Distacco acqua » Vicino casa c'è una fontanella? No stato necessità

A seguito di interruzione della fornitura dell’acqua, la rimozione i sigilli, per poter tornar a fruire della somministrazione, configura un reato se nelle vicinanze dell’abitazione vi è una fontanella. In questi casi non sussiste lo stato di necessità.

La causa di giustificazione richiede l’assoluta necessità della condotta e l’inevitabilità del pericolo.

Non è quindi ravvisabile lo stato di necessità, quando una famiglia, a cui sia stata interrotta la fornitura, rimuova i sigilli per poter tornar a fruire della somministrazione d’acqua, essendoci a poca distanza dalla casa familiare una fonte d’acqua pubblica da cui poter attingere.

Questo, in sintesi, l’orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 41069/14.

Morosità con la società fornitrice dell’erogazione dell’acqua per non aver pagamento la bolletta?

Ebbene, da quanto si evince dalla pronuncia esaminata, la rimozione sigilli per tornare a fruire del servizio, magari perché si hanno bambini in casa e, quindi, si ritiene di essere in uno stato di pericolo e di necessità, configura un reato qualora nei pressi dell’abitazione familiare sia presente una fontanella.

A parere degli Ermellini, dunque, l’azione non sempre è giustificabile agli occhi del diritto: infatti, con la presenza della fonte d’acqua pubblica da cui poter attingere, viene meno il cosiddetto stato di necessità.

Con quest’ultimo, in pratica, non si applica alcuna pena a chi ha commesso un fatto per esservi stato costretto dalla necessità di salvare sé o altri dal pericolo attuale di un danno grave alla persona.

Secondo piazza Cavour, tale causa di giustificazione si può applicare solo quando vi sia una assoluta necessità e l’inevitabilità del pericolo.

Come accennato, quindi, non è ravvisabile lo stato di necessità quando, in caso di distacco della fornitura d’acqua, si effettui la rimozione dei sigilli per poter tornar a fruire della somministrazione d’acqua, se a poca distanza dalla casa familiare sia presente una fontanella.

6 Ottobre 2014 · Gennaro Andele

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Furto di energia elettrica - L'eventuale situazione di indigenza non è idonea ad integrare lo stato di necessità
Non è giustificabile la condotta del capofamiglia che decide di usufruire gratis nel proprio appartamento della fornitura di energia elettrica (Corte di Cassazione, sezione penale, sentenza 121/2019). La giurisprudenza penale ha più volte chiarito che la situazione di indigenza non è di per sé idonea ad integrare la scriminante dello stato di necessità, per difetto degli elementi dell'attualità e dell'inevitabilità del pericolo, atteso che alle esigenze delle persone che versano in tale stato è possibile provvedere per mezzo degli istituti di assistenza sociale. Il principio è stato successivamente ribadito, rilevandosi che l'esimente dello stato di necessità postula il pericolo attuale ...

Multa per guida con il telefono cellulare » Anche al medico: non sussiste lo stato di necessità
Multa per guida con telefono cellulare: anche l'urgenza non ne giustifica l'uso. Neanche le urgenze scusano l'utilizzo del cellulare al volante: lo stato di necessità può essere invocato solo in caso di effettiva situazione di pericolo imminente di danno grave alla persona, non altrimenti evitabile, ovvero l'avere agito in esecuzione di un ordine non macroscopicamente illegittimo, nonché l'erronea persuasione di trovarsi in tali situazioni, persuasione provocata da circostanze oggettive. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Suprema Corte, con sentenza 21266/14. Medico alla guida, risposta alla chiamata d'emergenza sul cellulare: legittima la multa. Da quanto si evince dalla pronuncia in esame, ...

Contratti di fornitura di acqua, luce e gas - Voltura e subentro » Facciamo chiarezza
C'è molta confusione intorno ai due termini subentro e voltura nell'ambito dei contratti relativi ad utenze domestiche di fornitura acqua luce e gas a cui si aggiunge, complicandone oltremodo l'intellegibilità, il ricorso frequente ad altre definizioni, variabili con lievi sfumature sul tema, come voltura umana, subentro totale, voltura con o senza accollo, eccetera: proviamo a spiegare la voltura e il subentro con un approccio diverso, caratterizzato da elementi sostanziali, quali l'appartenenza, o meno, del nuovo contraente rispetto al nucleo familiare del vecchio contraente; la posizione giuridica del nuovo rispetto al vecchio contraente; il titolo di proprietà, usufrutto, diritto di abitazione, ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su distacco acqua » vicino casa c'è una fontanella? no stato necessità. Clicca qui.

Stai leggendo Distacco acqua » Vicino casa c'è una fontanella? No stato necessità Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 6 Ottobre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 18 Maggio 2017 Classificato nella categoria sentenze e ordinanze della Corte di cassazione in tema di tutela dei consumatori Inserito nella sezione tutela consumatori

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)