Indice del post acquisti e vendite » un vademecum utile al consumatore

Sapevate di avere una garanzia legale, sempre dovuta, di due anni per ogni bene di consumo acquistato, conoscete il significato di difetto di conformità? Sapete per quanto tempo il vostro bene è garantito? A quali contratti si applica la garanzia legale? E a quali, invece, non si applica? A chi bisogna rivolgersi se il vostro bene ha un difetto di conformità? Che fare se il negoziante nega un vostro diritto? Qual è la normativa di riferimento cui appellarsi? Se vi siete posti queste, ed altre, domande, l'articolo seguente è ciò che fa per voi. Un vademecum per il consumatore [ ... leggi tutto » ]

La garanzia legale è obbligatoria per legge, ha validità due anni dalla consegna del bene, è inderogabile e può essere fatta valere dal consumatore, direttamente nei confronti del venditore, nel caso in cui il bene di consumo acquistato presenti un difetto di conformità rispetto al contratto di vendita. Il Codice del Consumo (decreto legislativo numero 206 del 6/09/05 in recepimento della Direttiva 1999/44/CE) stabilisce infatti che il venditore ha l'obbligo di consegnare al consumatore un prodotto conforme al contratto di vendita. Rispetto alla normativa precedente, il Codice del Consumo, entrato in vigore nel 2005, ha rafforzato le tutele in [ ... leggi tutto » ]

È molto importante conservare per almeno ventisei mesi gli scontrini fiscali (meglio ancora una fotocopia per evitare la cancellazione del testo sulla carta chimica) o le fatture intestate ad una persona fisica. Ricorda che come prova d'acquisto, è valido anche il tagliando dell'assegno, oltre che la cedola della carta di credito, lo scontrino del bancomat o la stessa confezione. È inoltre essenziale che la prova di acquisito rechi la data e, possibilmente, anche la descrizione del bene comprato. In mancanza di almeno uno di questi documenti, è valida anche la testimonianza. Questo complesso di tutele, disciplinate dal Codice di [ ... leggi tutto » ]

La garanzia commerciale (o convenzionale) di solito viene offerta dal produttore. Si aggiunge a quella legale, ma non la sostituisce, non pregiudica quindi la garanzia legale che spetta sempre al consumatore. È facoltativa, ma una volta offerta diviene vincolante per chi la propone, secondo le modalità indicate. È libera nella durata, nell'oggetto e nell'estensione territoriale. La garanzia convenzionale non può in nessun caso limitare i diritti del consumatore ma può esclusivamente ampliarli (ad esempio, prevedendo riparazioni in tutto o in parte gratuite per una durata più ampia dei due anni, ovvero prevedere servizi accessori o ulteriori vantaggi per il [ ... leggi tutto » ]

Il venditore è l'unico soggetto responsabile nei confronti del consumatore, a prescindere dal fatto che il difetto dipenda da un altro soggetto della catena distributiva (ad esempio il produttore). È il venditore a dover rispondere direttamente e personalmente alle richieste del consumatore, facendosi carico di ogni eventuale onere. Il venditore potrà poi rivalersi a sua volta sul responsabile del difetto di conformità. Quindi sappi che: sono illegittime le richieste del venditore di rivolgersi direttamente al centro di assistenza o alla casa produttrice del prodotto; sono illegittime le clausole contrattuali che escludono o limitano i diritti del consumatore, anche qualora [ ... leggi tutto » ]

Molto spesso i venditori rifiutano di garantire assistenza al cliente. Non ci sono scuse! Una prerogativa della garanzia legale è la sua inderogabilità. Quindi ecco cosa fare: Denuncia del difetto di conformità Il consumatore deve denunciare al venditore il difetto di conformità il prima possibile e comunque entro due mesi(60 giorni) dalla scoperta. Il consumatore può formulare direttamente la denuncia, formalizzandola sempre per iscritto mediante lettera raccomandata a.r o per email o via fax, oppure può rivolgersi alla Camera di Commercio più vicina o ad un'associazione di consumatori al fine di ricevere assistenza e consulenza nella elaborazione della denuncia. [ ... leggi tutto » ]

Secondo la Corte di Cassazione, che si è pronunciata sulla questione con la sentenza 3755/79, per far valere la garanzia di buon funzionamento, il compratore deve soltanto dimostrare il cattivo funzionamento del bene acquistato e che il cattivo funzionamento si è verificato durante il periodo di garanzia. Gli Ermellini, inoltre, con la pronuncia 6033/95, hanno chiarito che: La garanzia di buon funzionamento non ha effetto se non è stabilito il periodo di durata della garanzia stessa, salvo rimanendo l’ordinaria garanzia a carico del venditore per i difetti della cosa acquistata. Altresì, con la massima 5740/86, hanno sancito che: se [ ... leggi tutto » ]

Entri in un negozio di telefonia per acquistare un cellulare e il venditore sostiene che hai diritto a sei mesi di garanzia. Ti sta dando un'informazione corretta? Si, perché tutti i contratti di vendita di beni di consumo hanno, per legge, una garanzia legale di due anni. La lavastoviglie acquistata da appena un anno non esegue correttamente il programma di risciacquo per un difetto di fabbricazione. A chi ti rivolgi? Al venditore, perché il Codice del Consumo stabilisce che solo e sempre il venditore ha l'obbligo di fornire assistenza gratuita al consumatore in caso di difetto di conformità. Hai [ ... leggi tutto » ]

28 ottobre 2013 · Giovanni Napoletano

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Difetto di conformità di un bene » Che cosa si intende?
Dopo aver acquistato un paio di jeans da un noto sito internet, non sono affatto soddisfatto del prodotto ricevuto. Non sono sicuro però, di poterlo sostituire. Vorrei sapere, precisamente, cosa si intende per difetto di conformita? Nel caso il bene ricevuto corrisponda ai parametri, a chi rivolgermi. Posso richiedere la ...
La garanzia legale » I cinque punti fondamentali da conoscere
Conoscete il significato di garanzia legale? Sapevate che è sempre dovuta, nei termini di due anni, per ogni bene di consumo acquistato? Se la risposta è no, allora una lettura a questo articolo potrebbe aiutarvi. Ecco, infatti, i cinque punti fondamentali da conoscere sulla garanzia legale. Cosa è la garanzia ...
Garanzia legale del consumatore » Una scheda pratica
Garanzia legale sui beni di consumo: ecco quali sono tutti i diritti di cui gode il consumatore in questo ambito. Il codice del consumo regola la garanzia legale sui beni di consumo venduti ai consumatori. La norma originaria è il decreto legislativo 24/2002, attuativo della direttiva 1999/44/CE, che ha modificato ...
Vizi della cosa venduta e tutela del consumatore
In tema di compravendita, all'acquirente (creditore) sarà sufficiente denunciare la presenza di vizi o di difetti che rendano il bene consegnato inidoneo all'uso al quale è destinato o che ne diminuiscano in modo apprezzabile il valore, essendo a carico del venditore (debitore) l'onere di dimostrare di avere consegnato una cosa ...
Cosa venduta - Differenze fra garanzia per i vizi e garanzia di buon funzionamento
La disciplina della garanzia per vizi della cosa venduta pone il venditore in una situazione non tanto di obbligazione, quanto di soggezione rispetto all'iniziativa del compratore, intesa alla modifica del contratto od al suo annullamento: il compratore non dispone di un'azione di esatto adempimento per ottenere dal venditore l'eliminazione dei ...

Spunti di discussione dal forum

Azione revocatoria atto di compravendita immobile
Sono in procinto di stipulare un rogito dopo aver fatto e registrato un regolare contratto di compravendita. Vengo a conoscenza che il venditore dell'immobile ha perso una causa e quindi si aspetta da un momento all'altro che il creditore faccia applicare un'ipoteca sul suo immobile. Il venditore mi chiede se…
Ipoteca giudiziale su immobile
Una zia compra un immobile che, due anni dopo, dona al nipote. Successivamente all'avvenuta donazione, si viene a conoscenza, in maniera informale, che pochi giorni dopo la stipula del contratto pubblico di compravendita sottoscritto dalla zia, al venditore veniva notificato un atto di iscrizione di ipoteca giudiziale. La trascrizione dell'ipoteca…
Come posso tutelarmi per evitare un’azione revocatoria su atto di compravendita
Chiedo come posso tutelarmi per evitare un'azione revocatoria su un atto notarile. Il venditore è un libero professionista, so che ho avuto diverse avventure finanziarie ma l'immobile attualmente è esente da ipoteche. Sto acquistando ad un prezzo di mercato, ovvero ad un valore che oscilla tra +- 10% tra il…
Il rischio di una revocatoria dell’atto di una compravendita quando è escluso?
Il rischio di una revocatoria dell'atto di compravendita per l’intero immobile o per quote di esso è escluso solo quando coesistono tutte e tre le situazioni o una delle tre: l’acquirente è un soggetto terzo (non parente o affine del venditore), il prezzo della transazione è quello di mercato e…
Acquisto casa con accollo – Come funziona l’accollo del mutuo?
A giugno 2016 io e mia moglie abbiamo acquistato un immobile (ora nostra dimora) con accollo del mutuo. Il giorno della stipula abbiamo versato, tramite bonifico, la somma dovuta per arrivare al prezzo pattuito e il resto con accollo mutuo. Abbiamo aperto un c/c presso la banca del mutuo. La…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su indice del post acquisti e vendite » un vademecum utile al consumatore. Clicca qui.

Stai leggendo Indice del post Acquisti e vendite » Un vademecum utile al consumatore Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 28 ottobre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 18 maggio 2017 Classificato nella categoria sentenze e ordinanze della Corte di cassazione in tema di tutela dei consumatori Inserito nella sezione tutela consumatori.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca