Casa – Acquisto di una casa

Io, straniero con regolare permesso di soggiorno, posso acquistare una casa?

Gli stranieri con regolare permesso di soggiorno per motivi di lavoro o motivi familiari, o in possesso di permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo, possono acquistare una casa alle stesse condizioni dei cittadini italiani.

Nel caso di acquisto della prima casa esistono delle agevolazioni sulle imposte.

Quali documenti devo firmare per acquistare casa?

  • La proposta d’acquisto, con cui si blocca il prezzo pattutito e si sottoscrive una proposta irrevocabile di acquisto, versando un acconto sul prezzo;
  • la promessa di vendita o compromesso, un contratto preliminare che impegna le parti alla stipula del rogito (il contratto di compravendita) fissandone la data, se non è possibile stipulare il contratto immediatamente. Alla firma del compromesso è d’uso, ma non obbligatorio, versare un acconto sul prezzo richiesto dell’immobile;
  • l’atto pubblico di vendita, il contratto di compravendita, che ha per oggetto il trasferimento della proprietà, si stipula davanti al notaio (rogito notarile), presenti il venditore ed il compratore, ed è redatto in forma pubblica.

Cos’è il mutuo?

Se non hai a disposizione l’intera somma per l’acquisto della casa puoi chiedere un prestito ad una banca attraverso l’accensione di un mutuo ipotecario.

La banca, a garanzia del mutuo (prestito) erogato, pone sull’immobile acquistato un vincolo (l’ipoteca). Se il reddito non è sufficiente a pagare la rata del mutuo la banca richede una garanzia (fideiussione) da una persona o un ente che si impegna a garantire personalmente con i propri beni il rimborso del tuo debito. L’ipoteca è una formula che consente alla banca, nel caso in cui non vengano pagate le rate del mutuo, di appropriarsi della casa e anche di venderla per recuperare i soldi anticipati.

Nel caso di acquisto della prima casa si può accedere ad un mutuo agevolato che prevede interessi più bassi rispetto a quelli generalmente applicati dalle banche.

Attenzione: se pensi di accendere un mutuo, verifica con la banca di avere i requisiti per ottenere il prestito della somma di cui hai bisogno prima di fare la proposta di acquisto della casa.

Quali condizioni richiede la banca per concedere un prestito o un mutuo?

Per concedere un prestito o un mutuo la banca richiede delle garanzie:

  • la dichiarazione dei redditi;
  • il versamento su conto corrente dello stipendio (in alcuni casi non è obbligatorio);
  • garanzie personali o patrimoniali.

Cosa si deve specificare in un contratto per l’accensione del mutuo?

Le principali condizioni che vengono specificate in un contratto di mutuo sono:

  • in quanto tempo i soldi verranno restituiti (da 5 a 30 anni), anche in considerazione dell’età anagrafica del richiedente;
  • quale tasso di interesse viene applicato (il massimo tasso di interesse è stabilito dalla legge che vieta di applicare un tasso usurario; i tassi di interesse vengono stabiliti con varie scadenze (mensili, trimestrali, ecc.) e sulla base di indici di riferimento pubblicati sui principali quotidiani (ad esempio l’indice EURIBOR, EURIRS) più un ulteriore costo applicato dalla banca e diverso da istituto ad istituto, definito SPREAD;
  • qual è la rata da pagare e il piano di rimborso (la frequenza con cui si versano i pagamenti); la rata da pagare deve essere sostenibile rispetto al livello di reddito del richiedente;
  • a quanto ammontano le penali di chiusura anticipata del mutuo.

Chi redige i contratti relativi al mutuo e alla casa?

Sia il contratto di compravendita della casa sia il contratto per l’erogazione del mutuo devono essere redatti e registrati da un notaio.

Quali imposte e spese devo affrontare al momento dell’acquisto di una casa?

  • Imposta di registro (a condizioni agevolate per l’acquisto della prima casa);
  • se si acquista un immobile da un’impresa anche l’Imposta sul Valore Aggiunto (IVA);
  • imposta ipotecaria;
  • imposta catastale;
  • spese notarili relative ai due contratti di compravendita e di erogazione del mutuo.

Quali spese devo affrontare come proprietario o inquilino di una casa?

Devi pagare le bollette relative alle utenze (gas, elettricità, acqua, riscaldamento, telefono se istallato, eventuali spese condominiali) che sono mensili o bimestrali e la tassa sulla raccolta dei rifiuti che deve essere pagata una volta l’anno.

7 Gennaio 2009 · Antonio Scognamiglio

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

La fideiussione per acquisto casa in costruzione
In caso di acquisto di un immobile in costruzione, generalmente, se il costruttore (impresa o cooperativa) dovesse fallire prima della stipula dell'atto di trasferimento della proprietà (che di solito avviene dopo il completamento della costruzione), solo i creditori dotati di garanzie reali sul fabbricato in costruzione (ad esempio la banca che ha finanziato l'acquisto del terreno e/o la costruzione del fabbricato iscrivendo ipoteca sull'immobile) vedranno soddisfatte le proprie ragioni di credito, dovendo essere loro riconosciuto, con precedenza su tutti gli altri creditori, il ricavato della vendita forzata del fabbricato in costruzione. L'acquirente, invece, privo di specifiche garanzie sugli immobili, difficilmente ...

Acquisto casa - imposte da pagare con e senza le agevolazioni prima casa
Le imposte da versare quando si acquista casa dipendono da vari fattori: sono diverse, per esempio, le imposte dovute quando si acquista da un venditore "privato" o da un'impresa e risultano di importo inferiore quando si acquista la "prima casa". Se il venditore è un privato, la vendita è assoggettata all'imposta di registro del 9% e alle imposte ipotecaria e catastale nella misura di 50 euro ciascuna. Se il venditore è un'impresa, a seconda dei casi, la cessione potrà essere: esente da Iva, con l'imposta di registro pari al 9% e le imposte ipotecaria e catastale nella misura di 50 ...

Salve, 2 anni fa mia moglie ha stipulatato un mutuo di euro 180.000 per acquisto casa,io gli ho fatto da garante
Salve, 2 anni fa mia moglie ha stipulatato un mutuo di euro 180 mila per acquisto casa ed io gli ho fatto da garante, ma le ultime 5 rate sono state pagate in ritardo. Adesso vorrei estinguere il seguente mutuo, e rifarlo un'altro di 100 mila a mio nome, me lo concederanno? Aspetto un tuo suo consiglio. Commento di SALVATORE | Giovedì, 25 Settembre 2008 Se lei ha fatto da garante per un mutuo con irregolarità nei pagamenti, non sono troppo fiducioso che altri istituti bancari le daranno volentieri credito. Per accertarsi a proposito della sua situazione, dai siti CRIF ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su casa – acquisto di una casa. Clicca qui.

Stai leggendo Casa – Acquisto di una casa Autore Antonio Scognamiglio Articolo pubblicato il giorno 7 Gennaio 2009 Ultima modifica effettuata il giorno 2 Maggio 2017 Classificato nella categoria immigrazione e integrazione

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)