Adempimenti fiscali in un condominio

A partire dal 1 gennaio 1998 il condominio è diventato sostituto d'imposta.

Secondo le leggi tributarie italiane è sostituto d'imposta “chi in forza di disposizioni di legge è obbligato al pagamento di imposte in luogo di altri, per fatti o situazioni a questi riferibili ed anche a titolo di acconto.

In un condominio di solito viene incaricato l'amministratore, che ne ha la rappresentanza e il mandato. Il condominio dovrà, quindi effettuare la ritenuta d'acconto su compensi corrisposti ai professionisti, ai lavoratori dipendenti e all'amministratore.

L'amministratore dovrà quindi effettuare, all'atto del pagamento della parcella del professionista la ritenuta IRPEF del 20 % e provvedere al versamento entro il giorno 16 del mese successivo. Quando certi servizi (manutenzione ascensori, pulizia scale ecc.) venivano affidate a ditte esterne, che emettevano regolare fattura, non esisteva obbligo di ritenuta d'acconto.

A partire da 1 gennaio 2007 questo obbligo (con una ritenuta del 4 % sull'imponibile titolo di acconto) è stato esteso alle prestazioni relative a contratti di appalto di opere e servizi, anche se rese a terzi o nell'interesse di terzi, effettuate nell'esercizio di impresa.

A titolo esemplificativo, sono assoggettate a ritenuta le prestazioni eseguite per interventi di manutenzione o ristrutturazione dell'edificio condominiale e degli impianti elettrici o idraulici, ovvero per l'esecuzione di attività di pulizia, manutenzione di caldaie, ascensori, giardini, piscine e altre parti comuni dell'edificio.

Sono invece esclusi dall'applicazione della ritenuta i corrispettivi previsti in base a contratti diversi da quelli d'opera come, per esempio, i contratti di somministrazione di energia elettrica, acqua , gas e simili, di assicurazione, di trasporto e di deposito.

Le ritenute versate devono essere comunicate nell'anno successivo attraverso la compilazione del modello 770 semplificato all'agenzia delle entrate mediante invio telematico. L'invio telematico del modello 770 deve essere effettuato da un soggetto appositamente autorizzato (per es. un commercialista).

Il quadro AC del modello unico

L'amministratore di condominio che risulta in carica al 31 dicembre deve comunicare all'anagrafe tributaria l'importo complessivo dei beni e servizi acquistati dal condominio nell'anno solare e i dati indicativi dei relativi fornitori.
Tra i fornitori del condominio sono da ricomprendere anche gli altri condomini, supercondomini, consorzi o enti di pari natura, ai quali il condominio amministrato abbia corrisposto nell'anno somme superiori a euro 258,23 annui a qualsiasi titolo.

La comunicazione avviene a mezzo della compilazione del quadro AC del modello UNICO, personale dell'amministratore, denominato “Comunicazione dell'amministratore di condominio”. L'obbligo di presentare il quadro AC e dell'eventuale modello 770 sussiste anche nel caso in cui, nell'ambito di un condominio con non più di quattro condomini, pur non essendo obbligatoria, la carica di amministratore sia stata ugualmente conferita.

Attenzione - Nel quadro AC non devono essere comunicati:

  • gli importi relativi a prestazioni assoggettate a ritenuta d'acconto;
  • gli importi relativi alle forniture di acqua, energia elettrica, telefono e gas ;
  • gli importi relativi agli acquisti di beni e servizi effettuati nell'anno solare, che risultano, al lordo dell'IVA, non superiori complessivamente a euro 258,23 per singolo fornitore. In tale caso non devono essere neppure indicati i dati identificativi del relativo fornitore.

Per poter osservare le prescrizioni fiscali è necessario che il condominio abbai un proprio codice fiscale che deve essere richiesto dal rappresentante del condominio all'ufficio dell'Agenzia delle entrate presentando, oltre i suoi dati personali, anche il verbale dell'assemblea, da cui si evince la sua nomina.

2 luglio 2008 · Antonio Scognamiglio

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Condominio e consorzio - Differenze e analogie
Le disposizioni in materia di condominio non sono estensibili al consorzio costituito tra proprietari d'immobili per la gestione delle parti e dei servizi comuni di una zona residenziale, atteso che i due istituti giuridici, nonostante le numerose analogie, presentano anche caratteristiche diverse che non ne permettono una completa parificazione concettuale: ...
Condominio » Recupero crediti dai morosi
Condominio e morosi: a causa della crisi economica sta aumentando il numero di persone che non riesce a pagare le rate. Con la riforma del condominio, la famosa legge 220/2012, è stato introdotto il principio di solidarietà sussidiaria del debito del condominio, ma è stato anche previsto un meccanismo per ...
Condominio, condominio parziale e supercondominio
Secondo l'articolo 1117 del codice civile, si ha un condominio (quote di proprietà divise in uno stabile) quando esiste un collegamento strutturale fra le parti comuni di uno stabile e di un terreno e le proprietà individuali dei singoli piani o parte dei piani. Le parti comuni più importanti di ...
Condominio: assegno non pagato » A chi deve essere elevato il protesto?
In caso di mancato pagamento di un assegno del condominio, a chi va elevato il protesto: all'amministratore condominiale, al condominio in se per se o ai singoli inquilini? Chiariamo la questione. Come chiarito in nostri precedenti interventi, la riforma del condominio ha obbligato l'amministratore condominiale a far transitare tutte le ...
Protesto legittimo per l'amministratore che non specifica di avere agito per il condominio
E' valido il protesto nei confronti dell'amministratore condominiale, come persona fisica, che, nell'emettere un assegno scoperto, non ha specificato di avere agito per conto del condominio. Infatti, è legittimo il protesto emesso nei confronti dell'ex amministratore che emette un assegno senza specificare la spendita della qualità di legale rappresentante del ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su adempimenti fiscali in un condominio. Clicca qui.

Stai leggendo Adempimenti fiscali in un condominio Autore Antonio Scognamiglio Articolo pubblicato il giorno 2 luglio 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria il condominio .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)
  • Marco 25 febbraio 2010 at 21:29

    ma la ritenuta d’acconto per il C.T.U va pagata oco il tributo 1040?

  • Paolo 4 gennaio 2010 at 22:26

    Salve cocco bill, volevo ancora complimentarmi per le risposte celere e chiare.
    Le faccio un’altra domanda: la ritenuta d’acconto del 4%, il condominio deve versarla anche se la fattura è dell’amministrazione condominiale? Se si, deve sempre versarla prima del 15 del mese successivo?
    Grazie ancora

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca