Agevolazioni prima casa » usucapione: benefici con atto integrativo

Agevolazioni fiscali prima casa: per le acquisizioni immobiliari tramite usucapione il beneficio è possibile con l’integrazione dell’atto giudiziario.

Le dichiarazioni necessarie per fruire delle agevolazioni prima casa, nell’ipotesi di acquisto di un immobile per usucapione, in caso di mancata indicazione nella sentenza e negli atti del procedimento, possono essere fornite con una dichiarazione integrativa dell’atto giudiziario.

Lo ha chiarito l’Agenzia delle entrate nella risoluzione 90/2014.

Come sappiamo, l’ottenimento dell’agevolazione per la prima casa è subordinato al fatto che il contribuente rilasci, nell’atto di acquisto, una serie di dichiarazioni, come ad esempio la volontà di effettuare il trasferimento di residenza entro 18 mesi nel comune ove è ubicato l’immobile oggetto di acquisto, la prova di non possedere altra abitazione nello stesso comune e la certezza di non essere proprietario di altri immobili sull’intero territorio nazionale acquistati con l’agevolazione prima casa.

Per quanto riguarda, poi, gli acquisti mediante atto giudiziario, ovvero acquisizioni in tribunale, come nel caso dell’usucapione, si pone la questione del momento in cui è possibile effettuare tali dichiarazioni.

Così, l’agenzia delle Entrate, con la suddetta risoluzione, emanata in risposta ad un’istanza di interpello, ha disposto che, nel caso di acquisto di un immobile per usucapione, l’agevolazione prima casa può essere conseguita anche se le dichiarazioni che la legge richiede al contribuente, come presupposto applicativo del beneficio fiscale, siano rese al di fuori degli atti del procedimento giudiziario.

Ciò, purché le stesse siano contenute in una dichiarazione autenticata nelle firme, da autorità anche diversa da quella che aveva redatto il provvedimento giudiziario, da allegare al provvedimento stesso nelle more della sua registrazione.

Nel documento emanato dall’Agenzia, inoltre, viene ampiamente chiarito che non è necessario effettuare le dichiarazioni in questione nel corso del giudizio, ma che è possibile rilasciarle anche a posteriori, purché prima della registrazione dell’atto giudiziario.

20 Ottobre 2014 · Gennaro Andele

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Agevolazioni prima casa - Possibile fruire dell'imposta di registro ridotta al 2 per cento anche per l'acquisto di una seconda casa a condizione che entro un anno si alieni la prima
Com'è noto, ai fini dell'applicazione dell'aliquota del 2 per cento dell'imposta di registro agli atti traslativi a titolo oneroso della proprietà di case di abitazione non di lusso e agli atti traslativi o consuntivi della nuda proprietà , dell'usufrutto, dell'uso e dell'ambientazione relativi alle stesse, devono ricorrere le seguenti condizioni: che l'immobile sia ubicato nel territorio del comune in cui l'acquirente ha o stabilisca entro diciotto mesi dall'acquisto la propria residenza o, se diverso, in quello in cui l'acquirente svolge la propria attività ovvero, se trasferito all'estero per ragioni di lavoro, in quello in cui ha sede o esercita l'attività il ...

Agevolazioni fiscali prima casa - Nessuna decadenza dal beneficio se il ritardo nel trasferimento della residenza è imputabile all'esecuzione dei lavori di manutenzione straordinaria dell'immobile acquistato
In materia di agevolazioni per l'acquisto della prima casa, il trasferimento della residenza nel comune di ubicazione dell'immobile costituisce un vero e proprio obbligo per il contribuente a fronte dell'ottenimento del beneficio fiscale. Quindi, anche nella materia in esame deve attribuirsi generale rilevanza alle cause esimenti della responsabilità per inadempimento, quali possono essere la forza maggiore oppure l'evento fortuito. Ammessa la rilevanza di un evento di forza maggiore obiettivamente impeditivo del programma di trasferimento della residenza nel termine prefissato, tale evento può essere ragionevolmente individuato anche nell'impossibilità di utilizzare proprio l'immobile acquistato, con lo scopo di andarvi ad abitare, nel ...

Se il donante acquista un nuovo immobile con le agevolazioni fiscali prima casa e poi risolve per mutuo consenso la precedente donazione di un immobile acquisito con le medesime agevolazioni, non decade dal beneficio
Con la risoluzione della donazione mediante mutuo consenso (o mutuo dissenso, se si vuole mettere in risalto il venir meno del consenso) fra donante e donatario, si consegue il ritorno del bene nella proprietà del donante: in pratica, il bene a suo tempo donato, rientra nel patrimonio dell'originario proprietario. La Corte di cassazione, con la sentenza 3935/2014 ha decretato che lo scioglimento per mutuo consenso di una donazione realizza un nuovo trasferimento di proprietà. Tanto è vero che sono comunque dovute imposte di registro, ipotecaria e catastale, percepibili sul trasferimento connesso all'atto a qualsiasi titolo ciò avvenga (vendita, donazione, successione, ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su agevolazioni prima casa » usucapione: benefici con atto integrativo. Clicca qui.

Stai leggendo Agevolazioni prima casa » usucapione: benefici con atto integrativo Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 20 Ottobre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 2 Agosto 2017 Classificato nella categoria agevolazioni fiscali prima casa o per acquisto immobili destinati a locazione Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)