Società Sas » Ecco quando può fallire il socio accomandante

In tema di responsibilità patrimoniale dei soci in una società Sas, anche il socio accomandante, privo di delega di cassa, può fallire se emette assegni per la società.

Il socio accomandante che emetta assegni bancari tratti sul conto della società all’ordine di terzi, apponendo la propria firma sotto il nome della sas e per conto della stessa, in difetto della prova della sussistenza di una mera “delega di cassa”, viola il divieto di immistione previsto dall’articolo 2320 c.c., assumendo responsabilità illimitata per tutte le obbligazioni sociali ed esponendosi, in caso di fallimento della società, alla dichiarazione di fallimento per estensione ex art. 147 L. fallimento.

E ciò senza che rilevi il lasso di tempo (anche lungo) intercorso tra la cessazione dell’ingerenza nell’amministrazione o il fallimento della società e la suddetta dichiarazione.

Sono questi i principi affermati dalla Corte di Cassazione nella sentenza 23651/14.

Con la pronuncia in esame, la Suprema Corte torna sulla questione della limitazione di responsabilità del socio accomandante, inscindibilmente legata anche al problema, di notevole ricorrenza, dell’estensibilità del fallimento sociale al socio accomandante stesso.

Come noto, i soci accomandanti rispondono per le obbligazioni sociali limitatamente alla loro quota.

Al beneficio della responsabilità limitata, però, è collegato il divieto di amministrare la società.

I soci accomandanti, difatti, possono soltanto prestare la loro opera sotto la direzione degli amministratori ed anche, se è consentito dal contratto sociale, dare autorizzazioni e pareri per determinate operazioni e compiere atti di ispezione e di sorveglianza.

Al contrario, non possono compiere autonomamente atti di amministrazione o di rappresentanza, trattando o concludendo affari in nome della società.

Se violano detto divieto, i soci accomandanti, sul piano esterno, assumono responsabilità illimitata e solidale per tutte le obbligazioni sociali, comprese quelle sorte anteriormente all’atto di ingerenza.

Sul piano interno, possono essere esclusi dalla società e, secondo la giurisprudenza, devono ripartire le perdite con i soci accomandatari.

Dunque, secondo quanto chiarito dagli Ermellini, il socio accomandante, il quale emetta assegni bancari tratti sul conto della società all’ordine di terzi, apponendovi la propria firma sotto il nome della società e per conto della stessa, in difetto della prova della sussistenza di una mera delega di cassa assume solidale ed illimitata responsabilità per tutte le obbligazioni sociali e, in caso di fallimento della società, è assoggettabile al fallimento in proprio.

13 Novembre 2014 · Paolo Rastelli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

L'ingerenza del socio accomandante nella gestione della sas comporta responsabilità patrimoniale illimitata e solidale
L'ingerenza del socio accomandante ovvero l'attività di gestione interna ed esterna o l'accordo tacito intercorso con il socio accomandatario sono aspetti irrilevanti qualora il terzo abbia concluso un contratto preliminare con la società in accomandita in persona del soggetto, peraltro qualificatosi socio, che essendo l'accomandante non aveva il potere di agire impegnando la società. Al riguardo, va ricordato che nella società in accomandita semplice, in caso di sopravvenuta mancanza di tutti i soci accomandatari, il codice civile (articolo 2323) nel prevedere la sostituzione dei soci venuti meno e la nomina in via provvisoria di un amministratore per il compimento degli ...

Quando il socio accomandante di una sas rischia di rispondere illimitatamente dei debiti societari
Com'è noto, nelle società in accomandita semplice diverso è il regime di responsabilità verso i terzi che caratterizza le distinte categorie dei soci: gli accomandatari, ai quali è riservato il potere di amministrare la società, che rispondono illimitatamente e solidalmente per le obbligazioni sociali; gli accomandanti, esclusi dalla amministrazione, che rischiano nei limiti della quota conferita. L'articolo 2320 del codice civile disciplina le attività delle quali è fatto divieto al socio accomandante, individuate nel compimento di atti di amministrazione, trattazione o conclusione di affari in nome della società. Il socio accomandante assume responsabilità illimitata per le obbligazioni sociali ove contravvenga ...

Responsabilità patrimoniale dei soci sas - approfondimenti
E' possibile raggruppare le società presenti nel nostro ordinamento giuridico in base alla loro autonomia patrimoniale. Al grado di correlazione esistente tra il patrimonio personale dei soci e quello della società corrisponde, infatti, un diverso conseguente regime di responsabilità patrimoniale dei soci nei confronti dei terzi creditori. Diremo che una società è caratterizzata da autonomia patrimoniale perfetta laddove esiste una completa indipendenza del patrimonio della società da quello dei soci. Parleremo, invece, di società con autonomia patrimoniale imperfetta quando non esiste una netta separazione tra il patrimonio della società e il patrimonio dei soci. Le società di persone sono caratterizzate da ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su società sas » ecco quando può fallire il socio accomandante. Clicca qui.

Stai leggendo Società Sas » Ecco quando può fallire il socio accomandante Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 13 Novembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria impresa responsabilità patrimoniale socio ed amministratore Inserito nella sezione debiti ed imprese

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)