Interessi legali » No se banca non ha valutato solvibilità cliente

Interessi legali » La banca non può richiederli se non ha valutato prima la solvibilità del proprio cliente

Qualora un istituto di credito non valuti la solvibilità del cliente/debitore, decade anche il suo diritto a percepire gli interessi legali.

La sanzione non può essere considerata realmente dissuasiva se gli importi che possono essere riscossi dal creditore in seguito all'applicazione della stessa non sono notevolmente inferiori a quelli di cui potrebbe beneficiare in caso di osservanza del suo obbligo.

Qualora la sanzione della decadenza dagli interessi legali fosse mitigata ovvero puramente e
semplicemente azzerata, la sanzione non presenterebbe un carattere realmente dissuasivo, in
violazione delle disposizioni della direttiva 2008/48.

Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Giustizia Europea con la sentenza del 27 Marzo 2014.

Cerchiamo di capire meglio cosa significa. Partiamo, innanzitutto, dalla definizione degli interessi legali.

Cosa sono gli interessi legali?

Per interessi legali sono da intendersi tutti gli interessi dovuti, in base alla legge, come obbligo accessorio al pagamento di una somma di denaro.

Sono, in altre parole, una percentuale di denaro su un'imposta il cui pagamento è dovuto secondo termini di legge.

Il tasso di interesse legale è fissato ogni anno dal Ministero dell'economia attraverso un decreto che viene pubblicato ogni anno sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il mancato pagamento degli interessi legali è sanzionabile per legge.

La banca non può richiedere gli interessi legali se non ha prima valutato la solvibilità del proprio cliente

Quando un istituto di credito eroga un finanziamento a un cliente che non può, chiaramente, restituire il prestito è giusto ritenere che la banca non abbia più diritto a ricevere gli interessi legali.

Ciò è quanto si evince dalla sentenza sopra riportata, la quale è interessantissima gli effetti che può produrre in Italia.

Nella fattispecie, il caso ha riguardato, in modo diretto, la Francia. Ma, essendo intervenuta la Corte di Giustizia dell'Unione Europea, è stato sancito un importante ed attuale diritto dei consumatori in materia creditizia anche nel nostro paese.

Ma cerchiamo di fare luce sulla questione. Molto spesso, in ambito bancario, viene ignorata l'esistenza di una direttiva Ue che impone, per gli Stati Membri, l'obbligo di prevedere sanzioni nei confronti di quegli intermediari finanziari, come banche, poste, finanziarie, le quali eroghino prestiti ai debitori senza prima valutare le loro obiettive risorse e, in altre parole, le effettive possibilità di restituzione della somma prestata.

Per cercare di tutelare i consumatori dalla concessione irresponsabile di finanziamenti che eccedono le loro capacità finanziarie e potrebbero spingerli a una situazione di insolvenza e di fallimento, la norma dell'Unione Europea impone di applicare, nei confronti delle banche, un regime di sanzioni efficaci, proporzionate e dissuasive.

Così, la Corte di Giustizia Europea ha ricordato che la valutazione sulla solvibilità del cliente deve essere effettuata con tutti gli strumenti a disposizione dell'istituto di credito, eventualmente consultando le banche dati e i registri previsti dalla legislazione nazionale,

La pronuncia consente di comprendere quale arma la Comunità Europea abbia messo a disposizione dei consumatori e, tuttavia, a molti sia ancora ignota.

11 aprile 2014 · Giorgio Martini


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Interessi legali e interessi di mora
Gli interessi su prestiti e mutui costituiscono un'ulteriore obbligazione che integra quella che viene definita principale: per fare un esempio abbastanza comune, quando una società o un istituto di credito erogano un finanziamento, la somma che deve essere restituita al termine del periodo concordato è l'obbligazione pecuniaria principale mentre le ...
Phishing » Quando l'istituto di credito deve il risarcimento al proprio cliente?
Il famigerato phishing: molti italiani cadono, spesso, in questa trappola. Ma in sostanza, cos'è il phishing? E ancora, quando avviene, l'istituto di credito è responsabile? In quali casi deve il risarcimento danni al proprio correntista? Con la tecnica fraudolenta del phishing i cyber-criminali riescono ad acquisire i dati dei conti ...
Spese ed interessi in conto corrente - Quando il contratto non è sottoscritto dal cliente
Spetta alla banca l'onere di provare quali siano le condizioni economiche applicabili al rapporto di conto corrente con il cliente. In mancanza di un contratto sottoscritto dal cliente, gli interessi e gli altri oneri, addebitabili in conto corrente, sono determinati dal Testo Unico Bancario (TUB), il quale prevede che il ...
Conto corrente e modifica condizioni contrattuali » La banca può farlo?
Nei contratti di conto corrente e di deposito può essere presente la clausola che prevede la facoltà per la banca di modificare unilateralmente le condizioni. E' bene sapere che la banca può modificare le condizioni contrattuali solo in presenza di un giustificato motivo e, comunque, il cliente ha 60 giorni ...
La banca è sempre responsabile dell'illecito compiuto in danno del cliente da un suo promotore finanziario
La banca risponde di un illecito compiuto in danno di terzi dal suo promotore che lo abbia commesso in tale veste, con conseguente responsabilità della banca stessa, per effetto della correlazione, al risarcimento del cliente truffato. La circostanza che il cliente abbia consegnato al promotore finanziario somme di denaro con ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su interessi legali » no se banca non ha valutato solvibilità cliente. Clicca qui.

Stai leggendo Interessi legali » No se banca non ha valutato solvibilità cliente Autore Giorgio Martini Articolo pubblicato il giorno 11 aprile 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 23 luglio 2017 Classificato nella categoria prestiti e tassi di interesse Inserito nella sezione contratti di prestito - microcredito usura e sovraindebitamento.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca