Possibilità di adozione da parte di un single

Quando è ammessa l’adozione da parte di un “single”

I single possono chiedere l’adozione, sia nazionale che internazionale, ma solo in casi determinati.

L’adozione da parte del “single” è ammessa nei casi particolari previsti dall’articolo 44 della legge numero 184/83, ossia:

  • da persone unite al minore da vincolo di parentela fino al sesto grado o da preesistente rapporto stabile e duraturo, quando il minore sia orfano di padre e di madre;
  • dal coniuge nel caso in cui il minore sia figlio anche adottivo dell’altro coniuge;
  • quando il minore si trovi nelle condizioni indicate dall’articolo 3, comma 1, della legge 5 febbraio 1992, numero 104, e sia orfano di padre e di madre;
  • quando vi sia la constatata impossibilità di affidamento preadottivo;

oppure nei casi previsti dall’articolo 25, commi 4 e 5, della stessa Legge numero 184/83, ossia:

  • se uno dei coniugi muore o diviene incapace durante l’affidamento preadottivo, l’adozione, nell’interesse del minore, può essere ugualmente disposta ad istanza dell’altro coniuge nei confronti di entrambi, con effetto, per il coniuge deceduto, dalla data della morte;
  • se nel corso dell’affidamento preadottivo interviene separazione tra i coniugi affidatari, l’adozione può essere disposta nei confronti di uno solo o di entrambi, nell’esclusivo interesse del minore, qualora il coniuge o i coniugi ne facciano richiesta.

Al di fuori di queste ipotesi, l’adozione è consentita solo alla coppia di coniugi (sposati da almeno tre anni, considerando anche il periodo di convevenza prematrimoniale).

Lo stesso principio si applica in materia di adozione internazionale, essendo questa ammissibile negli stessi casi in cui è consentita l’adozione nazionale (Corte Costituzionale, ordinanza numero 347 del 2005).

In conclusione, il “single” può procedere all’adozione, nazionale o internazionale, esclusivamente nelle ipotesi sopra elencate (Cassazione, sentenza del 18 marzo 2006, numero 6078).

Per porre una domanda sulle problematiche afferenti la famiglia ed in particolare sulla possibilità di adozione da parte di un single, accedi al forum. Clicca qui.

13 Agosto 2013 · Antonella Pedone

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Adozioni - il genitore naturale può impugnare il provvedimento di adozione
In materia di adozione in casi particolari, il genitore naturale è il rappresentante legale del minore e quindi è legittimato ad impugnare il provvedimento di adozione. In materia di adozione nei casi particolari previsti dall'articolo 44 della Legge numero 184/1983, il genitore naturale del minore adottando può impugnare il provvedimento di adozione, purchè non sia decaduto dalla potestà genitoriale. Egli, infatti, è ancora il rappresentante legale del minore e, come tale, è parte processuale nel procedimento di adozione. Può dedurre, a sostengo dell'impugnazione, sia vizi di merito sia vizi formali o procedurali, essendo questi comunque inerenti all'interesse del minore (Cassazione, ...

Adozione in casi particolari ed opposizione dei genitori e del coniuge
In materia di adozione, nei casi particolari previsti dall'articolo 44 della Legge numero 184/83, è necessario che i genitori esercenti la potestà esprimano il proprio assenso all'adozione. Se l'adottando è coniugato, è necessario anche l'assenso del coniuge. Qualora i detti soggetti rifiutino di dare l'assenso, non sarà possibile in alcun modo procedere alla adozione (nei detti casi particolari), in quanto al giudice è preclusa ogni valutazione circa la giustificabilità o meno di tale rifiuto e la rispondenza di esso all'interesse del minore, ai sensi dell'articolo 46 della Legge numero 184/83. Tale valutazione è possibile solo se: i genitori siano decaduti ...

Il bonus bebé in caso di adozione
Com'è noto, la gestione e la liquidazione delle domande per ottenere il bonus bebè sono di competenza dell'INPS che provvede al pagamento mensile dell'assegno, il cui importo è pari a 80 euro se l'ISEE del nucleo familiare non è superiore a 25 mila euro annui, oppure 160 euro se l'ISEE non supera i 7 mila euro annui. L'’assegno può essere concesso a vantaggio di uno stesso nucleo familiare e per lo stesso figlio per un massimo di 36 mensilità, secondo le indicazioni che seguono. Con riferimento all'evento adozione, premesso che è prevista la possibilità di presentare la domanda anche in ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su possibilità di adozione da parte di un single. Clicca qui.

Stai leggendo Possibilità di adozione da parte di un single Autore Antonella Pedone Articolo pubblicato il giorno 13 Agosto 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 14 Aprile 2018 Classificato nella categoria famiglia - affidamento e mantenimento dei figli Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)