Agcm sospende due società » Le sanzioni e qualche consiglio utile

Agcm sospende una società per falsi annunci di lavoro » Sanzioni e consigli utili

L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) ha sospeso ha sospeso temporaneamente le attività della società Dodotour srl - Evolution Travel per annunci di lavoro ingannevoli. La compagnia era già stata avvertita nel lontano 2007.

La società Dodotour srl - Evolution Travel ha continuato a diffondere i propri messaggi ingannevoli per i consumatori e l'Agcm, di fronte al ripetersi di tali comportamenti, si è vista costretta ad intervenire nuovamente sospendendone temporaneamente l'attività.

La società Evolution Travel pubblicava sul proprio sito, e su siti di offerte di lavoro messaggi, in cui prometteva un lavoro online da casa, anche part-time, nel settore dei viaggi e del turismo, dietro il pagamento di una quota di affiliazione di 20.000 euro.

Il messaggio prospettava tale attività in franchising facendo intendere che costi e rischi fossero contenuti rispetto all'apertura di una vera e propria agenzia di viaggi, e che l'investimento iniziale, seppur elevato, sarebbe stato ammortizzato in breve tempo.

In realtà il messaggio promuoveva solo la cessione in uso di servizi e strumenti software, tacendo o minimizzando invece gli alti costi e l'elevato rischio di perdita del capitale.

Purtroppo la vicenda della società Evolution Travel non è che un esempio delle centinaia di falsi annunci di lavoro pubblicizzati da truffatori senza scrupoli, che vedono come vittime soprattutto giovani.

Agcm - nel dettaglio il provvedimento contro Dodotour srl ed Evolution Travel per annunci di lavoro ingannevoli

Con provvedimento numero 18516 del 19 giugno 2008 l'Autorità ha deliberato che il comportamento della società Dodotour srl - Evolution Travel, consistito nell'aver violato la delibera numero 16906 del 28 maggio 2007, ha costituito una inottemperanza in quanto il messaggio riproponeva un contenuto inalterato, ad eccezione di alcune modifiche di carattere formale, che solo parzialmente e marginalmente eliminavano i profili di ingannevolezza accertati con il provvedimento numero 16906 del 28 maggio 2007.

Il provvedimento è stato notificato all'operatore in data 7 luglio 2008.

La società E.T., nondimeno, ha continuato a diffondere nel web sostanzialmente lo stesso identico format oggetto di sanzione, utilizzando parole chiave nei principali motori di ricerca riconducibili alla forma contrattuale del "franchising" moltiplicandone, pertanto, l'utilizzo.

In particolare, in internet erano presenti alcuni collegamenti sponsorizzati da E.T. accessibili utilizzando i motori di ricerca Yahoo e Google tramite le parole chiave franchising agenzia di viaggi, franching turismo, franchising vacanze, agenzia di viaggi franchising, aprire agenzia di viaggi franchising, franchising evolution travel, "egozi in franchising agenzia viaggi, franchisee evolution travel, franchisor evolution travel, affiliazione agenzia di viaggio, network franchising, network franching turismo, apri in franchising agenzia di viaggi, apri agenzia di viaggi in franchising, avviare agenzia viaggi in franchising, apertura agenzia viaggi in franchising, che permettono di prendere immediata visione, tra i siti sponsorizzati a pagamento, dell'annuncio promozionale della società E.T.

Con provvedimento adottato il 29 luglio 2009 numero 20152 l'Autorità ha deliberato l'ingannevolezza delle pagine web rilevate sui siti internet www.evolutiontravel.it e www.tuttifranchising.it nonché degli annunci, rilevati in data 13 ottobre 2008 e 27 marzo 2009, presenti su altri siti internet nella sezione dedicata alle offerte di lavoro quali: www.motorelavoro.it e www.romaexplorer.it, diretti a pubblicizzare la possibilità di intraprendere un'attività lavorativa da svolgere in casa, anche part-time e utilizzando la rete internet, avente ad oggetto la promozione dei servizi turistici Evolution Travel.

Il citato provvedimento numero 20152 del 2009 risulta notificato al professionista in data 27 agosto 2009.

Infine, alcune richieste di intervento pervenute, da ultimo, nel mese di giugno 2013, hanno segnalato la reiterazione della pratica commerciale oggetto dei provvedimenti sopra citati, ed in particolare che E.T. avrebbe nuovamente diffuso i messaggi oggetto dei precedenti provvedimenti dell'Autorità attraverso i siti www.evolutiontravel.it, www.azfranchising.it, www.franchisingcity.it e www.romaexplorer.it, caratterizzati dai medesimi contenuti presenti nel messaggio ritenuto ingannevole con il precedente provvedimento.

Sulla base delle informazioni pervenute, risulta che, in effetti, il professionista continua a promuovere sui siti internet www.evolutiontravel.it, www.azfranchising.it, www.franchisingcity.it e www.romaexplorer.it, e in particolare attraverso il sito www.affiliazione-evolutiontravel.com e la newsletter Easy Viaggi, un'attività lavorativa di tipo affiliativo, redditizia, caratterizzata dal risparmio dei costi di gestione e da libertà di movimento.

Pertanto, dalle evidenze documentali, risulta che la pratica ritenuta scorretta è stata nuovamente diffusa successivamente al provvedimento numero 20152 del 2009.

Ricorrono, in conclusione, i presupposti per l'avvio del procedimento previsto dal combinato disposto dell'articolo 27, comma 12, del Codice del Consumo e dell'articolo 23, comma 12 quinquiesdecies, del decreto legge 6 luglio 2012, numero 95, come modificato dalla legge 7 agosto 2012, numero 135, volto all'irrogazione di una sanzione amministrativa pecuniaria da 10.000 a 5.000.000 euro.

Ritenuto, pertanto, che i fatti accertati integrano una fattispecie di inottemperanza alla delibera dell'Autorità numero 16906, del 28 maggio 2007, ai sensi dell'articolo 27, comma 12, del Codice del Consumo, delibera:

  1. di contestare alla società Evolution Travel Italia srl, già Dodotour srl - Evolution Travel, la violazione di cui all'articolo 27, comma 12, del Codice del Consumo, per non aver ottemperato alla delibera dell'Autorità numero 16906, del 28 maggio 2007;
  2. l'avvio del procedimento per l'eventuale irrogazione della sanzione pecuniaria di cui al combinato disposto dell'articolo 27, comma 12, del Codice del Consumo e dell'articolo 23, comma 12 quinquiesdecies, del decreto legge 6 luglio 2012, numero 95, come modificato dalla legge 7 agosto 2012, numero 135;
  3. che il responsabile del procedimento è la Dott.ssa Roberta Di Mei;
  4. che può essere presa visione degli atti del procedimento presso la Direzione Servizi, della Direzione Generale per la Tutela del Consumatore, dell'Autorità, dai legali rappresentanti della società Evolution Travel Italia srl, ovvero da persone da essa delegate;
  5. che entro il termine di trenta giorni dalla notifica del presente provvedimento, gli interessati possono far pervenire all'Autorità scritti difensivi e documenti, nonché chiedere di essere sentiti;

Pubblicità ingannevole e falsi annunci di lavoro: come difendersi

Dopo aver illustrato le sanzioni applicate dall'Agcm, vi presentiamo un decalogo ha stilato un decalogo per riconoscere e difendersi dai falsi annunci di lavoro:

3 dicembre 2013 · Giovanni Napoletano


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pubblicità ingannevole » Agcm multa 7 società di valutazione auto
Pubblicità ingannevole: l'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Antitrust o Agcm) ha sanzionato per pratiche commerciali aggressive e scorrette sette diverse società di valutazione auto. Sanzioni per complessivi 735mila euro a 7 società che pubblicizzavano sul web un servizio apparentemente gratuito di valutazione delle auto, salvo chiedere successivamente il ...
Recupero crediti » L'Agcm multa Agenzia riscossioni alias Esattoria S.r.l.
Recupero crediti scorretto: L'Agcm (autorità garante della concorrenza ed il mercato) con un nuovo provvedimento, ha inflitto una multa di 5 milioni di euro alla società Agenzia riscossioni, ovvero Esattoria srl. Con il provvedimento pubblicato nel bollettino dell'11 Novembre, il numero 44, l'Antitrust ha ordinato alla società di recupero crediti ...
Pratiche commerciali scorrette » Agcm vs Groupon
L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Agcm) ha deciso di avviare un procedimento per verificare possibili pratiche commerciali scorrette da parte di Groupon. L'istruttoria è stata avviata alla luce delle denunce presentate da alcune associazioni dei consumatori. Groupon, il noto sito web che vende servizi a prezzi scontati attraverso ...
La black list delle società di recupero crediti sanzionate per pratiche ingannevoli o aggressive
Pratica aggressiva consistente in finte citazioni in giudizio, per tentare di recuperare, attraverso studi legali, presunti crediti acquisiti dalla società di telecomunicazioni LTS, con l'indicazione fittizia della data della prima udienza; e senza che segua alcuna iscrizione della causa a ruolo, presso sedi di Giudici di Pace sistematicamente diverse da ...
Pubblicità ingannevole » Agcm sanziona Gruppo Index
Servizi alle microimprese: l'Antitrust sanziona le società del gruppo index per pubblicità ingannevole e pratiche commerciali scorrette. Multe per complessivi 324 mila euro. Con una strategia coordinata, e ciascuno con un suo ruolo, pubblicizzavano la possibilità di aderire a una rete informatica grazie alla quale piccoli e piccolissimi esercenti avrebbero ...

Spunti di discussione dal forum

Amministratore unico di SRLS piena di debiti – Cosa succede mettendo in liquidazione la società?
Ho aperto da 7 mesi un negozio in franchising, per aprirlo ho avuto accesso al microcredito commerciale per una somma di 25 mila euro, ho pagato fino ad ora tutto quanto, comprese le rate del microcredito, attualmente però ho una forte crisi di liquidità e non riesco a pagare più…
Debiti di una società SAS – Può essere aggredito il mio patrimonio personale?
Nel 2015 io ed un mio vecchio amico abbiamo aperto un solarium a Milano ed abbiamo costituito una SAS (Società in accomandita semplice): le quote di partecipazione sono di 60-40% con io in difetto e lui amministratore (accomandatario). Nella società, per far fronte alle spese iniziali, abbiamo conferito rispettivamente 70.000…
Vorrei sapere come fare per dimostrare che un debitore è realmente nullatenente
il mio compagno ha diversi debiti di tasse non pagate riguardo ad una ditta individuale che ha chiuso nel 2012, lui è realmente nullatenente, non ha casa (la casa dove ha la residenza è la mia e la proprietaria è mia mamma), non ha auto, non ha conto in banca…
Mio fratello mi ha lasciato in un mare di debiti con Equitalia
Vi scrivo perchè ormai sono 2 notti che non riesco più a dormire: a gennaio 2015 ho aperto con ditta individuale intestata a me (un negozio in franchising con cui era possibile richiedere un prestito con Invitalia). Dietro questa scelta si celava mio fratello (già imprenditore) che ha fatto si…
Equitalia può pignorare una carta postepay?
Sto cercando di aiutare una persona disoccupata che riceve dei soldi attraverso la postepay per dei lavoretti che vende su internet. La domanda è contenuta nel titolo, e c'è poco da aggiungere, se non che si tratta di una Postepay normale, senza iban (non è la evolution). Sul web non…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su agcm sospende due società » le sanzioni e qualche consiglio utile. Clicca qui.

Stai leggendo Agcm sospende due società » Le sanzioni e qualche consiglio utile Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 3 dicembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 4 agosto 2017 Classificato nella categoria lavoro e pensioni Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca

Forum

Domande