Adozione ed opposizione dei genitori e del coniuge

In materia di adozione, nei casi particolari previsti dall’articolo 44 della Legge numero 184/83, è necessario che i genitori esercenti la potestà esprimano il proprio assenso all’adozione.

Se l’adottando è coniugato, è necessario anche l’assenso del coniuge.

Qualora i detti soggetti rifiutino di dare l’assenso, non sarà possibile in alcun modo procedere alla adozione (nei detti casi particolari), in quanto al giudice è preclusa ogni valutazione circa la giustificabilità o meno di tale rifiuto e la rispondenza di esso all’interesse del minore, ai sensi dell’articolo 46 della Legge numero 184/83.

Tale valutazione è possibile solo se:

  • i genitori siano decaduti dalla potestà genitoriale (Tribunale per i minorenni di Catania, sentenza del 13 gennaio 2010; Cassazione, sentenza del 26 luglio 2000, numero 9795);
  • il coniuge non è convivente con l’adottando;
  • il coniuge dell’adottando ed i genitori siano comunque incapaci o irreperibili.

Per porre una domanda sull’adozione, accedi al forum. Clicca qui.

19 Settembre 2010 · Antonella Pedone

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Argomenti correlati: 

Approfondimenti

Adozioni - il genitore naturale può impugnare il provvedimento di adozione
In materia di adozione in casi particolari, il genitore naturale è il rappresentante legale del minore e quindi è legittimato ad impugnare il provvedimento di adozione. In materia di adozione nei casi particolari previsti dall'articolo 44 della Legge numero 184/1983, il genitore naturale del minore adottando può impugnare il provvedimento di adozione, purchè non sia decaduto dalla potestà genitoriale. Egli, infatti, è ancora il rappresentante legale del minore e, come tale, è parte processuale nel procedimento di adozione. Può dedurre, a sostengo dell'impugnazione, sia vizi di merito sia vizi formali o procedurali, essendo questi comunque inerenti all'interesse del minore (Cassazione, ...

Possibilità di adozione da parte di un single
Quando è ammessa l'adozione da parte di un "single" I single possono chiedere l'adozione, sia nazionale che internazionale, ma solo in casi determinati. L'adozione da parte del "single" è ammessa nei casi particolari previsti dall'articolo 44 della legge numero 184/83, ossia: da persone unite al minore da vincolo di parentela fino al sesto grado o da preesistente rapporto stabile e duraturo, quando il minore sia orfano di padre e di madre; dal coniuge nel caso in cui il minore sia figlio anche adottivo dell'altro coniuge; quando il minore si trovi nelle condizioni indicate dall'articolo 3, comma 1, della legge 5 ...

Diritto al rimborso delle spese straordinarie per il figlio effettuate dal coniuge affidatario nel caso di mancata concertazione preventiva con il coniuge obbligato
In materia di diritto al rimborso delle spese straordinarie effettuate dal coniuge affidatario non è configurabile, a carico di quest'ultimo, un obbligo di informazione e di concertazione preventiva con il coniuge obbligato in ordine alla determinazione delle spese straordinarie (nella specie, stage e soggiorni all'estero per l'apprendimento della lingua inglese), trattandosi di decisione di maggiore interesse per il figlio e sussistendo, pertanto, a carico del coniuge non affidatario, un obbligo di rimborso qualora non abbia tempestivamente addotto validi motivi di dissenso. Ne consegue che, nel caso di mancata concertazione preventiva e di rifiuto di provvedere al rimborso della quota di ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su adozione ed opposizione dei genitori e del coniuge. Clicca qui.

Stai leggendo Adozione ed opposizione dei genitori e del coniuge Autore Antonella Pedone Articolo pubblicato il giorno 19 Settembre 2010 Ultima modifica effettuata il giorno 4 Agosto 2017 Classificato nella categoria famiglia - affidamento e mantenimento dei figli Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • padre 15 Aprile 2019 at 08:07

    Se un minore viene adottato perché i genitori sono stati ritenuti inidonei perché su uno dei due prima pendeva un procedimento penale per abuso sul minore che poi lo vede assolto perché il fatto non sussiste come possono fare per riavere il minore?

    • Simone di Saintjust 15 Aprile 2019 at 08:23

      L’allontanamento del figlio dalla residenza familiare e l’affidamento familiare, qualora i fatti che hanno causato la decadenza della responsabilità genitoriale siano di forte gravità consegue se, e solo se, entrambi i genitori hanno violato, in modo significativo, i doveri derivanti dalla responsabilità genitoriale. Altrimenti la titolarità della responsabilità genitoriale rimane attribuita all’altro genitore. Quindi, non è detto che l’affidamento familiare sia stato conseguenza del procedimento penale che vede coinvolto uno solo dei genitori.