Cosa cambia economicamente per l'inquilino se il proprietario opta per la cedolare secca

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento, oppure qui o consultando questa sezione.

  1. il canone contrattuale rimane invariato;
  2. non dovrà più pagare l'imposta di registro e di bollo sulla locazione, per la parte a suo carico;
  3. non dovrà più pagare, per la parte a suo carico, le imposte di registro e di bollo sulla risoluzione e sulle proroghe del contratto;
  4. non dovrà pagare aumenti Istat e ogni altro aumento (per lavori, per incrementi comunque scadenzati, per oneri accessori se conglobati nel canone, ecc.) decorrenti da gennaio 2011. Ove fossero già stati applicati aumenti scattati prima dell'opzione vanno restituite le relative somme già percepite dal proprietario.
  5. per l'inquilino fiscalmente non cambia nulla.

Tratto da "Vademecum dei diritti (pochi) e dei vantaggi (scarsi) per l'inquilino su cedolare secca e contratti irregolari - Cosa fare dal 7 giugno 2011" a cura di Sunia

30 giugno 2011 · Rosaria Proietti

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca