Addio pubblicità ingannevole


Lo scorso 21 settembre è entrata, finalmente, in vigore la Direttiva 2005/29/CE sulle pratiche commerciali sleali. La direttiva in questione, recepita dal Governo italiano attraverso il decreto legislativo del 2 agosto 2007, numero 146, tutela i consumatori non solo dalle pubblicità ingannevoli ma anche da quelle invasive (come le vendite porta a porta, quelle effettuate per telefono, eccetera).

Rientra nel campo d’azione della direttiva, anche il comparto economico-finanziario dedito alla concessione di prestiti personali e mutui ipotecari. Devono, pertanto, essere specificati chiaramente, non solo i termini reali dell’offerta, ma anche le condizioni e i tassi d’interesse applicati. Non è adesso più possibile concedere allettanti prestiti con un dichiaratissimo TAN irrisorio e un celato, ma carissimo ISC (già TAEG), che è proprio la voce che incide maggiormente sui costi da sostenere. Per quanto concerne la concessione di prestiti a soggetti protestati, le finanziarie e le banche devono anche dichiarare l’eventuale maggiorazione applicata sui tassi reali, a copertura del maggior rischio. Insomma, una novità importante che mira a tutelare l’utenza e a favorire maggiore trasparenza in un settore, come quello creditizio, che si basa, molto spesso sulla disinformazione.

10 Novembre 2007 · Patrizio Oliva



Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Cosa sto leggendo

Stai leggendo Addio pubblicità ingannevole Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 10 Novembre 2007 Ultima modifica effettuata il giorno 16 Dicembre 2017 Classificato nella categoria attualità gossip politica

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)