolata come conviventi, nel senso che porto io in detrazione le spese avendole sostenute personalmente.
    Vorrei sapre se potro’ continuare a portare in detrazioni tali spese anche nel momento in cui dovesse venire meno il vincolo della convivenza, cioe’ nei casi in cui dovessi cambiare residenza o uno dei due conviventi dovesse unirsi civilmente con altra persona.

    grazie

    • Ornella De Bellis 5 Febbraio 2019 at 18:22

      Può fruire della detrazione chi possiede o detiene l’immobile sul quale sono stati effettuati gli interventi di recupero edilizio sulla base di un titolo idoneo (ad esempio proprietà, altro diritto reale, concessione demaniale, locazione o comodato).

      Ha diritto alla detrazione anche il familiare convivente del possessore o detentore dell’immobile oggetto dell’intervento, purché abbia sostenuto le spese e le fatture e i bonifici siano a lui intestati.

      Pertanto, sciolta la convivenza di fatto, lei, perdendo lo status di familiare convivente del possessore o detentore dell’immobile, non potrà più fruire delle detrazioni fiscali relative alla ristrutturazione effettuata.