Ristrutturazioni edilizie e bonus mobili - la giungla delle detrazioni

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

Dal 1° gennaio 2012 la detrazione fiscale per interventi di ristrutturazione edilizia è stata resa permanente e inserita tra gli oneri detraibili dall’Irpef. In sintesi, la misura dell’aliquota in detrazione fiscale e l’importo massimo di spesa ammessa per ciascuna annualità.

Per le spese di ristrutturazione edilizia sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2015, la misura della detrazione è del 50% e l’importo massimo di spesa ammessa al beneficio pari a 96 mila euro per unità immobiliare.

Per le spese di ristrutturazione edilizia sostenute dal 1° gennaio 2016, la misura della detrazione sarà del 36% e l’importo massimo di spesa ammessa al beneficio pari a 48 mila euro per unità immobiliare.

Per le spese sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2016 – relative all’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni) finalizzati all’arredo di immobili oggetto di ristrutturazione – la misura della detrazione è del 50% e l’importo massimo di spesa ammessa al beneficio pari a 10 mila euro per unità immobiliare.

27 Marzo 2014 · Giorgio Valli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Agevolazioni fiscali per ristrutturazioni edilizie e bonus mobili - Post it
Ricordiamoci che: La detrazione IRPEF per gli interventi di ristrutturazione edilizia, nonché per l'acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), finalizzati all'arredo di immobili oggetto di ristrutturazione, è pari al 50% della spesa sostenuta. L'importo massimo di spesa ammessa al beneficio per gli interventi di ristrutturazione edilizia su una singola unità immobiliare è di 96 mila euro, mentre il limite si attesta a 10 mila euro per l'acquisto di mobili e grandi elettrodomestici, sempre in riferimento alla singola unità immobiliare.. L'importo detraibile va ripartito in 10 quote annuali (ciò vale ...

Agevolazioni fiscali per ristrutturazioni edilizie - Tips and tricks
Forse, non tutti sanno che: E' possibile fruire della detrazione per i lavori di ristrutturazione di un immobile accatastato come ufficio che, a seguito di ristrutturazione, viene trasformato in una o più unità di civile abitazione con conseguente variazione della categoria catastale. Allo scopo è sufficiente che nel provvedimento amministrativo che autorizza i lavori risulti chiaramente che gli stessi comportano il cambio d'uso del fabbricato, da ufficio ad abitazione. E' detraibile anche la spesa di ristrutturazione edilizia sostenuta dal familiare convivente, che non risulta intestatario della fattura e/o dei bonifici, in base al principio per cui è riconosciuto il beneficio ...

Ristrutturazioni edilizie e detrazioni fiscali? - Online il portale Enea per poter fruire dei bonus
Quest'anno vorrei ristrutturare casa ed usufruire delle detrazioni fiscali previste dalla normativa vigente: un mio collega però, mi ha detto che c'è un nuovo iter da rispettare, ovvero bisogna comunicare dei dati, prima di iniziare i lavori, ad un ente. Come funziona? Per quale tipologia di lavori è obbligatoria la comunicazione? ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su ristrutturazioni edilizie e bonus mobili - la giungla delle detrazioni. Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)