Agevolazioni fiscali prima casa: Riepilogo sulle nuove norme in vigore

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento, oppure qui o consultando questa sezione.

1. Agevolazioni fiscali prima casa - dal 13 dicembre 2014 si cambia
2. Categorie catastali che non possono beneficiare delle agevolazioni prima casa
3. Categorie catastali che possono beneficiare delle agevolazioni prima casa

Agevolazioni fiscali prima casa - dal 13 dicembre 2014 si cambia

Agevolazioni fiscali prima casa: le nuove norme sono in vigore. Vi forniamo un breve riepilogo.

Come precedentemente illustrato in numerosi interventi, da oggi, 13 dicembre 2014, cambiano le regole per godere delle agevolazioni fiscali prima casa, ovvero dell’IVA al 4% per quei contratti di vendita ai quali si applica.

Se, dapprima, la condizione era che l’immobile non fosse di lusso, da oggi si farà solo riferimento alla categoria catastale dell'abitazione.

Categorie catastali che non possono beneficiare delle agevolazioni prima casa

In parole povere, l’agevolazione fiscale non può essere richiesta da chi acquisterà un immobile di categorie:



Categorie catastali che possono beneficiare delle agevolazioni prima casa

Di conseguenza, l’IVA al 4% spetta solo a chi compra un immobile di categoria:

I precedenti requisiti per quantificare gli immobili di lusso erano stati fissati da una normativa molto vecchia e si presentavano, a volte, labili, essendo ancorati, più che altro, a una valutazione complessiva dell’immobile, come la metratura o la presenza di particolari dotazioni.

I requisiti catastali invece sono stati appena introdotti dal decreto legislativo sulle semplificazioni fiscali, che, in realtà, non ha inventato nulla di nuovo, ma si è limitato a estendere anche all'IVA quanto già previsto per l’imposta proporzionale di registro.

Da oggi, 13 dicembre 2014, dunque, l’agevolazione fiscale prima casa, sia per quanto riguarda l’aspetto dell’IVA al 4% che il beneficio sull'imposta di registro, risponderà a un unico, identico, requisito, ovvero che il beneficio fiscale spetterà a chi compra un’abitazione non accatastata nelle categorie A/1, A/8, A/9 e A/10.

13 dicembre 2014 · Andrea Ricciardi

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

fisco tasse e tributi - contenuti obsoleti

Approfondimenti e integrazioni

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca