Agevolazioni fiscali prima casa con vendita entro cinque anni dall'acquisto

Secondo la consolidata giurisprudenza (Cass. SU. numero 1196 del 2000; numero 9149 del 2000; numero 3608 del 2003; numero 18300 del 2004; numero 20066 del 2005; nn. 20376 e 21718 del 2006; numero 13491 del 2008) i benefici fiscali prima casa sono subordinati al raggiungimento dello scopo per il quale vengono concessi: in caso di vendita entro cinque anni dall’acquisto di un immobile beneficiando delle agevolazioni prima casa, il mantenimento dell’agevolazione è accordato se il contribuente entro il successivo anno proceda all’acquisto di altro immobile da adibire a propria abitazione principale.

La dichiarazione di volontà, in tal senso espressa dell’acquirente, non è riferita ad una qualità astratta del bene, né costituisce una mera “dichiarazione di intenti” ma comporta l’assunzione di un vero e proprio obbligo verso il fisco, e, cioè, quello di adibire la casa acquistata a propria abitazione principale.

Deve, perciò, affermarsi che il beneficio fiscale, concesso al momento della registrazione dell’atto in base alla sola dichiarazione di volontà predetta, possa esser conservato solo se il contribuente realizzi l’intento dichiarato entro il termine triennale di decadenza fissato (prima dal dPR numero 634 del 1972, articolo 74 e poi dal dPR numero 131 del 1986, articolo 76) per l’esercizio del potere di accertamento dell’Ufficio (cfr. Cass. SU numero 1196 del 2000).

Ciò vale sia nel caso di vendita entro cinque anni, seguita dall’acquisto di altra abitazione entro l’anno, sia nel caso disciplinato dal primo comma della norma in esame, tenuto conto che l’agevolazione per l’acquisto della prima casa è, comunque, volta ad incentivare l’acquisto di un’unità immobiliare da destinare ad abitazione del compratore – in attuazione del precetto di cui all’articolo 47 Cost. – nel Comune di residenza o (se diverso) in quello ove lo stesso svolge la propria attività, ed è subordinata:

  1. al non possesso di altro immobile idoneo ad essere destinato a tale uso;
  2. all’assunzione dell’impegno, mediante dichiarazione formale resa nell’atto di compravendita, di risiedere o voler stabilire la propria residenza (anagrafica, cfr. Cass. numero 17595 del 2012) nel Comune ove è ubicato l’immobile acquistato (da ultimo, Cass. numero 13491 del 2008).

Questi i paletti posti dalla Corte di Cassazione nella sentenza numero 22944 del 9 ottobre 2013, respingendo per infondatezza il ricorso di un contribuente.

15 Ottobre 2013 · Giorgio Valli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Agevolazioni fiscali prima casa e plurime alienazioni infraquinquennali
In tema di agevolazioni tributarie per l'acquisto della prima casa, la relativa decadenza è evitata se il contribuente, pur avendo trasferito la proprietà dell'immobile acquistato con i detti benefici prima del decorso del termine di cinque anni dall'acquisto stesso, entro un anno dall'alienazione ne acquisti un altro, da adibire ad abitazione principale. Ne deriva che il termine triennale di decadenza del potere dell'Ufficio di recuperare l'imposta nella misura ordinaria decorre dal giorno di scadenza dell'anno successivo all'alienazione, perché solo allo spirare di tale termine, senza avere effettuato un nuovo acquisto, il contribuente perde, in via definitiva, il diritto all'agevolazione, provvisoriamente ...

Agevolazioni prima casa - Il mancato trasferimento della residenza entro 18 mesi in seguito a separazione consensuale non è causa di forza maggiore
I benefici fiscali per l'acquisto della prima casa spettano alla sola condizione che, entro il termine di decadenza di diciotto mesi dall'atto, il contribuente stabilisca, entro il Comune dov'è situato l'immobile, la propria residenza. Se il contribuente non vi trasferisce la residenza nel termine appena indicato, non può essere riconosciuta rilevanza di forza maggiore alla cessione da parte del contribuente della quota al coniuge in sede di separazione consensuale. Infatti, il trasferimento di un immobile in favore del coniuge per effetto degli accordi intervenuti in sede di separazione consensuale è comunque riconducibile alla volontà del cedente, e non al provvedimento ...

Agevolazioni fiscali prima casa - non è sufficiente la stipula del compromesso
L'effetto traslativo della proprietà discende esclusivamente dal contratto definitivo e non è rilevante, per i suoi effetti, la data in cui sia stato stipulato il preliminare di compravendita. La giurisprudenza mantiene questa fondamentale distinzione nel momento in cui, ad esempio, ritiene che debbano escludersi dalla comunione legale fra coniugi i beni con riferimento ai quali il contratto di trasferimento sia stato stipulato dopo lo scioglimento della comunione stessa, pur se il preliminare sia stato stipulato da uno coniugi in costanza di comunione. Tale soluzione non può che essere recepita anche in ambito tributario. II significato letterale dell'espressione acquisto di altro ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su agevolazioni fiscali prima casa con vendita entro cinque anni dall'acquisto. Clicca qui.

Stai leggendo Agevolazioni fiscali prima casa con vendita entro cinque anni dall'acquisto Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 15 Ottobre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 2 Agosto 2017 Classificato nella categoria agevolazioni fiscali prima casa o per acquisto immobili destinati a locazione Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • salvociardo 25 Marzo 2015 at 13:30

    Grazie Simone, volevo precisare che il mio ricorso al CTP non si riferiva al deposito dell’assegno, ma alla stesso recupero delle somme dall’agenzia delle entrate in quanto mi sono trovato, mio malgrado, ad acquistare prima della vendita dell’immobile in oggetto per una sopravvenuta impossibilità dell’acquirente di andare a rogito nei tempi previsti . Quindi per non perdere caparra mi sono trovato a dover acquistare come seconda casa con tutte le spese in più e adesso mi tocca anche rimborsare l’A delle E.

    • Simone di Saintjust 25 Marzo 2015 at 14:03

      Bene. Ma anche nel nuovo contesto, l’unica azione ammissibile è quella di risarcimento danni nei confronti dell’acquirente qualora fosse venuto meno a clausole previste nel contratto preliminare.

      Danno quantificabile nell’importo equivalente ai benefici fiscali di cui non ha potuto godere, avendo venduto prima dei cinque anni ed avendo acquistato la nuova abitazione essendo già proprietario di altro immobile nello stesso territorio comunale.

  • salvociardo 25 Marzo 2015 at 12:55

    Ho venduto la mia abitazione principale , per il cui acquisto avevo chiesto le agevolazioni fiscali, prima dei cinque anni. Il notaio però mi ha fatto depositare un assegno pari all’importo delle agevolazioni , presso il suo studio a tutela dell’acquirente finche non avessi riacquistato entro l’anno.E una forzatura o è legittimo? E se volessi fare ricorso alla commissione tributaria provinciale, viste le tempistiche sono costretto comunque al predetto versamento allo scadere dell’anno?

    • Simone di Saintjust 25 Marzo 2015 at 13:03

      Si tratta di una forzatura a mio parere: una volta registrato l’atto di trasferimento della proprietà sarà l’Agenzia delle Entrate a richiedere la restituzione dell’importo equivalente alle agevolazioni fruite senza rispettarne le condizioni, direttamente a chi ne ha beneficiato e non al nuovo proprietario.

      La CTP non è competente in materia, trattandosi di una questione fra lei ed il notaio, in ambito puramente civile e non tributario.