Agente di commercio e procacciatore d'affari - Differenze e implicazioni fiscali

La figura del procacciatore di affari non è disciplinata da alcuna norma del codice civile o di altre leggi speciali, anche se la relativa attività presenta, sotto il profilo pratico una rimarchevole analogia con quella dell'agente commerciale. Ma è proprio questa circostanza che, per così dire, complica le cose, rendendo il rapporto suscettibile di impreviste insidie per l'impresa che ha conferito un incarico di tal tipo.

Mentre la figura del procacciatore di affari non è disciplinata da alcuna norma, l'attività dell'agente commerciale è espressamente regolata da disposizioni del Codice civile (dall'art. 1742 all'art. 1753) da alcune leggi speciali e da accordi economici collettivi. Per differenziare le due figure è sufficiente da un lato, individuare quali sono gli elementi di distinzione tra le due figure e, dall'altro, evidenziare che la professione di agente è una attività protetta.

Sotto il primo profilo gli elementi tipici che contraddistinguono il contratto di agenzia sono la stabilità del rapporto e l'esclusiva sulla zona contrattuale, mentre l'attività del procacciatore di affari è sostanzialmente occasionale, non è vincolata ad una zona predeterminata, e non è suscettibile di esclusiva.

Sotto il secondo profilo è da tener ben presente che l'attività di agente di commercio è una attività protetta in quanto il relativo esercizio è subordinato alla iscrizione ai ruoli camerali. Peraltro colui che esercita l'attività di agente o rappresentante di commercio senza essere iscritto nell'apposito ruolo, nonché la ditta che stipula un contratto di agenzia con persone non iscritte, è soggetto ad una sanzione amministrativa.

Per un procacciatore d'affari è legittimo l'accertamento fiscale effettuato dall'amministrazione finanziaria e basato sulle dichiarazioni del sostituto di imposta che sostiene di avere erogato un compenso come reddito di lavoro autonomo.

In conformità ai principi appena esposti, i giudici della Corte di cassazione hanno stilato la sentenza 12559/15.

18 giugno 2015 · Giorgio Martini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

No agli accertamenti fiscali per gli studenti-lavoratori » Ecco quando non vanno applicati gli studi di settore
Niente accertamenti fiscali per lo studente-lavoratore. In caso di accertamento basato sui parametri o sugli studi di settore, il contribuente può fare leva sul concomitante impegno universitario che ha sottratto tempo all'attività di lavoro autonomo. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 22949/14. Per chiarire la ...
Pignoramento presso terzi - possibile anche se il debitore è un agente di commercio
Ai sensi dell'articolo 1748, quarto comma codice civile: “Salvo che sia diversamente pattuito, la provvigione spetta all'agente dal momento e nella misura in cui il preponente ha eseguito o avrebbe dovuto eseguire la prestazione in base al contratto concluso con il terzo. La provvigione spetta all'agente, al più tardi, inderogabilmente ...
Mutuo a tasso variabile e rata protetta
Il mutuo a tasso variabile e rata protetta è un contratto di prestito. Il mutuo a tasso variabile e rata protetta consiste nel trasferimento di una somma di denaro da un soggetto “mutuante” ad un soggetto “mutuatario” che si impegna a restituirlo secondo modalità concordate, dettagliatamente definite nel contratto sottoscritto ...
Avvio attività – prime formalità fiscali
Dal punto di vista fiscale, il primo atto formale per chi intraprende una attività economica, sia di tipo autonomo che imprenditoriale, è quello di segnalarlo all'Agenzia delle Entrate mediante la presentazione di apposita dichiarazione entro 30 giorni dall'inizio dell'attività o dalla costituzione della società. Sostanzialmente, gli adempimenti principali da assolvere ...
Accertamenti fiscali - procedura e garanzie per il contribuente
In caso di verifiche fiscali, il contribuente ha diritto di farsi assistere e di ricorrere al Garante del contribuente a fronte di scorrettezze o violazioni di legge da parte degli organi accertatori. La Legge numero 212/2000 ("Statuto del contribuente") prevede all'articolo 12 le modalità con cui possono essere effettuati gli ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su agente di commercio e procacciatore d'affari - differenze e implicazioni fiscali. Clicca qui.

Stai leggendo Agente di commercio e procacciatore d'affari - Differenze e implicazioni fiscali Autore Giorgio Martini Articolo pubblicato il giorno 18 giugno 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 2 agosto 2017 Classificato nella categoria avvio attività Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca